L'APERI-TEATRO DELL'ASINO CHE VOLA: "DIARIO DI FABBRICA"

25/feb/2012 16.28.04 Strategie di Comunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L'APERI-TEATRO DELL'ASINO CHE VOLA: "DIARIO DI FABBRICA"

Per il consueto appuntamento con l’aperi-teatro domenicale, l’Asino che Vola (via Antonio Coppi, 12/d) presenta per il 26 febbraio, alle ore 19,  “Diario di fabbrica”, spettacolo liberamente ispirato a “La condizione operaia” di Simone Weil: una sorta di cabaret politico per raccontare il mondo della fabbrica, un'umanità mortificata dal lavoro e dalle sue spietate logiche, con tutta la leggerezza e la gioia di una giovane donna, Simone Weil, filosofa e attivista politica francese della prima metà del secolo scorso. Lo spettacolo è interpretato da Ermelinda Bonifacio e scritto da Rosamaria Vaccaro con la regia di Daniele Bernardi e le musiche di Alessandro Sgarito.

Constatare la reale condizione di vita operaia, immergersi in quella realtà di abbrutimento intellettuale e fisico spinge un'intellettuale, Simone Weil, nel 1934, a impiegarsi come operaia presso le officine della società elettrica Alsthom (Parigi).

La piéce teatrale ricostruisce una giornata di lavoro in fabbrica di Simon Weil. Una sorta di diario in cui lo spettatore può leggere le considerazioni, tuttora attuali, della Weil sul lavoro e sui lavoratori; percorrere i rapporti di solidarietà che la filosofa intesse con gli operai e quelli talvolta difficili con il caporeparto; osservare il complesso rapporto con il macchinario, avvertito come duro e freddo, respingente.

Ufficio Stampa: D.Esp. Strategie di Comunicazione

Daniela Esposito �“ cel. 338 87 82 983

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl