INVITO EVENTO: "Paolo Maura. La poesia satirico-burlesca tra passato e futuro" - Sabato 3 marzo 2012 ore 18. Mineo

02/mar/2012 14.32.49 Ideattiva Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.











L'Associazione "Ideattiva" e L'associazione "La bottega di Orpheus" 

in collaborazione con il Comune di Mineo

 sono lieti di invitarVi Sabato 3 Marzo 2012 ore 18:00

alla presentazione del Cortometraggio  "I dolenti versi di Paolo Maura",

 presso Auditorium “Sebastiano, Agrippino e Pietro Ialuna” - Ex cinema di Mineo.

Fiore all'occhiello dell'evento sarà l'esposizione, attraverso video proiezione,

della pala di altare, dell'artista toscano del trecento Filippo Paladini,

opera recentemente restaurata

 dalla Soprintendenza ai beni culturali.

Ingresso gratuito.


 

 

 

 

 

                                                                              

Comune di Mineo                                                    La Bottega di Orpheus                                  Associazione Ideattiva

________________________________________________________________________________________________

 

 

Paolo Maura

La poesia satirico-burlesca tra passato e futuro

 

Momento di lettura e di dibattito sul tema,

in occasione della presentazione del cortometraggio

 

 

I dolenti versi di un poeta. Paolo Maura 1638-1711

Di Mario Luca Testa

 

Auditorium “Sebastiano, Agrippino e Pietro Ialuna” - Ex cinema di Mineo

Sabato 3 marzo 2012 - ore 18,00

  

Domenica 4 marzo 2012 - ore 17,00 - 17,30 - 19,00 - 19,30

(solo proiezione cortometraggio)

____________________________________________________________________________________________________________

 

Ogni jornu felici ha la sua sira,

si prova in ogni duci lu so’ amaru,

né cori letu c’è chi nun suspira.

 

 [Paolo Maura]

 

Nell’irrazionalità delle scelte e dell’agire umano, nei vincoli sociali che legano a reclusioni mentali e fisiche, si definisce la lucida coscienza del poeta menenino, Paolo Maura, raccontato attraverso gli occhi e con la passione del regista Mario Luca Testa, il quale, all’indomani dei suoi recenti successi di pubblico e di critica - riscossi tramite il doppio circuito dello spettacolo teatrale (il reading performativo per il “Circuito del Mirto”) e della visione cinematografica (il Trailer selezionato all’interno della rassegna “Pitch Trailer Film Festival”) -, ci restituisce in singoli frame pagine appassionate, che trasudano l’umana dimensione dell’amore, dell’odio, della paura e del tormento.

È prevista, infatti, per giorno 3 Marzo alle ore 18,00, presso l’Auditorium “Sebastiano, Agrippino e Pietro Ialuna” - Ex cinema di Mineo, la presentazione del cortometraggio I dolenti versi di un poeta. Paolo Maura 1638-1711, a cui farà seguito un dibattito dal titolo: Paolo Maura. La poesia satirico-burlesca tra passato e futuro; momento legato alla figura del poeta ed impreziosito dalla presenza di docenti universitari, cultori e professionisti del settore i quali esamineranno “il caso Maura” da molteplici punti di vista. L’evento, patrocinato dal Comune di Mineo e organizzato dall’ Associazione La Bottega di Orpheus in collaborazione con l’Associazione culturale Ideattiva, si propone come un’esclusiva opportunità di partecipazione e di coinvolgimento, dove il pubblico verrà invitato ad intraprendere un percorso unico ed emozionante, attraverso le principali tappe che hanno contraddistinto la vita del Maura: dai ricordi fanciulleschi e spensierati della vicina contrada di Piano Camuti sino alla giovinezza caratterizzata dai primi turbamenti amorosi: ricordi tanto intensi quanto strazianti. Il poeta, infatti, innamoratosi di una giovane nobile, appartenente alla famiglia dei Maniscalco, pagherà col prezzo dell’esilio questa passione: prima con la reclusione nel carcere di Piazza Armerina lu Casteddu ed, infine, alla Vicaria di Palermo.

Un esilio spirituale, prima ancora che fisico, che si snaturerà, che muterà e che cambierà “pelle”, vestendosi di versi appassionati, irruenti, violenti e brutali per il loro crudo realismo.

Ormai immerso nelle dimensione della Storia e del Tempo, quello stesso pubblico sarà nuovamente ricondotto in sala, attraverso il saluto iniziale del Sindaco del Comune di Mineo, Dr. Giuseppe Castania, a cui farà seguito il dibattito moderato dalla dott.ssa Marilisa Yolanda Spironello e strutturato intorno ai seguenti interventi:

 

Dott. Aldo Fichera

Dottorando presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Catania

Paolo Maura: tra biografia caravaggesca e autobiografia maudite. Problematiche di ricostruzione testuale e filologica;

Prof.ssa Sissi Sardo

Docente di Didattica dell’italiano presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Catania

Dinamiche culturali e scelte linguistiche in Sicilia nel Seicento. Il caso di Paolo Maura;

Dott.ssa Carmela Cappa

Storico dell’arte e funzionario della Soprintendenza ai BB.CC.AA. di Catania

e

 

Padre Fabio Raimondi

Direttore dell’ufficio Beni Culturali Ecclesiastici della Diocesi di Caltagirone

Illustrazione dell’opera del pittore Filippo Paladini, “La Deposizione del Cristo”;

 

 

Prof.ssa Teresa Di Blasi

Archeologa, funzionario della Soprintendenza ai BB.CC.AA. di Siracusa

Cronaca poetica di una Mineo d’altri tempi...

Vero e proprio fiore all’occhiello della serata sarà la presentazione al pubblico della già citata opera del Paladini, custodita proprio nella città di Mineo.

A seguire interverrà il regista Mario Luca Testa che, attraverso una “confessione” a cuore aperto alla propria città, rivelerà a quest’ ultima: emozioni, difficoltà e soddisfazioni che seguono sempre alle fatiche di una regia, soprattutto se si tratta di una biografia così intimamente coinvolgente come quella del Maura. Mediante alcuni momenti di lettura e musica, Ketty Governali (attrice) e Giuseppe Strazzeti (compositore/musicista), porteranno in luce, poi, alcuni passi tratti dall’opera più rappresentativa del Maura: “La Pigghiata”, un poemetto in forma epistolare in cui il poeta denuncia, con rabbia e veemenza, l’immutabilità di una condizione esistenziale che si consuma nel dolore e nel tormento, manifestando successivamente, la resa incondizionata e la speranza risposta in una divina redenzione. A chiudere la proiezione del video di backstage a cura di Giovanni Leonardi.

Un melting pot di emozioni, dunque, che conferma ancora una volta, l’altissimo livello qualitativo delle offerte culturali promosse dall’Associazione La Bottega di Orpheus.

________________________________________________________________________

 

 

 

Per motivi di organizzazione, chiunque fosse interessato a partecipare, può ritirare il biglietto (GRATUITO) presso l’Ex Monastero di Santa Maria degli Angeli, giorno 2 marzo 2012, dalle ore 10,00 alle ore 12,00 e dalle ore 17,00 alle ore 20,00 (avviso valido per entrambi i giorni)

 

Il Sindaco del Comune di Mineo

Dr. Giuseppe Castania

 

Il Presidente de “La Bottega di Orpheus

Dott. Mario Luca Testa

 

Il Presidente dell’Ass. Ideattiva

Dott.ssa Daniela Aquilia

 

invito_210x100-02.jpg 

 

locandina_last.jpg

 

manifesto.jpg




blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl