Pezzo su AIA e Cupinoro.

15/ago/2014 16:30:24 luca pagni Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Roma e Lazio:
emergenza rifiuti ed
interessi della mala-politica...

Abbiamo incontrato il Dr. Antonio Turri, già "Commissario Anti Mazzette" e presidente dell'associazione nazionale "ICittadini Contro le Mafie e la Corruzione", dopo la scelta politica del Consiglio dei Ministri di rinnovare l'A.I.A. per riaprire la discarica di Cupinoro, tra Civitavecchia, Cerveteri e Bracciano, in Zona a Protezione Speciale, con Usi Civici e Vincoli Paesaggistici (...vincoli negati su atti pubblici).

Dott.Turri quale è il giudizio della vostra associazione sulla decisione espressa dal Consiglio dei ministri, vista anche l'intensa attività di denunzia portata avanti e che si è concretizzata con segnalazioni alla Procura della Repubblica di Civitavecchia sulle anomalie nella gestione della discarica stessa ?

Ritengo che il Consiglio dei Ministri così come la Regione Lazio ed il comune di Bracciano, abbiano comesso un grave errore nel permettere la riapertura della discarica di Cupinoro.

Quest'ultima costituisce una vera e propria "bomba ecologica" oltre che una ferita insanabile al paesaggio e ad un ambiente che doveva e dovrebbe restare incontaminato.

Consideriamo devastante continuare a gettare rifiuti in un'area protetta di incommensurabile valore archeologico. 

È altresì incomprensibile come si possa autorizzare un impianto industriale per T.M.B. in una zona a vocazione agricola, ubicato in un'area di antichi insediamenti etruschi e di epoca romana, situata a pochi km dall'area archeologica di Caeri e Cerveteri.

Che cosa la preoccupa di più ?

Oltre alle indiscutibili ricadute sull' ambiente e sulla salute di tutti i cittadini di Bracciano,  Cerveteri e dell'intera area, ci preoccupa il pericolo che le organizzazioni criminali di tipo mafioso e le consorterie di tipo politico-affaristiche che operano indiscriminatamente nel Paese Italia, specie nel settore dello smaltimento dei Rifiuti, si interessino al sito di Bracciano.

Perché segnala queste possibilità ?

Perché notoriamente il ciclo dei rifiuti vede intessare gruppi mafiosi, mala-politica ed è grande bacino per la corruzione endemica che alligna nel Paese.

A Bracciano ci preoccupano le numerose segnalazioni che ci provengono da cittadini, riguardanti investimenti nei settori commerciali e del ciclo del cemento,  fatti da gruppi economici di cui non pare conoscersi la provenienza dei capitali.

Su questo tema, abbiamo avviato nell'intera area del lago di Bracciano, una ricerca al fine di segnalare alla Magistratura ed agli organi di Polizia,  le eventuali animalie.

Colgo l'occasione per invitare i cittadini a segnalarci quanto è a loro conoscenza sulle mail del sito-giornale nazionale della nostra associazione all'indirizzo www.icittadini.it

Luca Pagni
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl