Davide Bregola lettera per la Bellezza

31/lug/2012 14.52.02 FUTURGUERRA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
(LIBERAMENTE EDIZIONI)
C’è stato un tempo in cui la bellezza era lontana, irraggiungibile e ogni gesto, ogni evento, mi sembravano svuotati di senso. Poi è accaduto qualcosa, anzi proprio nel momento in cui lo scetticismo aveva preso il sopravvento arrivò la metamorfosi. Il desiderio è diventato ancora una volta la spinta propulsiva; era desiderio di riconciliazione. Con chi mi stavo riconciliando? Ora lo so bene. Mi stavo riconciliando con l’umanità. Col mondo. Da allora ho reimparato a cogliere la bellezza che c’è nelle cose, negli uomini, ovunque. Come prima cosa decisi di scrivere una lettera agli amici che avevo trascurato o dai quali mi ero allontanato. Volevo offrire loro una lettera che parlasse della bellezza perché sentivo che il mondo circostante non provava nemmeno a mettersi nell’ordine di idee del bello. Mentre scrivevo leggevo. E ciò che leggevo mi conduceva alla bellezza. Interpretai queste coincidenze come un vero e proprio segno. "Palomar" di Calvino, "Fedro" di Platone, Epicuro e la sua "Lettera sulla felicità", "Elogio dell’ozio" di Stevenson, "Vita di un perdigiorno" di Eichendorff, "L’arte dell’ozio" di Hermann Messe, "Il viaggiatore incantato" di Leskov, "La gioia di vivere" di Montaigne, Delerm e "La prima sorsata di birra". Ho spedito la "Lettera agli amici sulla bellezza" a diverse persone. Ora vorrei che questa lettera incontrasse altri amici per condividere con loro tutto ciò che di bello il mondo può offrire. (Davide Bregola)
 
continua
 
http://www.sololibri.net/Lettera-agli-amici-sulla-bellezza.html
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl