Lettre d'information du Centre Culturel Français de Turin

13/ott/2006 17.49.00 Centre Culturel Français de Turin Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 
 

 
 
L'Agenda del Centre fino a dicembre
E' disponibile cliccando qui il pdf dell' agenda trimestrale del Centre con il programma dettagliato delle attività culturali e linguistiche, da settembre fino a dicembre 2006, oppure è possibile ritirarne una copia al Centre.
Cinema per ragazzi
Le rossignol, di Christian Chaudet, 2004, 50'

il 17 ottobre, alle 10 e alle 17

La rassegna di cinema Jeune public
Il Centre propone delle proiezioni destinate a bambini tra i 4 e i 12 anni, accompagnati dai loro insegnanti o genitori.
Il prossimo incontro l'8 novembre.

Il film
Prima opera lirica di Igor Stravinsky, adattata da un racconto di Andersen, Le Rossignol trasporta lo spettatore nell’ universo magico della corte imperiale cinese.
Introducendosi una notte nel laboratorio di ceramiche del nonno, un giovane ragazzo scopre un vaso dalla forma particolare. Affascinato, si avvicina, tocca la terracotta che si trasforma improvvisamente in una porcellana cinese. Subito, dietro i grandi alberi di smalto bluastro, appare il sampan di un pescatore... Così comincia la storia tutta in musica di Rossignol: il sogno ad occhi aperti di un bambino nel paese degli oggetti d’arte cinesi, dei portatili e delle webcams....

Vincitore del premio Fipa d’Or (sezione musica e spettacolo).

L'ingresso è libero nel limite dei posti disponibili.
Rassegna cinematografica su Djibril Diop Mambéty
Proiezione di Touki Bouki, un film di Djibril Diop Mambéty, 1973, 95’
versione originale sottotitolata in francese

il 19 ottobre alle 19 al Centre Culturel

Il film
Mory e Anta decidono di intraprendere insieme un viaggio per realizzare il loro sogno: lasciare l’Africa per andare in Francia. Per recuperare i soldi necessari, escogitano una serie di escamotages che li conducono in bizzarre avventure. Alla fine si dividono: lei a bordo della nave che la porta verso l’Altrove, lui ritornando alle sue radici, in Senegal. Con questo “viaggio della iena”, sottotitolo che ricorre in alcune versioni dell’opera cinematografica, e che rimanda alla marginalità, l’autore fa emergere i temi a lui più cari (l’amore, l’alienazione, la paura, lo stress della città), presentandoli come sintomi delle problematiche legate allo sviluppo. La narrazione filmica viene quindi interrotta da sequenze spezzate e liriche che rimandano all’allucinazione e al sogno, e che rimandano ad atmosfere surreali.

L'opera cinematografica sperimentale di Djibril Diop Mambéty segna l'incontro tra la tradizione narrativa del cinema occidentale e la tradizione orale della cultura africana. I suoi corti e lungometraggi diventano luoghi privilegiati di esplorazione e scoperta, attraverso l'immagine filmica, di problematiche politiche, sociali e culturali del continente africano.
Esposizione dell'opera di Saâdane Afif
Dal 10 ottobre al 9 dicembre 2006

Suspense, 2005

In collaborazione con la galleria Maze

L'opera
Suspens rappresenta lo scorrere del tempo e il futuro imprevedibile.
Prende il nome dalla sua installazione a parete, come tre puntini di sospensione...
...Tre orologi ciechi in plexiglas nero; il suono dei tre tic-tac crea uno strano ritmo, un suono che ci trasporta verso i nostri ricordi più intimi.
L’artista è presentato in Francia dalla galleria Michel Rein.

L'autore
Saâdane Afif nasce in Vendôme, Francia, nel 1970. Attualmente vive e lavora a Berlino.
Il suo lavoro si distingue per la varietà di linguaggi interpretativi e per la marcata tendenza alla sperimentazione.
Elementi caratteristici delle sue installazioni sono l’accumulazione, controllata, di significato e significante, l’enunciazione e l’interpretazione attraverso la procedura del dislocamento ed il carattere poetico della sua soluzione finale. Punto di partenza è la consapevolezza dell’artista di non voler essere lo specchio della società quanto il filtro attraverso il quale la medesima viene incanalata per lo spettatore.
II suoi lavori diventano containers attraverso i quali offrire una particolare e personale visione del mondo.
Confrontandosi con le sue proposte lo spettatore è sfidato, psicologicamente e mentalmente, a reagire agli stimoli creati dalla forte componente scenografica. In questo senso, la sovrapposizione del tattile, gli aspetti visivi e sonori, insieme all’interazione spaziale, conferiscono alla sua opera una forte impronta ambientale.
Artista polivalente, i suoi registri stilistici spaziano dal caldo al freddo, dal buio alla luce, dal sussurro al grido.
Da sempre interessato all’enfasi degli elementi procedurali e interdisciplinari sui quali basa la sua produzione, il suo lavoro è interpretato come un organismo vivente, che non esaurisce se stesso e si dispiega nel tempo e nello spazio descrivendo una delle traiettorie più stimolanti del panorama contemporaneo (tratto da un commento di Alfonso Palacio).

Cliccando sull'articolo potrete accedere al sito della Galleria Maze, per ulteriori informazioni sull'artista e sull'opera.
Lire en fête
dal 12 al 15 ottobre

La diciottesima edizione di "Lire en Fête" si svolgerà in tutta la Francia il 13, 14 e 15 ottobre. Momento propizio del dialogo e dell'espressione della diversità culturale, "Lire en Fête" invita per tre giorni a condividere i libri, la lettura, la scrittura, la creazione letteraria attraverso tutto il territorio francese.
A Torino, la Mediateca del Centre Culturel Français de Turin vi invita giovedì 12, venerdì 13 e sabato 14 ottobre a scoprire le sue nuove acquisizioni e regalerà un libro per ogni nuova iscrizione.

Informazioni: ccf.media.turin@france-italia.it
Tel. 011 515 75 29
Corsi e formazione linguistica
E' disponibile presso la nostra sede la nuova brochure del Centre, con tutte le informazioni sui corsi di francese, le attività culturali e quelle di cooperazione linguistica.
E' possibile ritirarne una copia al Centre o scaricarla dal sito.

I corsi di francese e gli ateliers
Per chi desidera imparare il francese in modo ludico, unendo lo studio della lingua ad una passione...
Atelier conversation
Atelier d’Arts Plastiques "Ombres et lumières"
Atelier Panorama de la chanson française
Atelier théâtre
Atelier traduction
Atelier écriture
Atelier littérature française et francophone
Atelier vidéo
Atelier Revue de presse
Atelier Cinéma

E' possibile iscriversi in qualsiasi momento dell'anno.
Bando di concorso al Festival teatrale
En français sur les planches / In francese sul palcoscenico

E' disponibile cliccando qui il bando di partecipazione al concorso teatrale ospitato, come ogni anno, dal Centre Culturel.

L’obiettivo di questo concorso sul teatro in lingua francese è di
-sviluppare la conoscenza della lingua francese
-promuovere le tecniche teatrali come supporto alla didattica disciplinare
-stimolare la creatività teatrale nell’ambito scolastico come fattore dello sviluppo della propria personalità dei giovani.

A chi si rivolge
Il concorso è aperto a gruppi composti da un massimo di 10 persone.
Sono esclusi gli alunni che hanno la sola nazionalità francese.
I partecipanti dovranno avere tra i 14 e i 19 anni. Questo concorso sarà quindi diffuso presso i licei classici, linguistici, artistici e scientifici nonché presso gli istituti ‘ex-magistrali’, professionali e tecnici delle Regioni Piemonte, Lombardia, Liguria e Sardegna.
Stand del Centre alla Festa d'Ottobre
Domenica 15 Ottobre
Via Madama Cristina (nel tratto da C.so Vittorio a C.so Marconi) dalle ore 10


Il Centre allestirà uno stand nell'ambito della Festa d'ottobre nella corte della Madama Cristina, anniversario dei 100 anni dalla nascita di Madama Cristina.

L'evento:
Sfilata storica del Carnevale di Verrès, artigianato locale, Laboratori del Gusto, Punti musicali (Concerto della Filarmonica di Verrès), Spazi ludici, negozi aperti tutto il giorno..
Prossimamente...
Serata Cinema Mondialisation et alimentation

Martedì 24 ottobre 2006
Ore 19


Il Centre Culturel Français presenta, in occasione del Salone del Gusto, due cortometraggi che illustrano i legami tra alimentazione e mondializzazione.
I due argomenti, emblematici della nostra epoca, toccano diversi ambiti fondamentali del vivere sociale: economia, sanità, cultura, sviluppo, diritto internazionale.
Con la proiezione di “L’île aux fleurs”, di Jorge Furtado e di “Vers un commerce équitable”, di Martine Bouquin & Jean Lefaux, si propone una riflessione sulla nuova complessità di natura planetaria. Si spiega così la scelta di due film di paesi diversi e lontani : per mettere in luce i meccanismi all’opera a livello globale di sistemi spesso indifferenti ai bisogni dei popoli.

Ore 19
“ L’île aux fleurs”, di Jorge Furtado, Brasile, 1989, 13’
Ore 19.15
“Vers un commerce équitable”, di Martine Bouquin & Jean Lefaux, 1999, 47’

Film in lingua originale con sottotitoli francesi.

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti in sala.
 
Cancella la registrazione|Annuler l'inscription
A cura di Xaos Systems
Tutti i diritti riservati © France-Italia.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl