Steve Jobs " 3 volte OH WOW"

Le ultime parole di Steve Jobs, fondatore e guida di Apple, sono state un'esclamazione di meraviglia.

Persone Patty, Laurene, Apple, Stanford, Steve Jobs
Luoghi California, New York
Argomenti architettura, lavoro, edilizia

01/nov/2011 19.20.30 FUTURGUERRA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


 

 

NEW YORK - Tre volte "Oh wow!". Le ultime parole di Steve Jobs, fondatore e guida di Apple, sono state un'esclamazione di meraviglia. A rivelarlo è Mona Simpson, la sorella di Jobs, che pubblica sul New York Times il discorso tenuto lo scorso 16 ottobre a Stanford, durante la commemorazione funebre. Simpson oggi è insegna inglese all'Università della California e fa la scrittrice. Ha conosciuto il fratello già adulta, a 25 anni, e lo ha frequentato per altri 27. E il suo ricordo nel discorso di Stanford, il ricordo di Steve Jobs è emozionato e toccante. E sottolinea il ruolo dell'amore nella vita del fondatore Apple, come guida primaria di ogni azione, al punto di descriverlo come un'entità soprannaturale divina.

Gli ultimi momenti. Nel suo discorso, Mona sottolinea come anche la morte fosse una specie di "traguardo" per Jobs. "Non l'ha aspettata, l'ha guadagnata", scrive la sorella, "lavorando sul suo respiro", come quando dopo il trapianto di fegato "ha riconquistato l'abilità di camminare un passo alla volta". E anche negli ultimi giorni in ospedale, Jobs era attivo e pensava a come migliorare la struttura e rendere funzionali i dispositivi di Apple per le persone con problemi di salute, di deambulazione e di movimento.

Simpson descrive poi la mattina del martedì in cui raggiunse il fratello, che l'aveva convocata facendole fretta, per "paura che non arrivasse in tempo per dirle quello che desiderava".

Una volta giunta a casa Jobs, racconta come Steve non fosse nel pieno delle forze, cedendo alla fatica e addormentandosi ripetutamente, ma intrattenendosi con la moglie Laurene nei momenti di veglia. E poi, il "traguardo della morte", che come scrive Mona, verrà raggiunto dopo lunghi sguardi alla sorella Patty, ai figli e alla moglie. Con le ultime parole di stupore, chissà se per la vita o per il raggiungimento del "traguardo" che Simpson ha volutamente scritto in maiuscolo al termine dell'articolo: "OH WOW, OH WOW, OH WOW
 
http://www.repubblica.it/tecnologia/2011/10/31/news/steve_jobs_le_ultime_parole_nel_discorso_di_mona_a_stanford-24196168/
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl