POESIE PER GRAMSC SECONDA CARTA:Il sogno di Antonio.55° della pubblicazione de LE CENERI DI GRAMSCI

14/giu/2012 14.40.55 FUTURGUERRA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
BIBLIOTECA GRAMSCIANA-Siamo alla quinta nota-poesia in occasione del 55° anniversario della pubblicazione de LE CENERI DI GRAMSCI. La Biblioteca Gramsciana sul suo profilo facebook pubblicherà ogni martedì e Venerdì dal 29 maggio al 29 Giugno una poesia in cui viene citato o dedicata ad Antonio Gramsci. Inoltre chi vuole può inviare delle poesie alla e-mail bibliotecagramsciana@libero.it che vagliate potranno essere pubblicate in questo spazio.
Oggi pubblicheremo Su bisu de Antoni (Il sogno di Antonio) di Seconda Carta. La poesia preceduta da un prologo è bilingue

Appu pentzau chi Antoni, inteletuali fini e politigu mannu elaboradori de teorias e prassis, malariu, indebilitau e sfiancau de sa presonìa longa e tostara, appada bisau prus bortas e ogna dì, sa libertadi.Cussa libertadi perdia e disiggiada, bella e attesu meda, mai riprendia.

Ho pensato che Antonio, fine intellettuale e gran politico elaboratore di teorie e prassi, malato, debilitato e sfiancato a causa della prigionia lunga e dura, abbia sognato più volte e ogni giorno, la libertà. Quella libertà persa e desiderata, bella e molto lontana, mai ripresa.

SU BISU DE ANTONI
Bella ses tui
setzia in d'una nui
lebia, lebia, sfugenti,
no ti lassas aciappai.
Frori aresti
de beranu nou
chi muras Gennargentu
santzinau de su bentu.
Bella ses tui
e femina
chi no si faidi acappiai
isciu e chini ses,
ti conosciu,
de nomini ti nanta Libertadi.
Prus ses attesu
e prus ti disiggiu,
arriolau ti bisu.
Bella ses tui...
Reina Libertadi.

IL SOGNO DI ANTONIO
Bella sei tu
seduta su una nuvola,
leggera, leggera, sfuggente
non ti lasci prendere.
Sei Peonia, fiore selvatico
di nuova primavera
che cullato dal vento,
adorni il Gennargentu.
Bella sei tu
e femmina
che non si può legare,
so chi sei, ti conosco,
ti chiamano Libertà.
Più sei lontana
e più ti desidero,
inquieto ti sogno.
Bella sei tu...
Regina Libertà.
 
Biblioteca Gramsciana Seconda Carta, Arbataxina è insegnante di lingua straniera presso una scuola primaria Ogliastrina. Da sempre appassionata di poesia, ha scritto moltissimo di argomenti diversi e in questi ultimi due anni, ho pubblicato due libri con due sillogi poetiche dai titoli " Sono Canto di Liberta'" e l'ultimo " LA DIGNITA' E L'AUDACIA DELLE DONNE"


Jack Hirshman di fronte alla Casa natale di Antonio Gramsci
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl