CINENESPOLO: una mostra a Roma su Ugo Nespolo e il cinema

01/dic/2003 20.16.01 Ufficio Stampa Artè Communication Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

LIVING EXHIBITION

CINENESPOLO

Ugo Nespolo e il cinema


Roma, TA MATETE, Via IV Novembre, 140

Giovedì, 4 dicembre dalle ore 19.00

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

Le coordinate dell’arte di Ugo Nespolo sono fornite dallo spirito ‘dada’, che lo ha indirizzato fin dall’inizio alla sperimentazione di tecniche e di mezzi espressivi, e da quello futurista, che lo ha indotto a introdurre nel suo fare il movimento e la vita.  L’arte dunque come specchio e riflesso esistenziale, in ciò avendo come punto di riferimento Fortunato Depero” (Luciano Caprile).



L’ultima ‘living exhibition’ proposta nel 2003 al TA MATETE Living Gallery di Roma è dedicata a Ugo Nespolo che presenterà “CINENESPOLO”.

Come indica il titolo, obiettivo della mostra, che durerà fino al 20 gennaio 2004, è mettere in evidenza lo stretto legame che unisce cinema e pittura, e che in particolare presenta Nespolo come pittore e come film-maker.

Durante la serata questo rapporto tra i due mezzi espressivi, verrà esplorato in diversi spazi - negli Orizzonti Emozionali, nell’Arena Incantata, e nelle sale espositive - dove verranno proiettati alcuni dei capolavori realizzati dal Maestro. Nespolo, protagonista del cinema sperimentale italiano come regista e attore, ha infatti operato a questo scopo una selezione di tre video: La galante avventura del cavaliere dal lieto volto (1966/67), Neonmerzare (1967), Il faticoso tempo della sicurezza - o Lo spaccone - (1978).


Negli spazi del TA MATETE saranno esposti otto soft-painting, opere nate e cresciute nell’ambito del rapporto di collaborazione tra Nespolo e ART’E’, che hanno - come scrive Fabio Lazzari - “il valore quasi paradigmatico di supporti capaci di accogliere al meglio la sostanza magica di cui sono fatte le immagini di Nespolo, restituendo alla visione l’illusione di un rimbalzo morbido e accattivante e aggiungendo alle strategie compositive dei puzzle  l’idea di un materiale più intrigante”.

Oltre ai soft painting, si potranno ammirare acrilici su legno ritagliato, realizzati dal Maestro nei primi anni ’90, tra cui Turksib (1993), Intrigo internazionale (1994), Metropolis (1994), ma anche i più recenti Fotogrammi andalusi (2003) e ancora lo Storyboard per il film "Un supermaschio", tecnica mista su carta degli anni ‘70.


Per completare l’esperienza che caratterizza da sempre il TA MATETE Living Gallery,anche lo shop TA MATETE proporrà oggetti e creazioni ispirate alla mostra, realizzate dal Maestro.


Ugo Nespolo e il cinema

Tra le caratteristiche dell’arte di Ugo Nespolo, vi è senza dubbio il dinamismo, aspetto che viene applicato dal Maestro nei vari territori dell’arte; non soltanto nella pittura, quindi, ma anche nel cinema, che diviene forma di espressione diretta, permettendogli di impugnare la macchina da presa e tradurre in pellicola - come sulla carta, o sulla tela, o su qualunque altro supporto -  le sue storie.

Sia in pittura che nel cinema, si tratta di esplorare le potenzialità dell’immagine in funzione di una narrazione che si compone per addizione di frammenti. Come sottolinea Enrico Baj, il cinema può essere visto come un mosaico o un puzzle, in cui l’insieme delle tessere ci restituisce la totalità della visione, “che gioca sull’effetto della sovrapposizione delle immagini”.

Nespolo, nel cinema, procede ad una ulteriore sovrapposizione: manipola le immagini frantumandole.

 

 

L’artista

La produzione di Nespolo non si è mai legata in maniera assoluta ad un filone, ma si è subito caratterizza per un'accentuata impronta ironica, trasgressiva e per un tipico senso del divertimento che rappresenterà sempre una sorta di marchio di fabbrica.

Nato a Mosso Santa Maria (Biella), Ugo Nespolo si è diplomato all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino e si è laureato in Lettere Moderne. I suoi esordi nel panorama artistico italiano risalgono agli anni Sessanta, alla Pop Art, ai futuri concettuali e ai poveristi. A partire dal 1966, l’artista si appropria di un secondo mezzo espressivo: il cinema, in particolare quello sperimentale.

Gli anni Ottanta rappresentano il cuore del suo "periodo americano". Nel 2001 torna al cinema con FILM/A/TO, prodotto dall'Associazione Museo Nazionale del Cinema di Torino, in occasione della retrospettiva Turin, berceau du cinéma italien al Centre Pompidou di Parigi. Nel 2002 è consulente e coordinatore artistico per il progetto che coinvolge le stazioni della costruenda Metropolitana di Torino; nello stesso anno tiene una personale presso la sede di New York dell’Alitalia. Del 2003 è invece la personale presso l’Istituto Italiano di Cultura di Parigi. Nell’agosto 2003, durante il Festival del Cinema di Locarno (Svizzera), allestisce due personali: una presso la sede del Festival e l’altra nella Galleria d’Arte Moderna.

 

 

Per informazioni:
Living Gallery TA MATETE - Via IV Novembre, 140 (angolo via della Pilotta) - 00187 ROMA

Orario: da martedì a domenica dalle 11.00 alle 21.00; chiuso il lunedì
Ingresso: libero

Fino al 20 gennaio 2004

E’ preferibile prenotare al nº 06/ 6791107

 
Ufficio Stampa:
ART'E' Communication - Gruppo ART'E'
Via Farini, 30/ E - 40124 BOLOGNA
Tel. 051/6488971 - 975
Fax. 051/6488922

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl