L'Italia in crash, per un Partito della Scienza

21/gen/2017 09:47:36 FUTURGUERRA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

di  Roby Guerra


*La crisi generale contemporanea, i ritardi storici e cronici nazionali, spiegano anche certa Italia letteralmente a pezzi, come dimostrano già le polemiche sulla tragedia attuale della slavina killer in Abruzzo, combinata con la costante nell'area emergenza terremoto.  Da un lato straordinari eroi della protezione civile e del soccorso alpino, capaci di miracolare in condizioni generali ai limiti se non oltre, il miracolo di bambini, donne e uomini (almeno alcuni) salvati all'ultimo istante quasi.  Dall'altro una Macchina di Stato generale anche inquietante che in fondo riflette la solita classe politica ancora primitiva  non degna di società moderne tecnoscientifiche.  Basta la contemporaneità di due emergenze e la macchina va a corrente alternata o si rompe.   Neppure si tratta di colpire nei dibattiti ad personam, la questione è strutturale e supera di anni luce questioni ideologiche.  Necessitano svolte, visioni, paradigmi del futuro diversi e radicali. Ovvero anche se storicamente trattasi praticamente e soltanto di vagiti, ci vuole un Partito della Scienza per irradiare conoscenza ed eccellenza nel futuro della politica italiana, prima di rassegnarsi a decenni e decenni di stagnazione e implosioni neomedievali prevedebili.
Riproponiamo pertanto un nostro recente scritto (la presentazione del Gruppo Facebook  "TRANSUMANESIMO E POLITICA"):


Transumanesimo e Politica (Science Party)

Tempo di una nuova sonda transumanista in Italia, complementare alle dinamiche più strettamente scientifiche oggi esistenti che hanno innestato da alcuni anni il nuovo spettro futurista e futuribile in Europa che oggi meglio chiamare virus in senso provocatorio o antivirus in senso programmatico: per cambiare rotta al fallimento attuale dell'Europa da un lato e al nuovo medioevo incombente - nello specifico in Italia. Sonda-navicella web complementare anche ad altre sonde parallele e dialettiche simili presenti ed operative da anni.
Dopo Marx e Nietzsche e Bertrand Russell, ovvero le ultime grandi narrazioni rivoluzionarie, a livello sociale e psicologico (sintetizziamo...) è il registro di sistema esplicito di questa sonda, un propellente nella metafora solo liminare se non tecnicamente escluso altrove nell'area piu rilevante in Italia (per legittimi giochi linguistici e anche a suo tempo tatticismi intelligenti - visto le resistenze italiche soprattutto al discorso rivoluzionario transumanista e futurologico).
Il mondo però e' un bivio nella nostra epoca: scienza o barbarie l'aut aut sempre più evidente: il transumanesimo, piaccia o meno, è destinato a non rimuovere ma a fare il surf letteralmente con i nodi paleoumanistici e passatistici generali, provenienti sia da sinistra che da destra, in quanto la cosiddetta macchina politica è già e sempre più sarà (si pensi solo all'eutanasia, alle cellule staminali, alla libera ricerca scientifica globale....) decisiva per l'affermarsi e l'evoluzione concreta nel mondo reale di tutte le tematiche transumaniste e futuristiche stesse.
Si presuppone ora, in tale ex novo sonda italiana e comunque transnazionale, in certo senso la fine della storia, dell'ideologia, della politica stessa, oltre - ad un primo livello - i dogmi "modernisti" destra-sinistra, quasi assoluta libertà in tale blog, tranne apologie nazionalsocialiste o comuniste/staliniste ecc: pregasi astenersi fin d'ora.
Per nuove post-storia, post-politica stesse. Altrettanto esplicitamente la sonda dei curatori - tanto per essere chiari- in sé privilegia un transumanesimo rivoluzionario, libertario, iperprogressista un poco sulla scia della grande news futurista sociale e politica lanciata da Zoltan Istvan alle recenti presidenziali americane. Le polemiche nel movimento non ci interessano: restano i fatti, Istvan ha mediaticamente centrato l'obiettivo mediatico; basta un giro nel web per verificare tale potenziamento del movimento a livello mediatico dopo il Transhumanist Party di Istvan. Nello stesso tempo massima libertà e attenzione anche a Transumanesimi eventualmente più moderati, Liberal o Conservatori 2.0. laddove la Grande Politica del XXI secolo, riassumendo, domanda, piaccia o meno, una nuova dialettica realmente conoscitiva (Come - infatti - già dimostriamo con la prima cover del gruppo... strettamente attuale, sorta di mini big data, look destinato sempre a mutazioni periodiche a seconda dei grandi link pop e mediatici che la cronaca rivelerà, lasciando perdere qualsivoglia dietrologia o politicume off topic, serva anche come test e tac per interfaccia conoscitivi o veteroideologici).
Per società scientifiche prossimo venture conoscitive e scientifiche, basate essenzialmente sulla conoscenza scientifica globale e sul nuovo immaginario tecnoscientifico che coinvolge legittimamente anche arte-letteratura-filosofia e persino religione, almeno come hardware.
Per il software, ovviamente, l'urgenza storica domanda un rasoio di Occam: obiettivi più evoluti di democrazie postpopperiane almeno a medio termine e in certo senso... domandano più realisticamente per eventuali e auspicabili Science Party anche in Italia... modelli e paradigmi nell'agorà strettamente postpolitico - appunto- più strettamente scientifici.
In ogni caso e necessità, per dirla con J. Monod, ecco la sonda nuova transumanista in Italia: chi desidera scommettere, per ora virtualmente, sul Transumanesimo come in qualche modo rivoluzione anche politica, questa è la sua astronave. Tutti gli attivisti italiani e non solo sono tacitamente invitati, liberi di scrivere in qualsivoglia lingua e parola e legittimo gioco linguistico soggettivo (per dirla con Jacques Lacan), confidando in files virtuosi soprattutto e non banalmente solo polemici.
La querelle sarà anche lo zucchero e l'ogm di questa sonda, ma che sia, per cortesia, una cibornetica... il piu possibile oggettivante. La scienza se ne frega delle nevrosi ad personam, qua non si parla di friends, ma di spiriti e corpi liberi il cui unico obiettivo è la battaglia del transumanesimo e del futurismo nel XXI secolo. Piccola o grande, allo stato attuale, irrilevante.
Concludiamo questa rapida e succinta presentazione con una indicazione relativa ma di massima: il riferimento all'ultimo grande psicanalista storico, ovvero Jacques Lacan (con lo stesso James Hillmann) non è casuale. In principio.. nei dibattiti che saranno, l'Immaginario e il simbolo come criterio privilegiato di interpretazione, non il letteralismo che inquina la dialettica contemporanea in ogni campo.
La parola nel XXI secolo è libera, in libertà, aperta e persino multitasking...
The best future , compagni (lo diciamo alla Charlot..) transumanisti!


https://www.facebook.com/groups/1667352226890283/
www.facebook.com
Log into Facebook to start sharing and connecting with your friends, family, and people you know.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl