Zanotelli scrive a Prodi: che delusione sulla politica militare del Governo!

Zanotelli scrive a Prodi: che delusione sulla politica militare del Governo!

10/mag/2007 13.20.00 musicopoli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
>>
>> Zanotelli scrive a Prodi: che delusione sulla politica militare del
>> Governo!
>> Lettera da Napoli del 27 aprile
>> Fonte: Mosaico di Pace - Unimondo - 4 maggio 2007
>>
>> Egregio Presidente del Consiglio,
>> Pax et Bonum. Le auguro di cuore che questa antica benedizione
>> francescana che raccoglie quella ebraica dello Shalom (pienezza di
>> vita) diventi il Suo programma di governo. Io avevo tanto sperato che
>> il suo governo avrebbe riportato l'Italia a essere Paese non più in
>> guerra con altri Paesi, come prevede la Costituzione italiana
>> (art.11). Purtroppo non è stato così. Ne prendo atto con rammarico.
>> Devo confessarle che non me lo aspettavo. Non mi aspettavo la
>> decisione di rimanere in Afghanistan. Una guerra ingiusta contro un
>> popolo che non ci aveva fatto proprio nulla. Ma soprattutto non mi
>> aspettavo una politica che mira a rendere l'Italia un Paese armato e a
>> immetterlo nel complesso militar-industriale mondiale.
>> I fatti sono sotto gli occhi di tutti:
>> 1. Il suo invito, lo scorso settembre durante la sua visita in Cina di
>> porre fine all'embargo europeo e italiano per la vendita di armi al
>> colosso cinese, è stato per tanti di noi un primo colpo al cuore.
>> 2. La finanziaria di quest'anno ha stanziato 22 miliardi di euro per
>> la Difesa. Un aumento del 12% rispetto alla ultima finanziaria del
>> governo Berlusconi. Siamo al settimo posto al mondo per le spese
>> militari.
>> 3. Nella finanziaria di questo anno l'articolo 113 istituisce "un
>> fondo per le esigenze di investimento della difesa" cioè per la
>> ricerca militare. Si tratta per i prossimi tre anni di qualcosa come
>> quattro miliardi e mezzo di euro. È un fatto di estrema gravità.
>> 4. Il sottosegretario alla difesa, on. Forcieri, ha firmato a
>> Washington lo scorso febbraio il protocollo di intesa su produzione e
>> sviluppo del caccia F-35 (Joint Strike Fighter). Se ne costruiranno
>> oltre 4.500 esemplari al prezzo di 45 milioni di euro cadauno. Per
>> questo progetto l"Italia dovrà stanziare subito un miliardo di euro.
>> 5. La decisione di ampliare la base americana di Vicenza (aeroporto
>> Dal Molin) presa dal suo governo contro la forte opposizione della
>> popolazione vicentina è molto grave.
>> 6. Il rafforzamento delle basi militari americano e Nato, soprattutto
>> nel Sud Italia, che diventa la nuova frontiera della guerra al
>> terrorismo. La base di Sigonella (Sicilia) è in procinto di essere
>> triplicata, mentre Napoli diventa la nuova sede del Supremo Comando
>> navale americano di pronto intervento che giocherà tramite il "Comando
>> dell'Africa" (Afri-Com) un ruolo notevole per il controllo americano
>> del continente nero.
>> 7. La firma, lo scorso febbraio di un memorandum di accordo quadro per
>> fare entrare il nostro Paese sotto l'ombrello dello "Scudo"
>> antimissile. Un accordo negato all'inizio dal suo governo e in un
>> secondo tempo, ammesso. Così l'Italia e Polonia sono dentro il
>> programma dello scudo antimissile mentre Grecia e Turchia non lo hanno
>> accettato. Questo spacca ulteriormente l'unione europea e fa infuriare
>> la Russia che grida alla "minaccia".
>> 8. Secondo il rapporto del suo governo presentato in parlamento lo
>> scorso marzo, l'Italia ha venduto armi per un valore di oltre 2,19
>> miliardi di euro con un aumento di vendite del 61% rispetto all'anno
>> precedente. Grossi affari per le banche armate, ma soprattutto per il
>> suo governo che è il maggior azionista delle fabbriche di armi
>> italiane.
>>
>>
>> Da tutto ciò mi sembra ovvio affermare che il suo governo sta
>> marciando a piena velocità verso una militarizzazione del territorio e
>> verso l'inclusione dell'Italia nel complesso militare industriale
>> mondiale. Che questo avvenga proprio sotto un "governo amico" coperto
>> da una "stampa amica" proprio non riesco ad accettarlo. E più grave
>> ancora, mentre troviamo i soldi per le armi, non li troviamo per la
>> solidarietà internazionale (siamo fanalino di coda nella lista Ocse
>> per l'aiuto ai Paesi impoveriti). E non troviamo neanche 280 milioni
>> di euro per pagare il "Fondo globale" per la lotta all'Aids, come era
>> stato promesso ai vertici G8.
>> Presidente, che delusione! Soprattutto che tradimento dei poveri! Le
>> auguro che l'urlo degli impoveriti che per 12 anni ho ascoltato nel
>> mio corpo nella baraccopoli di Korogocho giunga al suo orecchio e
>> l'aiuti a cambiare rotta.
>> Sono solo un povero missionario comboniano. p. Alex Zanotelli
>> (Direttore di Mosaico di pace)
>> Napoli, 27 aprile 2007
>>
>>
>>
>> ------------------------------------------------------
>> Leggi GRATIS le tue mail con il telefonino i-modeT di Wind
>> http://i-mode.wind.it/
>>
>>
>>
>>
>>
>> --
>> No virus found in this incoming message.
>> Checked by AVG Free Edition.
>> Version: 7.5.467 / Virus Database: 269.6.5/791 - Release Date: 06/05/2007
>> 9.07
>>
>>
>>
>>
>


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl