Attesa ai saloni per il debutto delle nuove auto

La DS3 sta funzionando a meraviglia in termini di vendite e, tra l'altro, il mercato italiano è uno dei più accoglienti per la piccola fuoriserie Citroen.

Organizzazioni DS4, Honda
Argomenti autoveicoli

30/set/2011 19.23.48 Silvia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La DS3 sta funzionando a meraviglia in termini di vendite e, tra l’altro, il mercato italiano è uno dei più accoglienti per la piccola fuoriserie Citroen. Ma la DS3 è una sportiva in senso classico, quindi incarna un concetto automobilistico omologato, facilmente metabolizzabile dalla maggior parte degli automobilisti. Invece la DS4, sicuramente è un’auto anomala, dedicata a un pubblico non allineato. La DS4 ha cinque posti, un bagagliaio degno di questo nome e condivide pianale, gran parte della meccanica e dimensioni con la C4 berlina. Le sospensioni, sono leggermente rialzate, che paiono in conflitto sia con l’idea di coupè sia con la propensione all’agilità che dovrebbe essere uno dei temi caratterizzanti del dna DS. L’altro aspetto controverso riguarda la scelta di non dotare la DS4 di cristalli posteriori apribili, né di bocchette di areazione dedicate a chi siede dietro. Rispetto alla C4 la DS4 ha dalla sua parte una fisionomia senza dubbio più originale e accattivante, una approccio stradale più gratificante, motori più brillanti per quanto riguarda l’alto di gamma e possibilità di personalizzazione che possono dare all’abitacolo un aspetto faraonico. La 1.6 THP 200 è la DS4 più prestazionale e viene offerta solo nella configurazione Sport Chic, quella al top. Il 1600 turbo benzina da 200 cv appartiene alla famiglia di propulsori progettata da Peugeot/Citroen e BMW. La Opel Ampera che si appresta a fare il suo debutto sul mercato europeo a novembre scavalca brillantemente, il principale ostacolo, quello dell’autonomia. Lo fa adottando una soluzione semplice ma efficace, che dà alla vettura una versalità di impiego a 360 gradi, come e meglio di un’auto tradizionale. Al motore elettrico da 150 cv si affianca infatti un tradizionale propulsore a benzina di 1.4 litri e 86 cv che interviene automaticamente soltanto quando le batterie stanno per esaurire la loro carica. Tra le novità in uscita molto attesa è la Honda, con la Jazz ibrida  , che spera di ottenere lo stesso successo dei modelli precedenti, tra cui spicca la Honda Accord

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl