Fazi Editore: «Yeruldelgger. Tempi selvaggi» di Ian Manook in libreria

15/mag/2017 06:15:15 FUTURGUERRA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

Care lettrici e cari lettori, 
da oggi trovate in tutte le librerie il secondo volume della trilogia pluripremiata ambientata in Mongolia. 
Vi segnaliamo anche le date del tour italiano dell'autore, che inizierà al Salone internazione del Libro di Torino e proseguirà a Pisa, Milano e Roma. 


Ian Manook
YERULDELGGER
Tempi selvaggi
 collana Darkside / pp. 474 /euro 17

Dopo «Yeruldelgger. Morte nella steppa», il noir francese più premiato degli ultimi dieci anni, ecco il secondo capitolo della trilogia che sta conquistando i lettori di tutto il mondo: il commissario ritrova la Mongolia e le sue terre estreme in un grande thriller di un'originalità assoluta.

Dopo la Svezia di Mankell, l'Islanda di Indriðason, la Scozia di Rankin, d'ora in poi ci sarà la Mongolia di Ian Manook.

Il libro È inverno inoltrato e la steppa è avvolta nella morsa dello dzüüd: le temperature si aggirano sui meno trenta, un vento gelido imperversa e il paesaggio è spazzato da tormente di neve. Sembra di respirare vetro. È la leggendaria sciagura bianca, che al suo passaggio lascia dietro di sé una scia di cadaveri. Milioni di vittime, uomini e animali. Da un cumulo di carcasse congelate, incastrata fra un cavallo e una femmina di yak, sbuca la gamba di un uomo. È solo il primo di una serie di strani ritrovamenti. Nel frattempo, in un albergo di Ulan Bator, viene assassinata la prostituta Colette, delitto del quale è accusato proprio il commissario Yeruldelgger. E poi c'è la scomparsa del figlio di Colette, le cui tracce porteranno il commissario fino in Francia, in una fitta trama di giochi di potere dei servizi segreti, loschi affari dei militari e corruttela della politica. Yeruldelgger non ha più niente da perdere ed è pronto a uccidere. Il fuoco va sconfitto col fuoco, proprio come si fa quando scoppiano gli incendi nella steppa: si creano muri incendiari. E intanto, la neve continua a ricoprire la Mongolia…
Secondo capitolo della trilogia di Yeruldelgger, Tempi selvaggi non deluderà le aspettative. Il commissario più amato del momento è tornato.

Su Yeruldelgger è stato scritto:

«Mongolia immensa, spirituale, nera, nel romanzo rivelazione di Ian Manook. Un racconto inesauribile, che risuona ben oltre la rivelazione del male e lo svelamento del colpevole. L'esordio di Manook impone lo spassante scenario mongolo nell'immaginario del poliziesco, così come vent'anni fa Mankell impose la Svezia».
Roberto Iasoni, «Corriere della Sera»

«Ian Manook mette in scena un giallo dai sapori forti, in un paese ricco di contraddizioni. L'autore è molto abile a trascinare il lettore in una trama violenta e in luoghi esotici. Un romanzo giallo e al tempo stesso un libro di viaggio».
Brunella Schisa, «il Venerdì di Repubblica»

«Fazi fa delle indagini del commissario Yeruldelgger la sua scommessa per le letture sotto l'ombrellone e non è difficile capire fin dalle prime righe perché la puntata è vincente».
Cristina Nadotti, «la Repubblica»

«Il thriller di Manook è un magnifico reportage in un mondo perlopiù sconosciuto».
Fabrizio D'Esposito, «Il Fatto Quotidiano»

«Il futuro del noir? Uno sbirro stile Gengis Khan».
Caterina Maniaci, «Libero»

Ian Manook Giornalista, editore e romanziere, vive a Parigi. Ha esordito con YeruldelggerMorte nella steppa, pubblicato nel 2016 da Fazi Editore e primo di una trilogia con lo stesso protagonista. Pluripremiato e adorato dai lettori e dalla critica, Yeruldelgger è un vero e proprio fenomeno.

 

Condividi:
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl