Da mercoledì 16 fino a domenica, una nuova mostra e 4 nuovi concerti a Fabbrica102

Insuscettibile di ravvedimento - opere di Luigi Di Gangi Palermo, dal 16 marzo al 4 aprile - Fabbrica 102 ospita Luigi Di Gangi (Teatri Alchemici), un artista che conduce la sua ricerca nelle arti visive su più fronti.

Persone Willie Mctell, Richard Lindgren Terje Nordgarden, Bocephus King, Jono Manson, Eugenio Finardi, Damon Fowler, Michael Burks, Dirk Hamilton, John Primer, Dana Fuchs, Charlie Musselwhite, Marco CORRAO Palermo, Rosario Acunto, Anna Calvi, Jeff Buckley, Hartmut Saam, Dean Bowman, Max Magaldi, Gian Carlo Onorato, Cristiano Godano, Paolo Benvegnù, Paolo Jannacci, Marlene Kuntz, Avion Travel, Rufus Wainwright, Fabrizio De Andrè, Guido Maria GRILLO Palermo, Ottavio Leo, Mimì Sterrantino, Mimì STERRANTINO Palermo, Luigi Di Gangi Palermo, Johann Wolfgang von Goethe, Anthony
Luoghi Salerno, Atlanta, Santa Teresa di Riva
Organizzazioni Bradfordville Blues Club
Argomenti musica, composizione

14/mar/2016 10:39:30 Firriòtate Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Insuscettibile di ravvedimento -
opere di Luigi Di Gangi


Palermo, dal 16 marzo al 4 aprile - Fabbrica 102 ospita Luigi Di Gangi (Teatri Alchemici), un artista che conduce la sua ricerca nelle arti visive su più fronti. Non uno spettacolo dunque ma una serie di opere, frutto di una personalità poliedrica e in continuo cambiamento. Così l'artista tenta di descrivere la propria opera, citando Goethe:

Insuscettibile di ravvedimento. Artista nonostante tutto.

Teatri verticali. Teatri verticali è una sfida. La sfida che l'arte dovrebbe sempre essere in grado di lanciare a chi si presta per raccoglierla. La verticalità è insieme il segreto e la chiave per accedere ad un linguaggio che aspira a non essere mai del tutto codificato, classificato. Accademizzato. Se l'artista è libero, l'arte è libera. E l'artista si riserva ancora, e nonostante tutto, uno spazio libero in cui frammentare e ricomporre la realtà. Una realtà che, nella sua verticalizzazione, aspira ad elevarsi e ad elevare chi ne partecipa, anche solo con lo sguardo. L'arte è l'anti doto e la cura al senso di spaesamento diffuso. Spaesando a sua volta, restituisce una verità in costruzione da riempire di significati.

"Per sfuggire al mondo non c'è niente di più sicuro dell'arte, e niente è meglio dell'arte per tenersi in contatto con il mondo (J. W. Goethe)" INGRESSO LIBERO a partire dalle 19:00



MIMI' STERRANTINO


Palermo, 17 marzo 2016 - Un grande ritorno per il secondo cartellone di eventi di Fabbrica102 quello di Mimì Sterrantino. “Un lupo sul divano” è il titolo del suo ultimo lavoro discografico, datato 2015. Comprende dieci brani, registrati sempre insieme agli Accusati, che ripercorrono le vie sonore nord americane degli anni settanta. Blues, country, folk e rock si fondono insieme ai testi del cantautore siciliano che non abbandona la sua vena ironica, le lodi a madre natura, lo spirito rivoluzionario, la fantasia e la classica autoreferenzialità cantautorale con cui parla di se stesso e delle proprie esperienze di vita.

Registrato analogicamente al Ludnica Studio di Santa Teresa di Riva da Ottavio Leo che è anche il produttore artistico del disco. Ingresso libero a partire dalle 22:00


GUIDO MARIA GRILLO


Palermo, 18 marzo 2016 - Guido Maria Grillo è un musicista e cantautore nato a Salerno. Laureato in Filosofia con una tesi su Fabrizio De Andrè, vincitore, nel 2006, del Bologna Music Festival e del Musicacontrocorrente, finalista alle selezioni del Festival di Sanremo 2013, 2014 , 2015 e 2016 per la categoria Giovani, ha aperto concerti di Rufus Wainwright, Avion Travel, Marlene Kuntz, Musica Nuda, Paolo Jannacci. Dal 2013 in tour con Paolo Benvegnù, Cristiano Godano (Marlene Kuntz) e Gian Carlo Onorato. A gennaio 2010 esce il primo disco omonimo (AM Productions/AbuzzSupreme) e, l’anno successivo, il secondo, “Non è quasi mai quello che appare”. Il 13 ottobre 2015, esce il singolo “Così sia”. Il nuovo live set, in duo con Max Magaldi (Dean Bowman, Hartmut Saam), chitarra, batteria e voci, presenta brani inediti ispirati da sonorità e mood di artisti come Jeff Buckley, Anna Calvi, St Vincent, Anthony & the Johnsons. INGRESSO LIBERO a partire dalle 22:00



KATAP


Palermo, 19 marzo 2016 - Dopo una pausa discografica di quattro anni, ecco il ritorno dei Katap, con un Ep, dal titolo omonimo “KATAP”. Composto da cinque tracce, è un ritorno alla pura elektro music. Cinque strisce, cinque brani, cinque le lettere che compongono la parola KATAP: ritorna il cut-up emozionale.L’effervescenza elettronica, in un vortice di suoni, ha riconnesso il progetto alla sua origine, quella di “Antiform”, disco del 2007, in un flusso continuo di bit, beats e voci

megafoniche. Anche i live seguiranno questo percorso più dancefloor, e saranno supportati da caleidoscopici visuals.

L’Ep “KATAP” è prodotto dai Katap, per l’etichetta Nut Label; mixato e masterizzato, al Nut Studio, da Rosario Acunto (Emiro), già produttore artistico di “Bullet”, precedente lavoro della formazione.

INGRESSO LIBERO a partire dalle 22:00


MARCO CORRAO


Palermo, 20 marzo 2016 - La musica di Marco Corrao attinge dalla musica americana, dalla musica popolare siciliana e dallo studio dei padri del blues e della roots music in genere. Vanta numerosi opening act a Charlie Musselwhite, Dana Fuchs, John Primer, Dirk Hamilton, Michael Burks, Damon Fowler, Sherman Robertson e collaborazioni con Eugenio Finardi, Jono Manson, Bocephus King, Richard Lindgren Terje Nordgarden. Ha suonato in club leggendari come il Blind Willie Mctell di Atlanta o il Bradfordville Blues Club di Talahasse FL. Ha all' attivo tre dischi da solista "Trouble" 2007, "Down Home" 2009 e "Twin Rivers" 2013. INGRESSO LIBERO dalle ore 22:00.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl