Venerdì 10 e sabato 11 marzo alle Officine CAOS di Torino per #CAOS2017

06/mar/2017 14:57:47 Stalker Teatro | Officine CAOS Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



ven 10 e sab 11 marzo
h.19.3o FOCUS AMNESTY INTERNATIONAL  (ven 10 mar)
h.21.oo L’INSCATOLASALMONI DEL QUEBEC di Lorenzo Bartoli (To)
h.22.oo DINOSAURIdi Teatri del Vento e Institutet för Scenkonst (IT/SE)

Appuntamenti di marzo per #CAOS2017, con l’inaugurazione della mostra fotografica a cura diAmnesty International - esposizione dei lavori della giornalista e fotografa #RawanShaif sulla guerra in#Yemen. Venerdì 10 ore 19,30 prima esposizione, a seguire rinfresco e spettacoli. Esposizione alle Officine Caos fino al 31 marzo.

A seguire �“ venerdì 10 e sabato 11 marzo -Lorenzo Bartoli in L'inscatolasalmoni del Québec, una riflessione trasposta in metafora sulla lotta, la fuga, l’inibizione, quando l’incapacità di poter o saper scegliere porta inevitabilmente all’inscatolamento.

Alle ore 22 una produzione italo-svedese di Teatri del Vento Associazione Culturale, inspirato alle figure di Francesco d'Assisi e Vladimir Majakovskij, una preghiera, una denuncia ed un appello a difendere i valori umani ed il diritto alla spiritualità propria dell’uomo. Con Giovanni Delfino.

Le serate di spettacolo avranno inizio alle ore 21 presso le Officine CAOS di P.zza Eugenio Montale 18/a, Torino (zona Juventus Stadium), con ingresso intero 9 €, ridotto 7 € (over 60, under 18, studenti con tessera universitaria, tessera AIACE, tessera TOSCA 2017Torino+Piemonte Contemporary CardAbbonamento Musei Torino Piemonte, tessera Rete Culturale Virginia,  tessera Officine CAOS, residenti Circoscrizione 5); ridotto 3 € (per gli under 14 e possessori Pass 60); omaggio per disoccupati e disabili con attestazione o tessera.

Approfondimenti sul sito www.stalkerteatro.net; informazioni e prenotazioni info@stalkerteatro.net, tel 0117399833.

 

Link al libretto del programma sfogliabile on line http://www.stalkerteatro.net/immagini/caos2017a.pdf

Link alla photogallery https://www.dropbox.com/sh/fwxncm5yugggp3d/AAC0bw9Gi3mpEoK170pXnpiZa?dl=0

Altri materiali disponibili su http://www.stalkerteatro.net/caos2017.html

Aggiornamenti disponibili sulle pagine fb Stalker Teatro - Stalker Teatro fanpage -  Residenza Arte Transitiva - Officine Caos - Su Twitter Stalker Teatro �“ su Instagram Stalkerteatro

 


******************* Approfondimenti ***********************

 

dal 10>31 marzo
inaugurazione: ven 10 marzo h.19

FOCUS AMNESTY INTERNATIONAL
mostra fotografica
Sanaa: la città dai vetri infranti e dai sogni distrutti di Rawan Shaif

 Rawan Shaif è una giornalista e fotografa, britannico-yemenita, che ha lavorato in Yemen per oltre 10 mesi raccontando la guerra per diversi giornali internazionali tra cui Al-Jazeera, Global Post, New York Times e Der Spiegel. Ha iniziato il suo viaggio un mese e mezzo dopo lo sgancio della prima bomba nel paese da parte dell’aviazione saudita. Rawan ha fotografato il dramma di Sanaa, una città devastata dalle bombe a grappolo, e Taiz, una città sotto assedio, catturando terribili scene di distruzione in ogni angolo della strada percorsa.

Presentazione in occasione dell’inaugurazione della mostra a cura di Alessandro Coassolo, responsabile Amnesty International Piemonte Valle d'Aosta.  Segue rinfresco.

 

ven 10, sab 11 mar  h.21.oo

L'INSCATOLA SALMONI DEL QUEBEC
Lorenzo Bartoli (To)

Ammiro quelli che circondati dalla fuga non si fanno assalire, che restano sapendo lottare.” R.

La soluzione al pericolo è nella fuga o nella lotta, oppure, ed è l'alternativa peggiore e per niente risolutiva, nell'inibizione. Non scappo né lotto, subisco e basta. Scappare da, scappare per, restare e lottare, non lottare. A volte è solo una questione di libera scelta, a volte tragicamente non c'è scelta. Questo è il viaggio di R., la sua parabola. Dall'inferno del lavoro metallico all'avventura nelle gelide acque fino al progressivo, ineluttabile e straziante inscatolamento. I preparativi e le ambizioni, la partenza e il sogno ad occhi aperti, il risveglio e il ritorno alla realtà. R. per lunghi anni ha preferito la fuga ma la sua fuga è astratta, la testa è partita e il corpo è rimasto ed ora, alla fine dei conti, la realtà è cruda perché non si è dato alla vita e ha compromesso gli affetti.

Di e con Lorenzo Bartoli  - Suoni e musiche originali
Massimiliano Bressan, Massimo Valerio  - Luci Dardo Gabriel Fernandez Franco
Scena Manuela Savioli - Costumi Serena Racca - Produzione FancyFranchising

 

ven 10, sab 11 mar  h.22.oo

DINOSAURI
Teatri del Vento / Institutet för Scenkonst (IT/SE)

“Dinosauri” è un’opera di carattere poetico, non si sviluppa seguendo una trama lineare ma segue la logica della poesia che agisce sul piano evocativo ed emotivo della comprensione invitando lo spettatore a leggere lo spettacolo in relazione alla propria esperienza.

Lo spettacolo è una preghiera, una denuncia ed un appello a difendere i valori umani, a difendere il diritto alla spiritualità propria dell’uomo. Un appello per il quale abbiamo preso in prestito le voci di Francesco d’Assisi e Vladimir Majakovskij, così sorprendentemente consone, malgrado la distanza di secoli, di culture e di situazioni politiche che le separano. Il fondamento su cui poggia la nostra società moderna, il mercato, non è più al servizio dell’uomo, ma è l’uomo che serve al mercato.

Spettacolo ispirato a Francesco d'Assisi e Vladimir Majakovskij
Con Giovanni Delfino (Teatri del Vento)
Regia di Roger Rolin (Institutet för Scenkonst )
Testi di Vladimir Majakovskij e G. Delfino
Musiche originali di G. Delfino e R.Rolin
Coproduzione internazionale
Teatri del Vento (Italia) - Institutet för Scenkonst (Svezia) - Festival di Lunatica 2011 (Italia)


--
Roberta Cipriani
tel +39 328 4288666

Press, comunicazione e social
Stalker Teatro | Officine Caos 
Residenza Multidisciplinare Arte Transitiva


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl