LUCHINO VISCONTI E MORENO BONDI: CONNUBIO CINEMA-PITTURA A PALAZZO VECCHIO PER IL CENTENARIO DEL REGISTA MILANESE

29/ott/2006 13.20.00 Carla Piro Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
MORENO BONDI                             LA CADUTA DEGLI DEI                               olio su tela , 120 x 200
 

 

 

Il Centenario di Luchino Visconti si celebra a  Palazzo Vecchio-Parte Guelfa (Firenze, inaugurazione ad invito 8 novembre ore 18,30, fino al 16 novembre) con una manifestazione che mette in scena costumi originali, locandine, scenografie, proiezioni, pubblicazioni (relativi all'attività del regista milanese) e la mostra “LA CADUTA DEGLI DEI” dell’artista MORENO BONDI.

Già allestita  nei saloni di Villa La Colombaia di Luchino Visconti (Ischia), l’esposizione del pittore e scultore toscano (al quale la prestigiosa rivista ARTE IN ha appena dedicato la sua preziosa copertina), è una delle iniziative per il centenario  ideate ed organizzate dall’Associazione Ischia Prospettiva Arte, con il supporto dalla Fondazione Luchino Visconti, della Galleria del Palazzo di Palazzo Coveri (che ospiterà alcuni eventi dal 16 novembre al 30 dicembre 2006 ed il patrocinio della Regione Campania, del Presidente della Provincia di Napoli, del Comune di Firenze.

I corpi potenti dipinti da Moreno Bondi, la definizione della sua pittura ad olio (eseguita in base ad una profonda conoscenza della tecnica di Caravaggio), l’inserimento della scultura in marmo, la cura del particolare e l’attenzione per l’insieme, la capacità di elaborare la memoria in modo nuovo,  hanno la medesima forza delle opere viscontiane; toccano uguali corde dell’intimo e sollecitano  una profonda riflessione sul senso del mutamento. 

Moreno Bondi ripercorre  le tracce e le suggestioni di Luchino Visconti. A lui lo accomuna la capacità di guardare con mente attuale al passato, stabilendo una relazione con il presente, nella consapevolezza che la storia non possa essere negato se non al “caro prezzo” dello “sradicamento” e della perdita di identità.

 

Scrive Antonio Paolucci (Sovrintendente ai Beni artistici della Toscana): “La pittura di Moreno Bondi fa pensare ad uno specchio che riflette le icone dell'arte antica. Solo che lo specchio è rotto. Riflette Michelangelo, Caravaggio e i naturalisti del Seicento in disarticolati frammenti. I quali si sovrappongono e si dilatano per anamorfosi. (…) Moreno Bondi ha dedicato anni allo studio delle tecniche pittoriche tradizionali. Conosce come nessuno il mestiere dei maestri dei grandi secoli e sa replicarlo con sapienza mimetica assoluta. Nondimeno è ben consapevole che l'ordine antico (e cioè il sistema di valori che c’è dietro a una pittura di Caravaggio o a una statua di Michelangelo) quello non può trasferirlo nei suoi quadri, perché si tratta di un ordine che non appartiene più al suo e al nostro tempo (…) Il mondo antico vive dentro di noi perché noi siamo la nostra storia. (…) Però la storia presente, quella che siamo chiamati a vivere, è profondamente altra dalla storia che ha generato quei capolavori. Sistemi simbolici diversi la governano e ci governano. Ecco allora che le opere dell'arte antica, staccate dal sistema che dava loro significato, possono essere percepite solo per frammenti, per assemblaggi, per enigmi. (…) La pittura che qui si presenta è evocativa perché fa emergere quello che noi inconsapevolmente siamo (noi siamo gli antichi quadri e le antiche chiese...) (…) ed è onirica perché ci offre l'occasione (le infinite occasioni) del sogno. (…) Per me, storico dell'arte, la pittura di Moreno Bondi è un approccio all'Antico inedito e affascinante”.

 

 UFFICIO STAMPA per MORENO BONDI : FINES

carlapiro.fines@virgilio.it 339 4047417

www.morenobondi.it

 

INAUGURAZIONE: su invito, mercoledì 8 novembre  ore 18,30

PATROCINIO: Regione Campania, Presidente della Provincia di Napoli, Comune di Firenze

OMAGGIO A LUCHINO VISCONTI, Firenze dal 9 novembre al 30 dicembre 2006

Ingresso: libero

Sedi

Palazzo Vecchio (Parte Guelfa) Piazzetta di Parte Guelfa 1

Durata : 9 - 16 Novembre 2006

Orario 9.00-12.30- 15.00-19.00

 

Galleria del Palazzo, Palazzo Coveri

Lungarno Guicciardini 19

Durata : 16 Novembre- 30 Dicembre 2006

Orario 11.00-13.00;  15.30-19.30

UFFICIO STAMPA

tel +39 055 281044; cell. 339 3456 316,

beatrice@galleriadelpalazzo.com

www.galleriadelpalazzo.com

 

Fondazione La Colombaia di Luchino Visconti

081 3332147

info@lacolombaia.org

http://www.colombaia.org

 

ORGANIZZAZIONE: Associazione Culturale Ischia Prospettiva Arte

tel. 081/4971300  

Info: ischiaprospettivarte@jumpy.it

www.ischiaprospettivaarte.org

 

 

CONFERENZA STAMPA  a FIRENZE

mercoledì 8 novembre 2006

ore 11,30, Galleria del Palazzo, Palazzo Coveri

 

MORENO BONDI. LA VITA

Sono i luoghi dell’arte a segnare, per origine e per scelta, il percorso di Moreno Bondi. Nato nel 1959 a Carrara, patria del marmo e della scultura; cresciuto in Toscana, terra ricca di passato e culla del Rinascimento, ha cercato nel cuore della Roma barocca, sede del suo atelier e dell’Accademia di Belle Arti presso la quale insegna, l’atmosfera adatta al proprio lavoro.

La brillante carriera universitaria è scandita da tappe importanti fin dal 1987, anno in cui diviene titolare della cattedra di Tecniche pittoriche ed ottiene incarichi prestigiosi in ambito accademico.

L’intensa attività di ricerca inerente la pittura antica, conquistato dalla potenza degli artisti seicenteschi, lo ha reso affermato conoscitore del metodo esecutivo di Caravaggio e, conseguentemente, consulente per Dario Fo e per la Fondazione Correggio.

ll percorso professionale conta, oltre a collettive di rilievo, importanti personali sostenute da amministrazioni pubbliche. Fra queste ultime si segnalano: “Aforismi” nel 2001 a Palazzo Caselli di Carrara; “L’ombra scolpita” nel 2003 presso il trecentesco Chiostro di San Francesco ad Iglesias; “Accordi di luce” nel 2004 al Teatro Lirico di Cagliari; “La caduta degli dei” nel 2005 a Villa La Colombaia di Luchino Visconti di Ischia; “Fra Angeli e Demoni” nel 2006 presso i Magazzini del Sale a Cervia.

La sua opera ottiene il costante interesse di critici quali Vittorio Sgarbi e Floriano De Santi, mentre le pubblicazioni a lui dedicate portano le firme autorevoli di Antonio Paolucci, Claudio Strinati, Janus”.

(Da ARTE IN n. 105, ottobre novembre 2006)

 

                          Fondazione La Colombaia di Luchino Visconti

 

 

 

 

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl