ARTICOLO DI LUCA PAGNI - Bracciano: "Lavori di manutenzione del fontanile sito in via cupetta del mattatoio"

Allegati

20/giu/2014 18:05:23 luca pagni Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Bracciano: “Lavori di manutenzione del fontanile sito in via cupetta del mattatoio”

 Lavori in corso a Fontanile e lavatorio di Bracciano

I Cittadini contro le Mafie e la Corruzione, dopo aver sollecitato ed ottenuto l'intervento del Comune di Bracciano per la messa in sicurezza del Fontanile e del Lavatoio di via Cupetta del Mattatoio, sono tornati sul posto per osservare l'andamento dei lavori, segnalandone alcune anomalie in termini di sicurezza sui cantieri.

E' doveroso premettere che il Comune di Bracciano, con Comunicato Stampa 43-2014 del 7 aprile 2014, ha segnalato i lavori in corso per un importo di circa 44.487,65 euro (Iva esclusa) per la manutenzione da parte della Gral Costruzioni srl del Fontanile di via Cupetta del Mattatoio. Il termine dei lavori è fissato per il 2 luglio 2014.

La direzione dei lavori è a cura dell’architetto Cecilia Sodano, Responsabile Area Lavori Pubblici e Beni Culturali del Comune di Bracciano...  Si tratta di interventi (commenta il sindaco Giuliano Sala) di riqualificazione, progettati dai nostri uffici, per i quali siamo stati in grado di intercettare fondi europei" nell'ambito del Programma di Sviluppo Rurale del Lazio 2007/2013 con Misura 413.323 "Tutela e riqualificazione del patrimonio culturale e rurale" a fronte di domanda d'aiuto n. 94752081631 e con provvedimento di concessione degli aiuti del GAL TUSCIA ROMANA n. 36 del 29/08/2013.

Il reporter Luca Pagni, della testata giornalistica iCittadini.it con Direttore Responsabile il Dr. Antonio Turri, dopo aver notato e fotografato, martedì 6 maggio 2014, la possibile assenza dei D.P.I. (Dispositivi di protezione individuale), da parte del personale operaio presente ed operante sul cantiere pericolosamente aperto al pubblico presso il Fontanile ed il Lavatoio, situati dietro l'Ospedale Vecchio di Bracciano, con inizio lavori 5 marzo 2014 e fine lavori 2 luglio 2014, avente quale Coordinatore per la Sicurezza l'Arch. Francesco Rinaldi, e Direttore di Cantiere l'Arch. Alfredo Granatelli, 

In prima istanza il reporter Luca Pagni ha chiesto personalmente l'intervento della Polizia Municipale del Comune di Bracciano, a personale in servizio motociclistico presso la piazza del Comune di Bracciano, a poche centinaia di metri di distanza dal cantiere.

Gli agenti di polizia municipale, pur esercitando funzioni di Polizia Giudiziaria, hanno gentilmente declinato l'invito a recarsi sul posto per le verifiche del caso, invitando a contattare la ASL ed il suo Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (S.Pre.S.A.L.) che ha tel. 06 96669261 ed email spresal.bracciano@aslrmf.it.

Il reporter Luca Pagni dell'associazione "I cittadini contro le mafie e la corruzione" ha dunque contattato gli uffici competenti inviandogli alcune foto dei "ponteggi in allestimento" con operai senza caschi ne imbracature che operavano su assi forse senza   protezioni laterali, per la messa in sicurezza del pericolante fontanile di Bracciano, sotto l'ospedale vecchio. 

Pare sia stato immediato il sopralluogo per verificare quanto segnalato a possibile violazione D.lgs 81 del 2008 e ss. mm. , non solo per i D.P.I. ma anche per la messa in sicurezza di tutto il cantiere, che dopo pochi giorni sembrava essere stato rimesso in ordine, con tanto di recinzione e divieto di accesso  ai non addetti ai lavori.

Giovedì, 8 maggio 2014 alle ore 10:03,  il TDP UPG Dott. Egidio Ciambella ed il Responsabile UOS SPRESAL F2-3  Dott. Franco Lancia hanno risposto in forma scritta che in merito all'oggetto (Sono regolari questi ponteggi ?), "in data 06/05/2014 personale dello scrivente servizio si è recato tempestivamente presso il luogo di lavoro indicato,  rilevando violazioni ai sensi della normativa vigente riguardante la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro (D. lgs. 81/08 e s.m.i.), per cui è stato redatto verbale di contravvenzione e prescrizione".

Lunedì 26 maggio 2014 alle ore 8,57 il Responsabile Area Lavori Pubblici e Beni Culturali del Comune di Bracciano, Direttore dei Lavori e Responsabile dei finanziamenti comunitari, Arch. Cecilia Sodano, risponde: "Gentile sig. Pagni, leggo solo oggi la sua segnalazione relativa al fontanile di via Cupetta del Mattatoio, del quale sono direttore dei lavori, in quanto rientro in ufficio dopo un lungo periodo di assenza. Riguardo alla sua segnalazione, sono stata informata che personale della ASL si è recato in cantiere e che tutto è risultato in regola. Per sua informazione, il fontanile non è affatto "pericolante" ed i lavori non riguardano la sua "messa in sicurezza" ma lavori di manutenzione straodrinaria (riposizionamento delle gronde, che erano state rubate, rifacimento di intonaci degradati, regimentazione delle acque, tinteggiatura ecc.). In indirizzo, per conoscenza, il responsabile della sicurezza, arch. Francesco Rinaldi".

Mercoledì 28 maggio 2014 alle ore 15,49 la Dott.ssa Ida Caruso, funzionario archeologo della Soprintendenza Beni Archeologici Etruria Meridionale Sito Istituzionale scrive che "questa Soprintendenza comunica di seguito: come anche da voi segnalato il fontanile non è opera archeologica e, pertanto, per le delucidazioni richieste dovete rivolgervi alla consorella Soprintendenza ai Beni Architettonici; non ci risultano inglobate preesistenze archeologiche nè è mai pervenuta alla Scrivente una richiesta di  scavi e/o pulizia del sito ad opera di volontari, come previsto dalla normativa vigente. A tal proposito si rammenta che qualsiasi intervento di natura archeologica, compresi decespugliamento  e/o eliminazione di erbe infestanti, va immediatamente comunicato a questo Ufficio, unico e solo referente per attività di tale carattere; il restauro e la manutenzione del manufatto deve essere sottoposto a controlli e pareri della consorella Soprintendenza  per competenza in materia".

Il reporter Luca Pagni ed il suo Direttore Responsabile Dr. Antonio Turri, si domandano come siano possibili le due risposte tanto contradittorie del Comune di Bracciano e della  locale ASL RM F, che evidenziano criticità comunicative.

Sono state richieste delucidazioni tecniche circa quanto rilevato dalla Soprintendenza, all'Archeologa Elena Felluca che a Bracciano aveva segnalato per prima la necessita di porre in sicurezza il sito.

La risposta è partita dalla necessaria premessa che sul posto coesistono due strutture adiacenti: il fontanile cinquecentesco ed il lavatoio ottocentesco.

L'avviso di procedura aggiudicata emesso dal Comune di Bracciano porta il titolo di “Lavori di manutenzione del fontanile sito in via cupetta del mattatoio” e non fa menzione del lavatoio ottocentesco.

Ad oggi il fontanile è stato interessato solo da lavori di rimozione dalle erbe infestanti, mentre il lavatoio è stato interessato da vari interventi, quali: intonacamento e tinteggiatura della facciata esterna e delle pareti interne, pulitura dalle erbe infestanti del tetto (rimozione e ricollocazione delle tegole), riposizionamento di nuove canalette per lo scolo delle acque.

I commi 3 e 4 l'art. 29 del Codice dei beni culturale e del paesaggio, definiscono le due differenti attività di conservazione: “3. Per manutenzione si intende il complesso delle attività e degli interventi destinati al controllo delle condizioni del bene culturale e al mantenimento dell'integrità, dell'efficienza funzionale e dell'identità del bene e delle sue parti. 4. Per restauro si intende l'intervento diretto sul bene attraverso un complesso di operazioni finalizzate all'integrità materiale ed al recupero del bene medesimo, alla protezione ed alla trasmissione dei suoi valori culturali. Nel caso di beni immobili situati nelle zone dichiarate a rischio sismico in base alla normativa vigente, il restauro comprende l'intervento di miglioramento strutturale”.

Il fontanile presenta da anni crepe, profonde spaccature e segni di cedimenti strutturali a causa della persistenza di erbe infestanti (fico, ecc...), negli ultimi mesi alcuni macigni del cornicione sono crollati o sono stati rimosse manualmente dopo il loro distacco naturale.

Allo stato attuale, che non è tanto diverso da quello riscontrato un anno fa, considerando anche le attuali norme vigenti in Italia in materia di Beni culturali, il fontanile cinquecentesco merita un'opera di manutenzione o un restauro ???

 




Questa e-mail è priva di virus e malware perché è attiva la protezione avast! Antivirus .


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl