COMUNICATO STAMPA - DEMOS BONINI: TRACCE DI UN'AVVENTURA ARTISTICA NOVECENTESCA

sale di Palazzo del Podestà di Rimini dall'8 aprile al 14 maggio si terrà la

Allegati

05/apr/2006 04.33.47 Pilgrim Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Comunicato Stampa

Rimini, 5 aprile 2006

 

Demos Bonini

Tracce di un’avventura artistica novecentesca

Tra Federico Fellini, Filippo De Pisis e Renato Guttuso

 

dall’8 aprile al 14 maggio - Palazzo del Podestà, Rimini

 

Rimini rende omaggio ad uno dei maestri del 900: presso le sale di Palazzo del Podestà di Rimini dall’8 aprile al 14 maggio si terrà la mostra antologica dedicata a Demos Bonini, con 150 opere provenienti da 40 collezionisti. Per l’occasione, verrà edito da Guaraldi un importante catalogo, che raccoglie numerosi dipinti  e contributi critici essenziali per comprendere l’opera del pittore riminese.

 

Il mare e la sua gente visti attraverso gli occhi di Demos: proprio al “pittore”, come viene ricordato dai riminesi Demos Bonini (1915-1991), è dedicata la ricca mostra antologica, dagli schizzi con il pennarello ai disegni, dalle xilografie alle acqueforti e agli oli, per un totale di 150 opere provenienti da oltre 40 collezionisti, che saranno esposte dall’8 aprile fino al 14 maggio al Palazzo del Podestà, in piazza Cavour a Rimini. Un percorso espositivo intitolato “Demos Bonini, tracce di un’avventura artistica” per raccontare i temi cari all’artista: dagli esordi e la rappresentazione del mondo dei lavoratori, che spesso lo conduceva a soffermarsi sulla vita del porto e dei suoi abitanti, per arrivare ai paesaggi della Valle del Marecchia. Una sezione della mostra sarà dedicata alle sue amate giacchette, altre alla grafica e alla critica ai miti della civiltà contemporanea.

 

Una carriera artistica iniziata con Federico Fellini, in compagnia del quale apre, nel 1938, la bottega “Febo”, un negozio di caricature. Nel 1939 un incontro importante con Filippo De Pisis condizionerà il suo stile, facendo emergere il tema delle “giacche” e dei “capispalla” posati diligentemente su appendiabiti o abbandonati frettolosamente su sedie e poltrone. Alla fine degli anni ’50 arriva l’incontro con Renato Guttuso e il suo trasferimento a Roma, una frequentazione che lo spinge ad aderire al movimento pittorico del Realismo e ad esporre a fianco dei suoi maggiori interpreti in mostre collettive, come nella “Seconda mostra d’arte” e il “Premio Suzzarra, lavoro e lavoratori nell’arte” a Roma nel 1951.

 

Quando Demos torna nella sua Rimini, il luogo dove amava vivere e lavorare, continuerà a dipingere dedicandosi ad opere di impegno sociale e a una rinnovata produzione di paesaggi e nature morte, di giacche e interni, di grattacieli e simboliche calate di “giustizieri”.

 

L’esposizione, promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini con il patrocinio del Comune di Rimini, curata dal prof. Pier Giorgio Pasini e dalla dott.ssa Michela Cesarini, propone un catalogo, a cura di Michela Cesarini, edito da Guaraldi che raccoglie scritti di Sergio Zavoli, Pier Giorgio Pasini Andrea Emiliani, Alessandro Giovanardi e Roberto Bua. Alla ricca documentazione fotografica delle opere di Bonini, eseguita dallo studio Paritani, si aggiunge quella documentaria a corredo dei diversi saggi, in parte di proprietà della famiglia Bonini, in parte rintracciata nell’archivio fotografico della Biblioteca Gambalunga.

 

Sarà inoltre disponibile il volume “Demos - Il mare di Rimini”, che riproduce fedelmente la raccolta delle guaches rilegate artigianalmente dall’artista nel 1980: un piccolo gioiello editoriale, con prefazione di Sergio Zavoli, nel quale si ritrova la Rimini più autentica e suggestiva, con le “donne delle poveracce” (delle vongole), i pescatori intenti a rammendare le reti con ai piedi i caratteristici stivali rossi e le “moto lapidate”, con cui Demos lancia il suo grido di dissenso agli idoli del mondo contemporaneo.

 

---------------------------------------------------------

Demos Bonini (1915-1991)

Tracce di un’avventura artistica

Rimini, Palazzo del Podestà - Piazza Cavour

8 aprile - 14 maggio 2006

Aperto tutti i giorni: ore 10-13 e 16-19 (ingresso gratuito)

Informazioni:

Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini

Tel.  0541.351611 ufficio/ 334/8597193 mostra

ufficiomostre@fondcarim.it

 

---------------------------------------------------------

 

Ufficio Stampa

Riccardo Belotti/pilgrim comunicazione

Tel. 347.6529770

pilgrimcomunicazione@email.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl