Scicli (RG) - "Nel fiume di Eraclito", dal 15 lu glio al 16 agosto personale di Salvatore Fratantonio a Palazzo Mormino

05/lug/2012 11.58.44 Inpress Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Agli organi di Stampa

 

 

Scicli (RG), 05/07/2012

 

“Nel fiume di Eraclito”, dal 15 luglio al 16 agosto personale di Salvatore Fratantonio a Palazzo Mormino

 

 

Dal 15 luglio al 16 agosto l’elegante cornice di Palazzo Mormino Penna di Donnalucata ospiterà la mostra “Nel fiume di Eraclito” di Salvatore Fratantonio (inaugurazione domenica 15 luglio, ore 19.30).

La mostra, organizzata dal Comune di Scicli - Assessorato alla Cultura e dal Centro Studi “Feliciano Rossitto” di Ragusa con il patrocinio dell’Assessorato regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, intende rendere omaggio all’artista modicano nel cinquantesimo anniversario della sua partecipazione alla collettiva “Lo spazio visto dagli artisti” (Roma, Palazzo dei Congressi, 1962) che lo proiettò su un più ampio proscenio artistico nazionale.

Il titolo della mostra, con il richiamo al panta rei (tutto scorre) del filosofo greco Eraclito e all’impossibilità di bagnarsi due volte nello stesso fiume, allude al processo creativo che ferma sulla tela un’idea di realtà, legata a uno stato mentale irripetibile. «Mentre dipingo un’immagine - spiega Fratantonio - essa mi si modifica dentro, la forma si altera, si fa altra nei contorni, pur mantenendo la sua originaria identità strutturale; le atmosfere mutano, una nuvola di disfa, un giallo sfuma verso l’arancione. Il risultato finale dell’opera cristallizza soltanto una fase, un attimo, un passaggio di quel movimento e il quadro diventa la negazione del fluire dell’idea».

I dipinti - una novantina di opere, tra tecniche miste e oli, che ripercorrono gli ultimi due decenni di attività dell’artista - nascono dall’idea del mutamento, dell’inarrestabile fluire del tutto, dell’unicità e irripetibilità di ogni opera nonostante l’apparente somiglianza dei paesaggi.

Marine, alberi solitari, colline baciate dal sole, misteriosi notturni raccontano la memoria, l’affezione ai luoghi natii, la luce, i colori del paesaggio mediterraneo, ma soprattutto la contemplazione dell’anima dell’artista attraverso le forme del paesaggio nel succedersi delle stagioni della vita. I testi del catalogo sono di Gonzalo Alvarez Garcia e Diego Guadagnino.

La mostra potrà essere visitata tutti i giorni dalle ore 10.30 alle 12.30 e dalle ore 19 alle 23. 

 

 

 

Info e contatti:

Segreteria organizzativa:

Centro Studi "F. Rossitto"

Via Giovanni Lizzio n. 13 (ex Via Ducezio) Ragusa

Tel. 0932/246.583

E-mail: info@centrostudifelicianorossitto.it

Web: www.centrostudifelicianorossitto.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl