POESIE PER GRAMSC LUSSORIO CAMBIGANU: S' anade fea - Il Br utto anatroccolo. 55° della pubblicazione de LE CENERI DI GRAMSCI

26/giu/2012 11.23.29 FUTURGUERRA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 
 
 

Siamo alla ottava nota-poesia in occasione del 55° anniversario della pubblicazione de LE CENERI DI GRAMSCI. La Biblioteca Gramsciana sul suo profilo facebook pubblicherà ogni martedì e Venerdì dal 29 maggio al 29 Giugno una poesia in cui viene citato o dedicata ad Antonio Gramsci. Inoltre chi vuole può inviare delle poesie alla e-mail bibliotecagramsciana@libero.it che vagliate potranno essere pubblicate in questo spazio.
Oggi pubblicheremo S’ anade fea - Il Brutto anatroccolo di Lussorio Cambiganu.

S’ anade fea

Naschidu che incantu d’ aurora
in sue Ales as postu primos passos,
ma de Sardigna as connotu sos zassos
ei sos lamentos nd’ as coglidu otora.
In Ghilarza as bidu chin sos rassos
de sorte ‘ona e bona dimora,
no che a tie, chi pares dae fora
malu che peste chi faghet fragassos.

Cando, però, sa conca in su pessare
pesat ‘olu che abila rejna,
faghes de s’ingiustiscia una chejina
fuida dae sa braja in su sulare.
Tue chin ‘oza e chin sa mente fina
pones a conca a s’istudiare,
brillas che lughe chi paret brujare
sa mala sorte ch’ as apidu a istrina.

Dae Casteddu brincadu a Torino
leas connotu de vida e de diritu,
sa soziedade est solu apitu
a sas ideas tuas, che oro fino.
Tue ti pesas che agos de eritu,
finzas si semper eo no bi cumbino,
in sas ideas mias m’ incamino,
zeltas cunvinziones ponent fritu.

Ma de a tie su c’ apo in sa mente
est cuss’idea de sa libeltade,
“onore a Isse, sa conca abasciade !!”
amus innanti esempiu balente.
Chi’ est sa pessona, a mie nade,
chi pro ideas suas e atera zente
lassat totu in terra pro niente
ei sa morte leat in veridade?

Su sinnu tou olat in su mundu,
in terra anzena est ‘e bon’ aficu
solu innoghe no at passificu,
est ancora assente e vagabundu.
Non b’at peus de unu cherveddu sicu
chi peldet sa memoria dae profundu,
dende isetu a su machine in tundu,
destinu e isperas sunt totu apicu.


Il brutto anatroccolo

Nato come l’incanto dell’aurora
ad Ales hai messo i primi passi,
ma della Sardegna ai conosciuto i luoghi
ed i lamenti hai conosciuto sempre.
A Ghilarza hai vissuto con i grassi
di buona sorte e buona dimora,
non come te, che sembri dal di fuori
bruto come la peste che combina sfracelli.

Quanto, però, la testa nel pensare
alza il volo come un’ aquila regina,
fai dell’ ingiustizia una cenere
che fugge dalle brace quando si soffia.
Tu con la volontà e con la mente fina
metti testa nello studio,
brilli di luce che sembra bruciare
la mala sorte che hai avuto in regalo.

Da Cagliari, fai il salto a Torino,
conosci la vita ed il diritto,
la società sta aspettando
le tue idee filigranate.
Tu emergi come gli aculei del riccio,
anche se non sempre ti condivido,
continuo a seguire le mie idee,
certe convinzioni fanno rabbrividire.

Ma di te, ciò che ho in mente
è quell’ idea della libertà,
“onore a Lui, chinate la testa!!”
abbiamo davanti un valente esempio.
Chi è la persona, ditemi,
che per le sue idee e per il prossimo
lascia tutti i beni materiali per nulla,
e la morte affronta in sincerità?

Il tuo pensiero vola in tutto il pianeta,
nei paesi stranieri è in gran considerazione,
solo qui da noi no ha germinato
è ancora assente e vagabondo.
Non c’è peggior cosa di un cervello secco
che perde la memoria dal profondo,
preoccupandosi delle pochezze a tutto tondo,
il destino e le speranze calano a picco.

Lussorio (Rino) Cambiganu

Opera di Michele Melis dal quaderno di schizzi Gramsciani.
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl