"Spoleto incontra Venezia": Martina Belguardi presenta "Sorpresa del mare"

06/ott/2014 16:28:06 UffStampaMilano Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

MARTA BELGUARDI ESPONE ALLE RINOMATE MOSTRE DI “SPOLETO INCONTRA VENEZIA”

 

La pittrice Marta Belguardi espone alle mostre di “Spoleto incontra Venezia” curate dal Professor Vittorio Sgarbi e dirette dal manager Salvo Nugnes. Le sue splendide opere saranno visibili a Palazzo Falier, nobile dimora veneziana affacciata sul Canal Grande, fino al 24 Ottobre 2014. Tra gli artisti in mostra nomi del calibro di Dario Fo, Eugenio Carmi, José Dalì e molti altri.

 

Marta Belguardi nasce a Genova nel 1971, città in cui ha ottenuto il diploma di maturità presso il Liceo linguistico V. Moraglia. All’Università ha frequentato il corso di Scienze dell'educazione e contemporaneamente ha iniziato a lavorare per l'azienda di famiglia svolgendo varie mansioni. Da sempre ha dimostrato interesse per l'arte in ogni sua forma. Il primo approccio con la pittura avviene nei primi anni '90 con la tecnica dell'acquerello. In seguito, grazie all'incontro con il Maestro F. Mancini, approda in una dimensione pittorica totalmente nuova e apprende la tecnica della Flash Art.

 

Da qui inizia un proprio percorso che le consentirà di svolgere estemporanee, mostre en plein air, collettive e personali. Durante questo percorso, in fase di continua sperimentazione e ricerca di una propria espressione pittorica, ottiene numerose conferme da parte del pubblico. Con nuove tecniche ed estrema fantasia, crea una serie di opere su tela assolutamente particolari, nuove ed originali, introducendo una serie di abissi ed universi materici, unici nel loro genere. A Gennaio del 2009 si accosta alla tecnica pittorica del Trompe-l'oeil frequentando un corso tenuto dal Docente Carlo Peretti. Attualmente svolge l'attività di pittrice a tempo pieno sviluppando una propria linea pittorica.

 

 

Sabrina Arosio scrive di lei: «È una progressiva incursione nella figura umana e nel paesaggio la pittura di Marta Belguardi. Un processo di penetrazione dell’immagine che, nei suoi smalti, focalizza prima il particolare, poi la mera silhouette ed infine diventa esplosione cromatica e gestuale che lascia spazio, nel processo di fruizione, solo al puro sentimento».

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl