Alberto Ferretti: L'avvento del fascismo a Ferrara (Rare)

25/ott/2011 16.49.14 FUTURGUERRA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Cronache Ferraresi 1920-1922
Un libro raro e prezioso che per il suo interesse storico e sociologico fa parte della Biblioteca della Fondazione Istituto Gramsci per gli Studi Storici. L'autore ne ha reperita una copia fortunosamente scampata alla distruzione sistematica dei documenti e oggetti del periodo fascista che avvenne nel post-ventennio. L'ha trascritto fedelmente salvaguardandone il testo, l'impostazione tipografica e le numerose immagini originali contenute. Un libro che ognuno dovrebbe poter leggere per capire come, ma soprattutto per quali motivi, a Ferrara e Provincia il fascismo crebbe in modo così esponenziale da superare - tra il 1920 e il 1922- di ben dieci volte il numero complessivo di iscritti dell'intera Lombardia, dove era stato fondato, in Piazza San Sepolcro, a Milano. A Ferrara, infatti, nacque il "Fascismo Agrario" e sempre da qui Italo Balbo, al quale fu affidato da Mussolini l'incarico di Comandante Generale dei Fasci di Combattimento, dopo averla accuratamente pianificata ed organizzata, partì per la Marcia su Roma. Un libro ricco di dettagliati riferimenti, esposti in ordine cronologico, sui fatti salienti avvenuti in quel periodo su tutto il territorio nazionale. Un libro che sicuramente desterà grande interesse in ogni genere di lettore.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl