Affaire Cona/Ferrara/PD- Il Sentore Balboni annuncia clamorosi sviluppi... Tutti dentro?

13/nov/2011 18.17.56 FUTURGUERRA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 ... tutti dentro everybody in jail alberto sordi 1984 with alberto sordi | http://www.flickr.com/ph...
“Prevedo, nel giro di alcuni giorni, sviluppi clamorosi dalla commissione d’inchiesta, che ora non posso anticipare”. A parlare è il senatore Alberto Balboni (Pdl), che, alcuni giorni fa, ha presentato alla Commissione parlamentare d’inchiesta sull’efficacia e l’efficienza del Servizio sanitario nazionale la richiesta di aprire un’istruttoria sull’ospedale di Cona (http://www.estense.com/?p=177623).

“Martedì l’Ufficio di presidenza si riunirà per esaminarla” prosegue, e, forse per rassicurare chi immagina che la crisi di Governo rimandi tutto alle calende greche, ricorda che “le commissioni d’inchiesta continueranno a lavorare anche dopo le dimissioni del Presidente del Consiglio, ed il senatore Ignazio Marino - presidente della Commissione ed esponente del Pd - per parte sua non ha ragioni da opporre: da martedì, Cona sarà oggetto d’indagine parlamentare” garantisce.

Balboni ricorda a questo punto che “nel 2000 fui l’unico, insieme ai Verdi, ad oppormi alla chiusura dell’ospedale in città: chi oggi si lamenta, allora dov’era?” chiede, riferendosi forse alla recente presa di posizione di Rifondazione comunista (http://www.estense.com/?p=178881#comments). “Ora però l’ospedale è là - continua - e quello che bisogna mettere in chiaro è se è stato costruito nell’interesse della collettività o in quello della speculazione: chi ha orecchie per intendere, intenda”.

Della coda per chiedere le dimissioni del direttore generale del Sant’Anna Gabriele Rinaldi (fra un po’ bisognerà prendere il bigliettino come al supermercato), già da alcuni giorni fanno parte gli esponenti del Pdl, “vista la figuraccia ed il tentativo di minimizzarla - motiva sempre Balboni -. La sanità italiana è la seconda al mondo, ma certo Rinaldi non ha contribuito a renderla tale: se non si dimetterà spontaneamente, chiederemo la nomina di un commissario ad acta”, ossia di sollevarlo dall’occuparsi di organizzare il trasferimento.

L’elenco dei problemi aperti dal trasloco e dal suo duplice rinvio è stato ripercorso da Francesco Levato, capogruppo Pdl in consiglio comunale nonché medico. Per quanto riguarda la viabilità, “le strade verso Cona sono insufficienti ed in ogni caso non ancora terminate, quindi si prevedono lavori nei prossimi mesi; per l’entrata a regime della metropolitana di superficie occorreranno anni; è prevista una sola linea urbana per servire l’ospedale; per le tariffe dei taxi, ancora da definire, si prospetta un costo notevole”.

Venendo invece al personale, medico e non, ricorda che “in previsione del trasloco questo si era reso disponibile a sacrifici e a rinunciare ad impegni, di tipo scientifico e non solo, mentre, per lo stesso motivo, sono stati rinviate visite, prestazioni diagnostiche e piccoli interventi, oggi ancora non riprogrammati. Che ne sarà allora del rispetto dei tempi d’attesa - incalza -, visto anche che la Regione sta per chiederne conto all’Ausl?”.

Pure il Pdl è preoccupato poi per la perdita di posti di lavoro nei servizi no-core (letteralmente, quelle che non costituiscono il “cuore” delle attività di un ospedale, dunque quelle non sanitarie), mentre dei problemi legati all’Università ha parlato Paolo Spath, membro del consiglio degli studenti e presidente provinciale della Giovane Italia. “A Cona, per la didattica avremo a disposizione spazi in affitto - ha ricordato -, ma se l’ospedale ne avrà necessità? Dovremo fare la spola? Salteremo le lezioni? Si è accennato poi a convenzioni per gli studenti con la mensa ospedaliera - prosegue -, ma con quali tariffe? Per non parlare della situazione degli specializzandi, che avranno a disposizione un metro e mezzo quadrato e testa”.

Oltre all’iniziativa parlamentare, a livello locale il partito chiede di “aprire un tavolo cui partecipino l’Asl, il Tribunale dei diritti del malato, rappresentanti del personale del Sant’Anna e dei cittadini, ossia consiglieri comunali”, spiega Levato. L’auspicio del Pdl è in ogni caso che ormai “il trasloco sia rinviato alla primavera, visti i problemi di viabilità e l’aumento di ricoveri per le patologie acute durante l’inverno. Nel frattempo - garantisce -, vigileremo sulle prestazioni in corso Giovecca, una struttura che dal primo gennaio non dovrebbe più essere ospedaliera”....    tutti dentro 1984 tutti dentro alberto sordi commedia 6 9 | http://www.filmscoop.it/ricerca/risultat....

Visualizza immagine in Bing

 

ESTENSE COM CONTINUA

http://www.estense.com/?p=179166

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl