[arteINsicilia] Emanuele Trevi a Noto | Il popolo di legno | giovedì 28 gennaio 2016 | Sala Gagliardi

[arteINsicilia] Emanuele Trevi a Noto | Il popolo di legno | giovedà 28 gennaio 2016 | Sala Gagliardi.

Persone Massimo Gramellini, Chiara Gamberale, Pietro Tripodo, Marco Lodoli, Arnaldo Colasanti, Mario Trevi, Katia Trifirò, Città, Cettina Raudino Vicesindaco, Emanuele Trevi
Luoghi Noto, Roma, Messina, Calabria, Nasso
Organizzazioni Quiritta, Fazi, 'ndrangheta, Laterza
Argomenti editoria, letteratura

Allegati

27/gen/2016 17.29.40 studio barnum contemporary Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
StudioBarnum contemporary segnala:

Con preghiera di diffusione

cordialità 

Cettina Raudino
Vicesindaco e Assessore alla Cultura
Città di Noto

------------------

                     CITTÀ DI NOTO                 

Patrimonio dell’Umanità

 

Assessorato alla Cultura 

 

Nota per la Stampa

 

L'Assessorato alla Cultura del Comune di Noto in collaborazione con Naxos Legge, giorno 28 gennaio, ore 18, nella Sala Gagliardi di Palazzo Trigona, presenta l'ultima opera del critico letterario e scrittore Emanuele Trevi “ Il popolo di Legno”. Interviene la prof.ssa Katia Trifirò dell'Università di Messina, coordinano l'assessora Cettina Raudino e la direttrice artistica di Naxos Legge Fulvia Toscano. 

Figlio dello psicoanalista junghiano Mario Trevi, è editor e autore di saggi e romanzi. Ha debuttato nella narrativa nel 2003 con I cani del nulla, uscito presso EinaudiStile Libero. È stato direttore creativo (con Arnaldo Colasanti della Fazi editore, ha curato una collana presso Quiritta editore e, con Marco Lodoli, l'antologia scolastica Storie della vita edita daZanichelli.  Con il libro reportage sul poeta Pietro Tripodo, "Senza verso. Un'estate a Roma" edito da Laterza ha vinto il Premio Sandro Onofri. 

Collabora con Radio 3 e ha scritto su diverse riviste come Nuovi ArgomentiIl caffè illustrato e su quotidiani quali la Repubblicala Stampa il manifesto.

È sposato con la scrittrice Chiara Gamberale.

Il romanzo accolto con attenzione e favore dalla critica nazionale, ambientato in una Calabria simbolica e perciò esemplare, lontano da ogni tentativo di compiacimento o di retorica umanistica è stato definito “Il romanzo scomodo del Pinocchio nichilista”. . Protagonista è appunto un antieroe, un nichilista di nome Topo, alterego dell'autore, un uomo che la vita ha segnato con più ferite e che però rivendica con orgoglio la propria libertà. Topo conduce un programma in una radio calabrese di proprietà della 'ndrangheta dove si esibisce in monologhi sul reale significato di Pinocchio: la storia di un burattino unico al mondo che il sistema costringe a diventare un bambino come tutti gli altri. 

Un romanzo urticante e strepitoso che venderà meno di quello che meriterebbe perché le librerie sono come farmacie in cui andiamo a cercare storie che ci tonifichino e ci rassicurino, mentre Il suo Popolo di legno ha una trama concepita per essere respingente. ( di Massimo Gramellini da La Stampa)

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl