LONGARI ARTE partecipa a MINT, Milano 10-13 maggio 2012

LONGARI ARTE partecipa a MINT, Milano 10-13 maggio 2012.

Persone Ester Di Leo, Tilman Riemenschneider, Andrea Pisano, Sant'Eustorgio, Beatrice, Enzo Carli, Pasqualino Rossi, Mina Gregori, Barthélémy Chasse, Nella Longari, Madonna, San Francesco d'Assisi, Giovanni, Marco, Mario, Ruggero, Jacopo, Santa
Luoghi Roma, Italia, Firenze, Milano, Marche, Francia, Vicenza, Pisa, Los Angeles, Isola della Maddalena, Europa del Nord, Vaticano, Serra San Quirico, provincia di Ancona
Organizzazioni Balduccio, Partito Democratico della Sinistra, Casa delle Libertà, Chiesa Apostolica Romana, Este, Pirelli
Argomenti arte, scultura, pittura, teatro, musei, gallerie, architettura, artigianato artistico

30/apr/2012 12.51.23 ESTER Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 
Dopo gli ottimi risultati ed apprezzamenti da parte di esperti e collezionisti ottenuti in occasione della venticinquesima edizione di Tefaf a Maastricht, la Galleria Longari Arte Milano esporrà opere di arte antica, raccolte in più di cinquant'anni di attività, a MINT - Collezioni d'arte 2012 che si terrà al Palazzo della Permanente di Milano dal 10 al 13 maggio prossimo.

L'importante fiera milanese, che riunisce circa cinquanta collezionisti tra i più rilevanti nel settore dell'arte antica, moderna e contemporanea nazionale e internazionale, è per la Galleria Longari la vetrina perfetta per mostrare oggetti d'arte medievale e rinascimentale, dipinti e sculture frutto di una attenta ed esperta selezione. Mario e Ruggero, figli della fondatrice Nella Longari, insieme al nipote Marco, continuano a tenere alto il nome di una galleria che gode di grande prestigio fin dalla sua nascita negli anni '50, soprattutto grazie all'estrema cura nella ricerca e nello studio delle opere acquisite.

 
Tra le opere che saranno presentate al MINT segnaliamo un prezioso dipinto dell'artista Barthélémy Chasse (1659 - 1720) la Maddalena. L'opera, accompagnata da una scheda della critica d’arte Mina Gregori: “è ritenuta una rilevante aggiunta a quanto conosciamo dell'artista. Destinata a committenza privata, mostra aspetti tipici del Barocco, tra cui il contrasto fra luci e ombre che si discosta dalla fermezza luministica del naturalismo. La composta eleganza è ottenuta anche grazie al panneggio blu che attraversa il quadro, solcato dalle lacrime versate dalla Santa. L'influenza napoletana emerge dal forte realismo con cui è rappresentato il teschio e la paglia intrecciata che riveste la Maddalena. In basso a sinistra compare la firma “B.Chasse” che si ritrova anche nell'Apparizione della Vergine a San Francesco realizzata in Francia dal maestro”.
In mostra anche due oli su rame di Pasqualino Rossi (Vicenza 1642 - Roma 1722) dal titolo Scena da concerto e Giocatori di dadi, esposti in occasione della mostra “Grazie e affetti di un artista del Seicento” organizzata nel 2009 dal Polo museale di Santa Lucia di Serra San Quirico (AN). Le due opere sono state attribuite da Mina Gregori nel 2005 nell’ottavo numero della serie di volumi “Spunti per conversare” curata dalla Galleria Longari Milano. Le suggestioni giorgionesche dei personaggi distribuiti intorno al tavolo sono, infatti, peculiari di Pasqualino Rossi, celebre esponente della pittura di genere Barocca attivo a Roma e nelle Marche. Sovente impegnato nella produzione di dipinti con tematiche di spunto borghese, realizzate con accurata descrizione narrativa, il maestro dona alle scene un senso di assoluta distensione.
Tra le sculture due Angeli tubicini in marmo attribuiti a Giovanni di Balduccio (Pisa, circa 1300 - circa 1349) da Enzo Carli e pubblicati nel suo volume “Arte senese e arte pisana” edito da Allemandi nel 1996. Secondo Carli i due frammenti potrebbero essere appartenuti all“arca pulcherrima” fatta costruire da Azzone Visconti attorno al 1334-1335 per la madre Beatrice d’Este in San Francesco Grande di Milano, opera che determinò il trasferimento da Pisa al capoluogo lombardo di Giovanni di Balduccio. A conferma di ciò le numerose similitudini stilistiche e fisionomiche tra il volto dell’angelo che non suona e quello della “Potestas” che si erge sopra il sarcofago e davanti al coperchio dell’arca di San Pietro Martire in Sant’Eustorgio a Milano realizzata dal maestro tra il 1335 e il 1339. La composizione armoniosa e bilanciata delle figure, che si avvicina all’eleganza composta di Andrea Pisano, è tipica dello scultore gotico, attivo anche nelle chiese fiorentine di Orsanmichele e Santa Croce.
Per i rilievi lignei, verrà esposto un piccolo altare portatile ad uso devozionale raffigurante San Francesco che riceve le stigmate realizzato da uno scultore tedesco attivo nell’ultimo terzo del XV secolo influenzato dal grande maestro Tilman Riemenschneider. L’opera, un bassorilievo dorato, presenta alcuni tratti caratteristici della scultura Rinascimentale come il senso prospettico ma anche elementi tipici dello stile Gotico dell’Europa settentrionale quale l’allungamento delle figure.
 
 
Longari Arte Milano, nasce a Milano agli inizi degli anno ’50 con Nella Longari storica ed autorevole figura dell’antiquariato italiano.
La Galleria d’arte si trova ancora oggi nella sua centralissima ed affascinante sede di Via Bigli.
La scultura primitiva italiana è il ramo artistico che ha caratterizzato l’attività della galleria nel corso degli anni a cui si sono aggiunti l’interesse per i frammenti miniati e per i works of art compresi tra il XIII e il XVI secolo.
Mario e Ruggero figli di Nella insieme al nipote Marco rinnovano questo amore e la passione per lo studio e la ricerca in campo artistico.
La galleria che ha storicamente partecipato alle più importanti esposizioni nazionali tra le quali spiccano le Biennali di Firenze, Milano e Roma, è oggi impegnata anche a livello internazionale con Tefaf di Maastricht.
Lungo tutta la sua attività Longari Arte Milano oltre a partecipare con prestiti di opere a varie esposizioni culturali in Italia e all’estero, ha collaborato con importanti musei e istituzioni. Agli anni ’70 infatti risale un acquisto da parte del Vaticano di sculture lignee che ancora oggi si possono ammirare in diverse collocazioni della Santa Sede.
Più recenti sono state le vendite al Getty Museum di Los Angeles e al Cleveland Museum di una parte della collezione di frammenti miniati italiani, medioevali e rinascimentali.
Tra le esposizioni a cura della Galleria spiccano La mostra di sculture lignee presso il centro Pirelli negli anni 70, quindi tra le mura di Via Bigli Dalla Bibbia di Corradino a Jacopo della Quercia. Sculture e miniature italiane del Medioevo e del Rinascimento a metà anni ’90 e infine Un crocifisso del trecento lucchese. Attorno alla riscoperta di un capolavoro medievale in legno esposto nel 2010 per un lungo periodo presso il Museo Diocesano di Milano; tutte mostre corredate da ampi cataloghi critici.
Annualmente vengono pubblicati gli Spunti per conversare, quaderni dedicati allo studio delle ultime acquisizioni per il piacere di collezionisti, Musei e Biblioteche d’arte.




Longari Arte Milano
Milano, Via Bigli 12
Telefono +39 02 89697848
www.longariartemilano.com info@longariartemilano.com

 
Mint
10 - 13 maggio 2012
Palazzo della Permanente - via Turati 34 Milano
mint@mintexhibition.com www.mintexhibition.it

 

Ufficio stampa: Studio Ester Di Leo - Tel. +39055223907 Mob. +393483366205 esterdileo@gmail.com











blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl