L'ecopoetica di Zairo Ferrante e il dinanimismo

IL MIO CANE di Zairo Ferrante Il turchese del cielo si copre di maglie ceneree.

Persone Zairo Ferrante Il
Argomenti botanica

17/giu/2012 03.22.07 FUTURGUERRA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

IL MIO CANE

di

Zairo Ferrante

cane,poesia,dinanimismo,zairo ferrante,i bisbigli di un'anima muta,csa editrice,razza boxer,versi sui cani

 


Il turchese del cielo si
copre di maglie
ceneree.
E stanca la brezza
accarezza la terra
assetata;
e lunga,
la quaresima dell’acqua
è ormai passata.
E tra le foglie ancora
verdi d’una nandina,
si dipingono in anticipo
i miei tenui ciclamini.
Presto si son’affacciati
per venir a festeggiare
e per primi dare annuncio
della caduca stagione.
E la Playa, distesa
ad occhi semichiusi,
l’aria annusa, ove vi
scorge l’odore del niente.
Annoiata dalla lunga
e afosa estate
accascia la sua faccia
sul ruvido cemento.
E per culla il suo
frenetico far niente,
faticosamente, ecco
che s’addormenta.
Sonnecchia il mio
cane.
E per non stonare
con la musica che
ha d’intorno
non abbaia.
È un po’ come

l’autunno
il mio cane.
In silenzio si distende
e prende spazio
per fare un po’ di posto
e aprir la porta,
all’ozio dolce
con la sua stagione
morta.

 

continua:

http://e-bookdinanimismo.myblog.it/archive/2012/06/08/il-mio-cane-versi-di-zairo-ferrante.html

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl