Paola Pitagora al TA MATETE di piazza S. Stefano giovedì 2 marzo ore 18,15

Allegati

28/feb/2006 09.33.42 Ufficio Stampa Artè Communication Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



Paola Pitagora parla della “Professione di attrice”

al TA MATETE di piazza S. Stefano

giovedì 2 marzo ore 18,15

 

C O M U N I C A T O   S T A M P A

 

Proseguono gli appuntamenti del giovedì al TA MATETE di piazza S. Stefano 17 a Bologna, legati alla mostra “Donne senza confini: Meret Oppenheim e altri ritratti”.

Giovedì 2 marzo, ospite di Marilena Ferrari nello spazio FMR-ART’E’ è  Paola Pitagora che parla della professione di attrice. La lunga carriera della Pitagora attraversa con successo tanti generi passando dallo sceneggiato televisivo al cinema, dal teatro classico alla commedia musicale e oltre quarant’anni di storia dello spettacolo nel nostro paese. Con Paola Pitagora si parla dell’evoluzione e dei cambiamenti nella professione di attore e  anche di tanti colleghi e registi con i quali ha lavorato in passato o sta lavorando oggi; nonché dei programmi e dei progetti che ci riserva per il futuro.

 

L’incontro con l’attrice parmense segue quello con altre donne che hanno avuto successo nelle più diverse professioni: passando dal ritratto che di Meret Oppenheim ha fatto Dino Gavina, sono state intervistate donne che lavorano nel campo dell’arte come Jadranka Bentini, donne imprenditrici come Marilena Ferrari, Federica Guidi e Lella Golfo, donne magistrato come Daniela Magagnoli e donne scrittrici come Danila Comastri Montanari o Alda Teodorani.

Dopo Paola Pitagora, l’incontro successivo, quello di giovedì 9 marzo, è con un uomo, un simpatico e bravo attore come Tullio Solenghi che parla di donne immaginate… il titolo  è “Ho amato una donna che non esiste”.

Tutti gli incontri sono condotti dal giornalista Andrea Maioli.

 

 

BIOGRAFIA ARTISTICA di Paola Pitagora

 

Il vero nome di Paola Pitagora è Paola Gargaloni, proviene dal centro sperimentale di Cinematografia e dalla scuola di recitazione di Alessandro Fersen. Ha iniziato a lavorare come presentatrice televisiva. Ha scritto canzoni per i bambini, una delle quali ha vinto uno Zecchino d’oro (“La giacca rotta”).

Ha lavorato per la televisione, per il cinema e per il teatro con interpretazioni e personaggi che sono entrati a far parte della storia più nobile della professione di attore: basti citare Lucia Mondella dei “Promessi sposi” nella riduzione televisiva di Bolchi o il personaggio di Giulia dei “Pugni in tasca” di Bellocchio.

 

Sceneggiati:

·        Anni ’60: i “Promessi Sposi” di Sandro Bolchi, “A come Andromeda” di Vittorio Cottafavi; “Le terre del Sacramento” di Silverio Blasi.

·        Anni ’90: “Pronto Soccorso” e “Provincia segreta” di Francesco Massaro, “Incantesimo” di Tommaso Sherman (che dura tuttora).

Cinema:

·        “I pugni in tasca” di Marco Bellocchio, “Scusi lei è favorevole o Contrario?” di Alberto Sordi, “senza sapere niente di lei” di Luigi Comencini, “Aiutami a sognare” di Pupi Avati, “Tutti gli anni una volta all’anno” di Francesco Lazotti.

 

Per il teatro, ha interpretato testi di Pirandello, Strindberg, Shakespeare, diretta da Squarzina, Lavia, Bolognini; ricordiamo anche la commedia musicale “De Fusco” con Garinei e Giovannini e “Ciao Rudy” con Marcello Mastroianni.

Dal 2001 ha scritto e pubblicato due libri: “Fiato d’artista” (Sellerio) “Antigone e l’onorevole” (Baldini Castaldi Dalai) e in prossima uscita, sempre per Baldini e Castaldi “Sarò la tua bambina folle”.

 

 

 

TA MATETE Living Gallery ART'E' - Libreria FMR

Bologna, Piazza S. Stefano 17/A

Tel. 051/6488920

e-mail: info.bologna@tamatete.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl