La grande pitttura in movimento di Michelangelo Antonioni: secondo Gabriele Macorini (Este Edition, '12)

22/apr/2012 16.12.13 FUTURGUERRA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
Le arti figurative nel cinema di Michelangelo Antonioni

AUTORE

Gabriele Macorini

Vive a Milano, dove è nato nel 1983. È laureato in Storia e Critica dell’Arte alla facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Milano.

 

http://www.este-edition.com/prodotti.php?idProd=537

 

*Bellissimo omaggio e analisi innovativa trasversale (interattiva), in perfetta cifra sistemica alla Eco, opera aperta, al geniale regista ferrarese. E giovanissimo l'autore: opera spregiudicata che evidenzia la profonda simbiosi estetico-conoscitiva del Maestro del cinema italiano tut'oggi indimenticabile e archetipo per qualsivoglia arte cinema del futuro prossimo e-o presente. Una scansione a zig zag, a spirale, verticale ed orizzontale, tra l'immagine cinemeccanica, dinamica e mobile, arte in movimento ante litteram, e l'arte moderna e contemporanea "figurativa", strettamente parlando, elettro-statica, quasi una gestalt genetica e memetica per il cinema di Antonioni.

In tal senso e focus relativamente inedito, certamente precursore anche del maestro "minimalista" Peter Greenaway.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl