La Movida Semi-Flop di Diego Marani

30/ott/2011 02.39.36 FUTURGUERRA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


 


Certamente mentre scriveva non era fatto di Moijto o Gin Tonic, ma forse qualche canna ricordo del 77 bolognese (da lui ancora evocato, sic!) all'improvviso ha sicuramente attraversato i suoi neuroni-specchio o pensiero.... Altra occasione perduta per Diego Marani, oggi, scrittore e intellettuale d'area “governativa” a Ferrara, ma in ogni caso penna creativa... Va in tilt spesso quando deborda su questioni politico-culturali: alla fine prevale l'ideologismo, ancora il mito del 68/77, l'antiberlusconismo religioso laico... Ieri sulla Nuova Ferrara, è intervenuto sul tema della Movida a Ferrara, secondo -come noto- Sindaco e Università-degenerato... a livello di ordine pubblico e decoro proletario o accademico baronale.., da cui il noto decreto periferico bulgaro, molto discusso, che nei fatti demonizza la festa, gli studenti e i liberi esercenti del Centro Storico. Decreto, quasi minculpop, per vare ragioni. Come che se per colpa di qualche hacker idiota si bannase il Web complessivo... eccetera.

Va da sé: un peccato perchè Marani, pur non approfondendo, ha giustamente centrato la struttura della questione, denunciando l'inutilità-anzi il boomerang del dogma proibizionista, sia a livello legislativo che .. periferico ferrarese... Ma rilanciando non il diritto al futuro e al piacere della gioventù, come mappa fondamentale, ma a prescindere, mentre invece poi di volta in volta ...nel “territorio” le analisi fatalmente esitano differenziate: soprattutto rievocando il mito propulsivo del 68 e del 77, roba insomma che i tardocomunisti mai smetteranno di farsi, a quanto pare...

Tacito il pericoloso concetto della Società unica responsabile (nello specifico il Berlusconismo...) e della violenza proletaria quale risposta legittima alla Società repressiva o fascista... Effetti collaterali, sia ben chiaro, nel filo del discorso di Marani non esplicitati, anzi certamente ben al di là delle sue intenzioni... Ma è proprio questa miopia concettuale e pluridecennale che caratterizza certa Intellighenzia cosiddetta di Sinistra.... E soprattutto, come sempre, a parte -fondamentale- la richiesta di abolire certo proibizionismo, parole parole senza lo straccio di una fondamentale pragmatica (leggi soluzioni) concreta ed alternativa. Quasi unitario in tal senso il dibattito contingente a Ferrara. Forse, invece, abolizione del proibizionismo, droghe o alcool di stato come le sigarette, armi nuove tecnologiche e non letali alle forze dell'ordine, aumento degli stipendi a quest'ultime, nuove visioni educative e scolastico-universitarie mai più ideologiche e al passo con le forze sane e propulsive della conoscenza contemporanea (leggi certo umanesimo scientifico prima ancora che arte e filosofia- figurarsi politica e religione--- sceglieranno i ragazzi cresciuti le varie opzioni senza input eteronomi.. fin dalla culla...), leggi Internet e i suoi rivoluzionari effetti culturali (positivi e conflittuali con ...il Passato!!!), vale a dire “insegnare a imparare..”. non insegnare delle Idee prefabbricate... relativiterebbero a livelli sostenibili la questione della.. Movida o del conflitto generazionale globale, eccetera.

Salvaguardando il Diritto alla Festa della gioventù, al rito dionisiaco delle comunità (non si vedi di solo pane, ma neppure di sola contemplazione intellettuale- e le città sono vive non per le elite , ma per la cultura popolare, diversa in ogni epoca) e naturalmente il desiderio della conoscenza: a seconda però non delle fasi storiche, ma delle modulazioni esistenziali soggettive e contestuali, liberamente scelte dai soggetti e non da Guru o Ideologie collettive...

Perchè leggere ad esempio Kundera durante le Movide... qualcuno magari lo fa anche, ma ricordiamoci di Fantozzi... memorabile commento su La Corazzata Potiemkin....

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl