28-29aprile - show "SEDERSI O NON SEDERSI" alla FLIC Scuola di Circo

18/apr/2012 15.50.55 FLIC Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA    |    16 aprile 2012
 

28 e 29 aprile 2012 ore 21:00

FLIC Scuola di Circo - Via Magenta 11, TORINO | Ingresso gratuito -  www.flicscuolacirco.it

 

FLIC Scuola di Circo presenta

 “SEDERSI O NON SEDERSI”

Regia di Jordi Aspa
Scenografie di Roberta Scamuzzi

Spettacolo finale del ‘Corso biennale di formazione per l’artista di circo contemporaneo’ con i 13 allievi del corso e con la regia dello spagnolo Jordi Aspa. Una pièce di circo contemporaneo che riassume in 2 ore il complesso programma di formazione che i ragazzi hanno svolto nell’arco dei 2 anni in oltre 2000 ore di lezione.

 


Il 28 e 29 aprile 2012 FLIC Scuola di Circo presenta “Sedersi o non Sedersi”, spettacolo di fine corso per gli allievi che da due anni, quotidianamente, frequentano il corso professionale della Scuola. In via Magenta, come ogni anno in questo periodo, è tempo di resoconti, di tirare le fila dell’articolato percorso formativo che ha portato i ragazzi a imparare tecnica, acrobatica, danza, attore di circo, a lavorare in gruppo e in solitudine e a presentarsi davanti a un pubblico.

 

Il fil rouge scelto dal regista per lo spettacolo “Sedersi o non sedersi” è la sedia.

L’artista catalano Jordi Aspa spiega così il titolo/tema della performance: “Quando quello che conta è avere un posto nella vita; quando tutto ciò che è certo ci appaga; quando tutti ci accontentiamo... Sedersi o non Sedersi. Il pubblico e gli alunni si uniranno in una rivendicazione dei diritti per ottenere un posto nella vita, nello spettacolo; gli uni come spettatori, gli altri come artisti in evoluzione. Ma attenzione… il nostro posto è effimero come quasi tutto nella vita.” (Jordi Aspa)

 

Per dare il senso di questa continua ricerca è stata scelta la scenografa Roberta Scamuzzi che insieme al regista e ai ragazzi ha ideato un’installazione di sedie che diventa parte integrante dello spettacolo: “La vita è una ricerca, una conquista. Ecco dunque la sedia, oggetto stilizzato, d’uso quotidiano, ora sradicata dalla sua originaria funzione e colorata di un’altra vita, personificata o elevata a simbolo della condizione umana, acquista forza simbolica e diventa estrema metafora di conquista-perdita, identità, presenza-assenza, dolore-morte, fragilità, amore, calore, gioco, bisogno di comunicare, materia.” (Roberta Scamuzzi)

 

A partire dal 17 aprile, al regista e artista catalano Jordi Aspa è stata data carta bianca per portare i ragazzi in un’esperienza di ricerca intensiva e creativa con l'obiettivo di costruire uno spettacolo dove possano emergere - integrate tra loro - le esperienze che gli allievi hanno potuto vivere all’interno del biennio formativo con sudore, fatica e ricerca della precisione in un percorso che gli ha portati dalle prime timide uscite di gruppo davanti al pubblico nel primo anno, a diventare protagonisti con sequenze proprie nella rassegna mensile “Circo in Pillole �“ prove d’artista”.

Il compito è arduo, ma è il primo passo per poter sentire il gusto di una creazione vera, il contatto con un lavoro professionale e con un regista di livello internazionale.

Alcuni allievi, i più meritevoli (e a volte anche i più fortunati), hanno già avuto, nel corso dei due anni, la possibilità di partecipare a grandi eventi, a progetti di grandi produzioni e registi importanti che hanno chiesto la collaborazione della FLIC.

Ora la possibilità è data a tutti indistintamente nella speranza che ogni allievo possa uscire dalla scuola con un’ottima carta d’identità che permetta di incamminarsi in un percorso artistico professionale di alto livello.

 

I 13 allievi sono Boyd Stephen (Irlanda), Braus Hannah Carolina (Italia), Buraczynska Anna (Polonia), De Champos Pacheco Danilo (Brasile), De Rosa Rossella (Italia), Escurell Oriol Domenech (Spagna), Fornaciai Jasmine (Italia), Furst Florinda (Austria), Kinsman Stefan (Svizzera), Mirabile Francesco (Italia), Piccini Rossetto Veronica (Brasile), Schneitler Rosalie (Austria) e Zielinski Jakub (Polonia).

Parteciperà allo spettacolo anche Flavio D’Andrea, insegnante di teoria e training d’attore che ha condiviso dentro e fuori dalla scena il percorso con gli allievi in questi due anni.

 

Il “Corso biennale di formazione per l’artista di circo contemporaneo”:

oltre 2.000 ore di insegnamento a frequenza obbligatoria suddivise in lezioni quotidiane teoriche, pratiche e in numerosi stage intensivi con formatori esterni altamente qualificati. Il primo anno del percorso formativo fornisce agli allievi una solida conoscenza delle materie base del circo contemporaneo;  nel secondo anno ogni ragazzo sceglie una o due discipline nelle quali specializzarsi. L’obiettivo del corso per l’artista di circo contemporaneo è di indirizzare i giovani in un’arte antica che in questi ultimi anni ha assunto una nuova dimensione in osmosi con la danza ed il teatro, fornendo loro una formazione completa che consenta di imparare la gestione della propria figura professionale e di proseguire nelle scelte della propria carriera indipendente di artista e/o di formatore circense.

 

Jordi Aspa, artista catalano, ha frequentato la scuola francese Annie Fratellini, con la quale collabora tuttora a distanza di diversi anni. La sua formazione continua con Philippe Gaulier e Monica Pagneux. Con la sua compagnia Escarlata Circus, fondata nel 1987, porta spettacoli in tutta Europa, Israele, Russia e Canada. Attualmente è impegnato anche in ambito teatrale, cinematografico e pubblicitario. È fondatore de La Fira del Circ TRAPEZI di Reus (Spagna), uno dei principali festival mondiali di circo contemporaneo di cui ha curato la direzione artistica fino al 2011.

Il nuovo rapporto di collaborazione con la FLIC nasce dalla partecipazione di alcuni allievi della Scuola di Circo torinese all’ultima edizione del Festival Trapezi di Reus diretto dal regista spagnolo, in cui hanno ottenuto un ottimo successo con cinque repliche dello spettacolo “BAC”.

 

Roberta Scamuzzi si laurea in Architettura presso il Politecnico di Torino e si trasferisce a Madrid dove studia scenografia presso la Facoltà di Belle Arti dell’Università Complutense. Dopo aver acquisito esperienza nel campo dell’architettura e della comunicazione, intraprende l’attività di scenografa per teatro, cinema e televisione, lavorando anche a fianco del noto architetto-scenografo Francesco Frigeri.

 


Addetto Stampa FLIC - Gigi Piga: 3480420650 �“ Email. pressflic@realeginnastica.it



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl