Il Palazzo Doria D’angri, confermata meraviglia architettonica Napoletana, atto a svariati usi

12/nov/2014 11:23:08 ufficio stampa milano Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L'atmosfera secolare di Palazzo Doria D'Angri, ubicato nella rinomata Piazza 7 Settembre, è stata lo scenario di un evento storico d’indiscussa valenza, che ancora oggi costituisce un momento decisivo per l'intera Storia D'Italia. Esattamente il 7 Settembre 1860, e da qui trae nome la Piazza, Giuseppe Garibaldi ospite in quel periodo presso il nobile Palazzo, si affacciò dalla balconata centrale e dopo aver reso omaggio simbolico al Santo Patrono protettore della città, San Gennaro, proclamò l'annessione del Regno Borbonico delle due Sicilie allo Stato Italiano appena nato. L'affascinante dimora nobile gode di una collocazione di privilegiata centralità, poiché è limitrofa alla Piazza del Gesù, a Palazzo Reale, alla Chiesa di Santa Chiara, al Teatro San Carlo, al famoso Bar Gambrinus.

Sull'origine della pregiata costruzione è stato scritto e tramandato fino ai giorni nostri parecchio materiale interessante. In particolare, si attesta che "Fu Marcantonio Doria a volere questa dimora di 1100 metri quadrati nel 1755 e per realizzarla acquistò delle costruzioni preesistenti. Marcantonio però morì prematuramente. Fu il figlio Giovanni Carlo a portare avanti il progetto del padre e affidò l'opera all'architetto Luigi Vanvitelli. Non solo la mano di Vanvitelli ha dato prestigio all'edificio, ma anche quella di Ferdinando Fuga e Mario Goffredo. Un'epigrafe posta sulla facciata nell'angolo con Via Toledo ricorda l'annuncio dell'annessione del Regno delle due Sicilie all'Italia il 7 Settembre 1860, data che in seguito diede il nome alla Piazza. Successivamente dopo il 1940 il Palazzo è stato prima adibito a filiale sede del provveditorato e poi a succursale di un'importante scuola della zona".

Attualmente il Palazzo vanta una versatile fruibilità d'utilizzo. Infatti, è l'ideale per ospitare eventi eterogenei di tipo privato e pubblico, iniziative culturali, mostre d'arte, conferenze, congressi, riunioni, convegni politici, esposizioni museali, caffè letterario con biblioteca. Inoltre, sono presenti 9 sontuose camere corredate da bagni, da poter adibire a zona d'accoglienza lussuosa, confortevole, e dotata di moderni confort.

 

Nell’edificio restano custoditi nel loro massimo splendore conservativo dei capolavori di magistrale affrescatura. In particolare, spiccano nella coreografia decorativa l'opera di lucente suggestione dal titolo "L'allegoria con Mercurio, la sapienza e la poesia" posta nella volta del primo piano nobile e "L'allegoria dell'aurora" racchiusa nella celebre Sala degli Specchi realizzata da Alessandro Fischetti e Costantino Desiderio, inserita sulla volta del Boudoir in ornati di stucco d'oro fatti da Gennaro Fiore.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl