Graziano Cecchini.l'arte di provocare

Graziano Cecchini.l'arte di provocare.

Persone Graziano Cecchini RossoTrevi CECCHINI, Simone Santucci, Graziano Cecchini, Vittorio
Luoghi Roma, Firenze, Emirati Arabi, Toscana, Francia, Pisa, Inghilterra, Iran, Dubai, Massa Carrara, Peccioli, Carrara, Salemi
Argomenti arte, istruzione, politica, letteratura

28/ott/2011 01.51.49 FUTURGUERRA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


"CECCHINI, l'arte di provocare", di Simone Santucci - Abfly

CECCHINI, l'ARTE di PROVOCARE.

Le sue performances, spesso provocatorie, hanno fatto parlare, nel bene o nel male, tutti i media e gli addetti al settore. Nel 2007, ad esempio, suscitò lo stupore del mondo facendo diventare rossa l’acqua della Fontana di Trevi a Roma con un colorante a base di anilina, innocuo per l’opera. Un’ azione da cui Graziano Cecchini, che abbiamo incontrato nel suo “buen retiro” nella campagna pisana, ha ricavato il nome del suo profilo Facebook, “Rossotrevi”.

CECCHINI, LEI È NATO A ROMA NEL 1953. COM’È TRASCORSA LA SUA GIOVENTÙ?
Erano gli anni ’70, anni bui, quando lasciai la capitale per vedere il mondo. Ho girovagato in Inghilterra e Francia, ma anche in paesi poco conosciuti allora, come Iran, Dubai, Emirati Arabi. Quell’esperienza mi ha permesso di conoscere culture diverse, di conviverci e mi consente oggi di non sentirmi a disagio, e non avere paura di chi da noi è migrante o immigrato. Perché fin da allora ho capito che siamo tutti parte di una stessa equazione la cui soluzione è la convivenza civile”.
CHE RAPPORTO HA CON VITTORIO SGARBI, CHE L’HA NOMINATA “ASSESSORE AL NULLA” DEL CO- MUNE DI SALEMI?
Un rapporto onesto e sincero, di amicizia a distanza. Vittorio è stato il primo a riconoscere in me l’artista. Non per questo non critico alcune sue scelte. Quando un giorno, eravamo a Peccioli, parlò a me e ad altri della sua idea per la Biennale di Venezia e gli dissi: “Vittorio, se la segui tu sarà un progetto grandioso”. Purtroppo credo che l’abbia fatta seguire a qualcun altro e così l’elefante ha partorito un topolino.
UNA PARTE DELLA CRITICA SI SCHIERA CONTRO LE SUE PERFORMANCES ARTISTICHE. COSA RISPONDE?
Che ci sono mentalità passatiste da accademici che andrebbero distrutte. Non ho nulla contro le Accademie, ma è ridicolo pensare che un professore insegni arte “per graduatoria”, mentre una volta i grandi artisti ottenevano una cattedra per meriti riconosciuti. E servirebbe, nella critica ed in alcuni giornalisti, una maggior apertura mentale, evitando di paragonare, ad esempio, una mia performance con le azioni di chi si scaglia contro le opere d’arte per danneggiarle.
DALLA CAMPAGNA TOSCANA ORA STA TRASLOCANDO DI NUOVO A ROMA. PERCHÉ?
“Mi trovo a mio agio nei posti in cui ci sono le motivazioni per fare il mio lavoro. Questo luogo ora ha esaurito la sua funzione e quindi torno nel liquido amniotico della mia Roma. A Pisa stavo lavorando al progetto di restyling di un’importante azienda, interrotto a causa di alcune diversità di vedute. Anche con il vicino comparto marmifero apuano, per il quale avevo realizzato l’architrave su Piazzale Michelangelo a Firenze, in occasione del Festival della Creatività, si è concluso un percorso. Dopo quella manifestazione agli imprenditori del marmo, infatti, è mancato il coraggio per fare il salto di qualità. Carrara ed il suo marmo, però, mi sono entrati nel cuore, per cui questo è solo un arrivederci.
COS'È IL MOVIMENTO ARTISTICO, FTM-AVANGUARDIAFUTURISTA DI CUI SI DEFINISCE LEADER?
In troppi si fregiano di un aggettivo, futurista, per rubare un pezzetto di quel movimento che ha dato tanto al nostro mondo. Nell’arte, però, non si può più analizzare la velocità come hanno fatto Balla e Boccioni. La velocità di oggi è quella del bit, dell’informazione in rete. Se un evento come quello in cui ho portato i grandi blocchi di marmo di Massa Carrara a piazzale Michelangelo, viene ripreso con lo smartphone raggiunge tutto il mondo in tempo reale.
SCRIVE SUL SUO PROFILO: “RINATO UNA SECONDA VOLTA QUANDO HO CONOSCIUTO LEI”.
Mia moglie mi sta accanto e mi stimola a migliorare ogni giorno nella mia professione. Sotto certi aspetti ero un po’ alla deriva quando l’ho conosciuta e mi ha rimesso in carreggiata. Ed ancora oggi quando tendo a sbandare è lei che mi riporta sulla strada giusta.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl