Roby Guerra in libro manifesto "Nuova Oggettività" Intervista

Il Libro Manifesto Nuova Oggettività- Aderenti e I... Libro Manifesto Nuova Oggettività-il SommarioLibro Manifesto Nuova Oggettività-il Sommario D - "Nuova Oggettività" o "New Realism"* -nuova sbandierata rotta oltre il postmoderno di certa area storicamente "gauche"- nel futuro prossimo?R - Superare criticamente il postmoderno è comunque positivo.

Persone Maurizio Catellan, Vattimo, Roby Guerra, Alessandro Manzoni, Giosuè Carducci, Albert Einstein, Benedetto Croce, Galileo, Leonardo
Luoghi Italia
Organizzazioni Wall Street
Argomenti cristianesimo, fisica, internet, politica

24/nov/2011 14.03.32 FUTURGUERRA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.






 
 
D - "Nuova Oggettività" o "New Realism"* -nuova sbandierata rotta oltre il postmoderno di certa area storicamente "gauche"- nel futuro prossimo?
R - Superare criticamente il postmoderno è comunque positivo. La rotta di Ferraris e lo stesso Eco ecc.,  tuttavia è probabilmente ancora ideologica, sembra-per ora- anche una rimozione del postmoderno per una sorta di neoempirismo ermeneutico. I dubbi già espressi dagli stessi Vattimo e Maurizio Catellan, anche dal nostro Saccoccio sono pertinenti, non solo witz gratuiti.
 Nuova Oggettività invece, e il Libro Manifesto già lo attesta, è già oltre l'entropia del Dibattito. E' un fatto. Certamente l'interfaccia dialettica resta aperta....Comunque -anche in Italia una nuova stagione postideologica è in fase nascente, nell'ex/post sinistra e nell'ex/post destra.


D- Davvero possibile, nella prassi, danzare tra il computer e i graffiti, tra l'azzurro del cielo e il silicio fosforoscente?
R -Ogni epoca rivoluzionaria esige risposte rivoluzionarie. Crisi planetaria o meno-anzi essa è effetto certamente della web revolution, misconosciuta nelle stanze dei bottoni - e nei depositi blindati di.... Wall Street- oggi la conoscenza è come una time machine. E' tempo di farla viaggiare...

D- Verso l'Ingegneria im-prevedibile della felicità o una sfida estrema alle stelle, prima dell'implosione della civiltà?
R -Nessun apocalisse all'orizzonte: male che vada il futuro rischia di essere noioso e lento. Ma la conoscenza tecnoscientifica è sempre più un miracolo concreto che avanza: il problema sono le zavorre che frenano il futuro e la meraviglia venute alla luce e dei prossimi decenni.


D- Tra realtà e utopia, l'Italia tra 100 anni...
Spero almeno che a scuola insegnino Galileo e Leonardo prima di Manzoni o Carducci... o Marinetti anziché Benedetto Croce.  E che non discuta più tra umanisti e scienziati di parole estinte... Poi il crocifisso può benissimo restare sul muro o anche in ...nD nelle tecnoschool dopo Internet. E oltre al Santo Natale che si celebri anche la nascita non dell'unità d'Italia ma di Einstein...



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl