Bracciano, scuola Tittoni, rinvio a giudizio Di Matteo

Bracciano, scuola Tittoni, rinvio a giudizio Di Matteo.

Persone Daniele Aranini, Luigi Di Matteo
Luoghi Bracciano
Organizzazioni Associazione Salviamo Bracciano, ASIET
Argomenti diritto, diritto penale, diritto pubblico e amministrativo

Allegati

25/feb/2016 22.02.03 salviamo bracciano Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

BRACCIANO, SCUOLA TITTONI, RINVIO A GIUDIZIO PER DI MATTEO

EX CAPO AREA TECNICA DEL COMUNE

 

Bracciano, 25-02-2016. Il giudice ha accolto la richiesta del PM  e rinviato a giudizio  l’ing.Luigi Di Matteo per la presunta truffa legata all’impianto antincendio della scuola elementare Tittoni. Dovrà rispondere di reati relativi alla frode nelle pubbliche forniture, falsificazione di atti pubblici aggravata se commessa con abuso dei poteri e violazione dei doveri inerenti alla pubblica funzione da lui rivestita.

Come Capo Area dei Lavori Pubblici e, nella fattispecie,  responsabile anche come direttore dei lavori e incaricato del collaudo,   nel 2013 avrebbe dovuto provvedere ai lavori per la messa a norma della scuola elementare Tittoni, facendo installare un impianto antincendio. Sembra invece che  abbia fatto risultare la regolare esecuzione dei lavori attraverso due falsi certificati di ultimazione dei lavori, necessari per il certificato di collaudo, mettendo a rischio l’incolumità dei bambini e del personale scolastico. Questo con la complicità di Daniele Aranini (anch’egli rinviato a giudizio), rappresentante legale della ditta ASIET, al quale avrebbe procurato un ingiusto profitto per il mancato pagamento delle penali, a scapito delle casse comunali. Si ipotizza una truffa vera e propria sulla pelle dei bambini della scuola e delle loro famiglie che li credevano al sicuro.

Il processo all’ing.Di Matteo, oggi degradato e indagato per associazione a delinquere insieme ai vertici comunali,  è fissato il 7 giugno prossimo. Purtroppo, all’udienza preliminare di oggi il Comune era assente, anziché costituirsi parte civile a tutela dei diritti dei suoi cittadini. Una prassi consolidata  nella precedente amministrazione per tutti i processi che chiamano i dipendenti comunali a rispondere dei reati contro la PP.AA. contestati loro dalla magistratura. 

Ass.Salviamo Bracciano

 

logo salv

Associazione Salviamo Bracciano

Tel. 339.4641014

Salviamo.bracciano@gmail.com

http://www.facebook.com/salviamo.bracciano.9

C.F.97796940589

 

Se non desideri ricevere le nostre e-mail puoi cliccare sul link 'Disiscriviti' .

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl