Scrittori Ferraresi in Il Libro Manifesto: "Nuova Oggettività" (Heliopolis, 2011) Oltre 90 autori a cura di Sandro Giovannini, Giovanni Sessa e altri

13/ott/2011 17.17.48 FUTURGUERRA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
Nietzsche nell'artiglieria prussiana | http://www.filosofico.net/galleria/fotonietz.htm



- oltre 90 autori per la nuova filosofia italiana- (anche i ferraresi Roby Guerra, Zairo Ferrante, Gaia Conventi, Riccardo Roversi, Giovanni Tuzet, Maurizio Ganzaroli,Sylvia Forty)

http://nuovaoggettivita.blogspot.com/2011/09/libro-manifesto-nuova-oggettivita-il.html

Un ambizioso nuovo progetto postfilosofico per la cultura italiana è lanciato in questi giorni: è il  Libro Manifesto Nuova Oggettività, popolo, partecipazione, destino, a cura di Sandro Giovannini, Giovanni Sessa, Stefano Vaj, Claudio Bonvecchio,Gian Franco Lami (precocemente scomparso) e altri che coinvolge oltre 90 autori di tutta Italia (scrittori, filosofi, artisti, scienzati sociali, spesso ben noti in ambito nazionale). Un progetto programmaticamente trasversale, anti-ideologico, per l'uomo multidimensionale del nostro tempo, tra proiezioni dell'avvenire e archetipi di certa Tradizione creativa, soprattutto rinascimentale e "neopagana". Progetto forse unico per la cultura italiana, in tale eclettismo superplurale e superdemocratico, attraversato forse da un'unica cifra costante, certa alternativa utopica e atopica a certo presentismo paleocapitalista e una visione planetaria anzichè banalmente globalista.
Tra gli autori anche scrittori ferraresi genericamente d'avanguardia: Roby Guerra (anche nella segreteria del progetto e blogger della voce on line "Nuova Oggettività" del neomovimento), Riccardo Roversi, Giovanni Tuzet, Maurizio Ganzaroli, Gaia Conventi, Zairo Ferrante (salernitano d'origine), Sylvia Forty, tutti ben noti a Ferrara e non solo.
Alcune parole in più da quest'ultimi sull'iniziativa.

D- Il tuo contributo in pillole


R-

(Gaia Conventi) La mia è una tirata d’orecchi agli intellettuali e all’intellettualese, sorta di alto gergo tra iniziati che si vestono di cultura come fosse uno smoking di noia per serate mondane.

(Zairo Ferrante)Il mio contributo?: Dei semplici versi che tracciano un percorso ben strutturato nella mia testa. Il percorso è quello “ dell’ evoluzione “, concetto che si riprende anche nel titolo della silloge, l’arrivo è l’uomo e il mezzo per percorrere la strada è la semplicità. Semplicità intesa, ovviamente, non come banalità o superficialità, ma come ricerca profonda del proprio essere ed esistere.

(Sylvia Forty) ...Cerca il lato ironico della quotidianità e... “sforzati di ridere di te stesso”, il messaggio: satira sociale sull'era dei single e un elettrodomestico.. pensante!

(Maurizio Ganzaroli) Il mio contributo a questo libro, tra il serio e il faceto, si chiama "la relatività del tempo" o relatività temporale, e parla degli errori commessi nel conteggio dei minuti e secondi che compongono il normale anno che noi conosciamo ma che consideriamo sempre per comodità in modo tondo 365 giorni e sei ore. Ma se si considerassero quei minuti e quei secondi a cui non ci si fa caso, che cosa accadrebbe al nostro calendario, e quali effetti avrebbe sul clima e le stagioni? O no?
(Roby Guerra) Futurismi sulla Realtà Virtuale vista come scienza della solitudine - ma provvisoria... - della futura, ne sono certo, rivoluzionaria netgeneration, altro che Indignados senza futuro e vecchi come i Padri sessantottini..

(Riccardo Roversi) Una sorta di filologia dal futuro ma retrospettiva: alla ricerca della memoria perduta, la parola ibernata di alcuni eccelsi letterati del tempo che fu e magari sarà:


D- E' possibile in Italia una nuova visione aperta e libera, culturale?


R-

(Gaia Conventi) E’ possibile decidere di non lasciarsi influenzare dall’andazzo. Affrontare il problema è un buon modo per creare un nuovo punto di vista, attendere semplicemente che ci venga proposto è sintomo di pigrizia.

(Zairo Ferrante)Non solo è possibile, ma credo che, visti i tempi, sia anche necessaria. Ovviamente occorre un’educazione alla libertà e un cambio di rotta anche da parte della classe dirigente. In questo periodo stiamo assistendo al fallimento dell’economia globale e, per quel che riguarda l’Italia, anche al fallimento del nostro sistema partitico. Ecco che: apertura, libertà, cultura, trasversalità e pluralità diventano ingredienti indispensabili per ripartire.

(Sylvia Forty)E' difficile, anche la cultura è stata strumentalizzata e se un tempo le denunce e le ingiustizie spesso venivano sollevate dal mondo culturale, oggi non è più così. basti pensare al giornalismo, un appiattimento di notizie comunicate come "lettori" di un testo, non "interpreti" che prendono posizione.

(Maurizio Ganzaroli)Non so quanto possa essere libera la cultura e l'arte in Italia, se non a livelli altissimi, ma sicuramente ci si prova in tutti i modi ad abbattere quei muri e quei blocchi che vengono eretti davanti ad espressioni culturali o artistiche che non sono all'interno di canali soliti, noiosi e sicuramente obsoleti, ma cercano di uscire e proporre nuovi pensieri, opinioni ed espressioni, che se non sono del tutto nuovi, per lo meno tendono a creare modi alternativi di concepire l'arte, la cultura e la libera espressione.

(Roberto Guerra)Noi futuristi, l'abbiamo... da 100 anni e +... Oggi Internet è il Regno della Macchina che sognava Marinetti. Le rottamazioni... rivoluzioni del Novecento (fascismo, comunismo, Democrazia) non hanno funzionato: la cultura in Italia resta soprattutto passatista; cambiano quasi solo i Trogloditi.. e i loghi del Potere, rosso, nero, bianco, verde.... No Future in Italia a livello non solo culturale ancora per qualche decennio.

(Riccardo Roversi)Forse sì. Ma paradossalmente - almeno in letteratura è magari una tipologia di “intellettuali” defilate, che non partecipano attivamente all’attività culturale, disinteressati alla vita sociale. All'orizzonte una nuova letteratura, filosofia pura? Sulla modernizzata “torre d’avorio”, indifferente alle contingenze contemporanee? Perché No... e lo auspico!


D- Futuro o Tradizione, Umanesimo o Scienza all'orizzonte?


(Gaia Conventi) Se l’orizzonte non è quello d’una cartolina, solo andandogli incontro scopriremo quanto ci riserva. Definire quel che ci attende è mettere limiti al futuro, e catalogarlo come i cinici fanno con le farfalle.

(Zairo Ferrante)Questi concetti non devono necessariamente essere separati. Anzi, credo che, il futuro si costruisce sulle tradizioni e la scienza vince se è attenta all’uomo. E’ sotto gli occhi di tutti che la ricerca spasmodica di un “nuovo” futuro che distrugga il “ passato” non porta a nulla di buono, come del resto, una scienza selvaggia che non tenga conto delle vere esigenze umane porta solo aridità.

(Sylvia Forty)La scienza va avanti perchè chi se ne occupa è fortemente motivato a perseguire obiettivi e risultati. la lotta sarà comunque dura perchè nonostante le ampie possibilità di studio delle nuove generazioni, il livello culturale è fortemente in calo e questo provoca inevitalbimente un maggior ancoraggio alle tradizioni e a temere il progresso.

(Maurizio Ganzaroli)Sicuramente futro! il futuro si basa sul passato, ma non deve mai rimanere avvonghiato, altrimenti si rischia di non avanzare mai, se non in modo laterale, che diventa quindi un falso progresso.

Si deve guardare al futuro, in ogni occasione, anche nell'immediato presente, poichè il presente come diceva Heinstein, non è altro che un sottile filo che divide il ieri da domani.

(Roberto Guerra)Scienza sola Igiene del Mondo: religione, filosofia, arte, poesia son solo dei simulacri, zavorre: naturalmente restano il divino, il pensiero, la bellezza, ma liberi non reificati...

(Riccardo Roversi)Umanesimo e Floofia, intese come categorie letterarie autonome, forse non esistono più (ma in un prossimo futuro, chissà...). Comunque, la “scoperta” di Internet equivale a quella della ruota: la civiltà (e quindi forse un Nuovo Umanesimo) non potrà più farne a meno.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl