CS PICCOLO PARALLELO - CARAVAGGIO ... I FURORI

03/nov/2007 18.20.00 tbbufficiostampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Gentili colleghi, vi invio il comunicato stampa relativo al SECONDO (sabato 10 alle 20.30 e domenica 11 alle 18 e alle20.30)spettacolo inserito nell'ambito della sesta stagione teatrale SENZA SIPARIO organizzata dal COLLETTIVO B. BRECHT. Di scena LA COMPAGNIA PICCOLO TEATRO ROMANENGO DI CREMONA CON CARAVAGGIO... I FURORI. Oltre al comunicato stampa vi invio le foto dello spettacolo. Grazie per la collaborazione e vi aspettiamo....

COMUNICATO STAMPA


TEATRO BERTOLT BRECHT
STAGIONE TEATRALE SENZA SIPARIO 2007 / 2008

SABATO 10, ALLE 20.30 E DOMENICA 11 ALLE 18 E ALLE 20.30
LA COMPAGNIA TEATRALE
PICCOLO PARALLELO ROMANENGO
Cremona
PRESENTA lo spettacolo
CARAVAGGIO…I FURORI
uno spettacolo sul pittore Michelangelo Merisi detto “Caravaggio”
Premio Vetrine E.T.I. ‘96
con
GianMarco Zappalaglio
testo . regia . luci . scelte musicali
Enzo G. Cecchi
costumI .
Edi Zappalaglio
Musiche di E. De Cavalieri - J. Arcadelt - O. De Lassus - Talking Head
Note sullo spettacolo
Lo spettacolo “Caravaggio … i furori” è una sorta di autobiografia immaginaria basata su ipotesi ed avvenimenti reali. Abbiamo immaginato un uomo negli ultimi momenti della propria vita nascosto a Napoli in attesa della grazia papale, in attesa di tornare a Roma. Un uomo febbricitante e stanco consapevole della propria morte imminente. Con questa consapevolezza, Caravaggio ripercorre le varie fasi della propria vita. Fine 1500, inizi 1600.
Michelangelo Merisi nasce forse a Milano, più probabilmente a Caravaggio, in provincia di Bergamo, il 29 settembre 1571. C’è stata una diatriba fra diversi critici anche sulla data di nascita (29 settembre o 29 ottobre) adducendo anche i caratteri zodiacali del segno della bilancia e dello scorpione. Ormai è certo che la data di nascita è il 29 settembre e per lo spettacolo abbiamo giocato anche con i caratteri zodiacali della bilancia (l’attore che interpreta Caravaggio è della bilancia ed è nato e vissuto a pochi chilometri di distanza dal paese di nascita del pittore): se ad una bilancia si tolgono un po’ alla volta tutte le sicurezze su cui si appoggia, cosa succede?
Caravaggio nasce e vive la giovinezza in una regione del nord Italia, la Lombardia, politicamente e artisticamente chiusa. C’è molta acqua, nebbia, c’è stata la peste. I maestri di Michelangelo Merisi sono i pittori lombardi che poco si sono lasciati influenzare dall’esterno. Quale sia la spinta ad abbandonare la Lombardia (morte dei genitori, litigata con i fratelli, debiti, irrequietezza, voglia di vedere o conoscere altro…) sta di fatto che ancora giovane decide di trasferirsi a Roma. Come si spostava la gente alla fine del 1500? Probabilmente lungo uno dei tanti percorsi della fede, popolati da ogni sorta di umanità fra cui eretici, imbroglioni, frati veri e finti, predicatori piazzati nei punti strategici dei percorsi (per tenere sottocontrollo la situazione)…
Roma: strade polverose e maleodoranti, colori, profumi diversi e un fiume, il Tevere, che spesso fuoriusciva dai propri argini. Palazzi e catapecchie, ricchezza e miseria. Roma dove convive tutto e il contrario di tutto e in cui confluiscono le più grandi personalità religiose, politiche ed artistiche. Papi, cardinali, preti, grandi committenti, delegazioni di diverse nazioni, questuanti , spie, ladri, prostitute e pittori e scultori da tutta Europa. Ed ancora teologi ed eretici, artigiani ed operai muratori e carpentieri bresciani e bergamaschi. Roma segnata da grandi dualità in cui in realtà tutto non è bene distinto, ma mescolato. Fazione francese legata ai francescani, fazione spagnola legata ai gesuiti. Ricchezza e povertà, splendori e miserie.
Caravaggio, giovane e spesso ammalato (postumi di un calcio di un cavallo o malaria?) dopo i primi tempi faticosi va a vivere sotto la protezione e nella casa del cardinale Del Monte, ambasciatore del granduca di Toscana, legato alla fazione francese. Anche la casa del Cardinale è piena delle contraddizioni che fanno grande Roma: artisti di diverso genere, “donne honeste” (prostitute ricche, chiamate honeste perché in chiesa sedevano in prima fila dato che erano generose in opere di carità. In pratica le prostitute che i grandi prelati tenevano per sé e per i propri ospiti), giovani ragazzi “a disposizione” e altrettanti giovani ragazzi dalle voci portentose ( i “castrati” ). Infine anche un musicista, Emilio Dè Cavalieri, precursore del Monteverdi e autore del “Recitar Cantando”, un libretto che spiega come il cantante non debba assumere una posizione statica, ma recitare la musica con determinate posture del corpo.
Troveremo diverse di queste posture nei quadri di Caravaggio. Nei dipinti a rappresentazione musicale, ci sono alcuni spartiti. Da una attenta analisi, si è scoperto che si tratta di madrigali di Lassus e Arcadelt. La maggior parte di musiche dello spettacolo è tratta da brani di
“Rappresentazione di anima e corpo” di Emilio Dè Cavalieri e da madrigali di Lassus e Arcadelt. Non si sa se Caravaggio abbia conosciuto le teorie di Galileo Galilei o Giordano Bruno, ma presumiamo di si. L’ambiente del Cardinale è un ambiente colto, pettegolo, curioso, c’ è anche uno studio di alchimia vietato dalla Chiesa. Campo dei fiori, dove Giordano Bruno è stato bruciato, appartiene alla stessa zona di frequentazione del nostro pittore. Certi bagliori di fuoco che ci sono nei quadri posteriori alla morte di Bruno, sono casuali? Da Giordano Bruno “… i furori” del titolo dello spettacolo.
Sappiamo che Caravaggio, anche quando andrà ad abitare da solo, amava anche altre frequentazioni, come le osterie, i bordelli, ma anche piazza Navona, punto di ritrovo di ragazzi in cerca di lavoro, ladri e vagabondi. Sappiamo anche che amava farsi vedere in giro con la spada e con un giovane servo che lo seguiva, ma anche giocare in un parco con un cane piccolo, brutto e nero. Caravaggio, figlio del suo tempo, brutto, sporco, cattivo, generoso e geniale come il suo tempo, “inciampa” poi in un incidente. L’uccisione di Ranuccio Tommasoni. Noi crediamo che l’omicidio non sia la causa delle disgrazie del pittore, ma che succeda nel momento in cui si era deciso di togliere qualsiasi tipo di protezione a Caravaggio.
La Chiesa vuole altri parametri per la pittura, è un periodo di grandi cambiamenti politici e non ultima la cupidigia dei grandi collezionisti (come il cardinale nipote Scipione Borghese) che con ogni mezzo decidono di accaparrare tutto ciò che è possibile (Beatrice Cenci andata al rogo. Eccessivo? Questa morte ha però permesso la requisizione del grande patrimonio anche artistico della famiglia)
Con l’omicidio e la messa al bando, inizia il periodo delle continue fughe: Napoli, Malta, Napoli, ancora Malta, Palermo, Messina e ancora Napoli, per arrivare a morire a Porto Ercole. E’ questo il periodo più nebuloso e su cui maggiormente si è fantasticato. Malta: perché prima gli viene data una importante onorificenza, poi lo si imprigiona con la definizione di uomo “putrido e fetido”? Chi è riuscito a farlo fuggire, dato che è praticamente impossibile fuggire dal carcere di Malta? Con la prigione c’entra qualcosa l’inquisizione, o il non avere ottemperato al voto di castità così come da regole del cavalierato? Oppure Caravaggio era una spia e per conto di chi? Chi ha continuato ad inseguirlo cercando di ammazzarlo: guardie di Malta?
Caravaggio, consapevole della propria fine, fugge, dipinge in fretta con materiali scadenti, si nasconde e …. Porto Ercole. Prima vengono confiscati i suoi quadri e si suoi beni. Poi la nave parte e lui viene lasciato a terra a morire. Malaria, febbre da ferite infette, omicidio? Si sa ora che la grazia del papa stava per arrivare.
Tutto questo viene raccontato nello spettacolo per la cui costruzione abbiamo utilizzato la lingua italiana. A volte, nel racconto dei ricordi più intimi, o nei momenti di maggiore stanchezza o euforia, abbiamo utilizzato il dialetto bergamasco. Nonostante l’abbandono della sua terra di origine, crediamo che Caravaggio abbia mantenuto un proprio “carattere lombardo e bergamasco”, lo si vede nella pittura, l’abbiamo specificato anche con la parola. Infine abbiamo inserito nel testo alcune frasi nell’italiano del 1600. Frasi tratte dai monologhi di un grande predicatore, cupo e farneticante, il Panigarola, e la reale trascrizione di uno dei tanti processi in cui Caravaggio è incorso. Che risulta essere quasi un trattato di storia dell’arte: “… io fui preso l’altro giorno a Piazza Navona, ma la causa et l’occasione io non so… l’esercizio mio è di pittore… io credo di cognoscere quasi tutti li pittori di Roma…”
Per quanto riguarda le musiche, abbiamo principalmente utilizzato brani tratti da “Rappresentazione di anima e corpo” di Dè Cavalieri e diversi madrigali di Lassus e Arcadelt. Ad esclusione di un pezzo musicale dei Talking Heads che ci serviva a dare un momento di rottura e di cambiamento
C’è una fase iniziale dello spettacolo in cui l’attore interpreta il personaggio Caravaggio per arrivare un po’ alla volta - seconda fase - ad impadronirsi del personaggio e diventare, in una sorta di ipnotica identificazione, carne della sua carne e sangue del suo sangue. Il nostro Caravaggio è un uomo ferito e umiliato, ma non sconfitto.Un uomo che muore e maledice con tutte le proprie forze. Non in italiano, ma nella sua lingua bergamasca: “maledehe”.
“Per costruire lo spettacolo sono partito dalla visione dei suoi quadri confrontando mie idee ed ipotesi con gli studi di Roberto Longhi, Mia Cinotti, Mina Gregori, Maurizio Calvesi e il film di Derek Jarman.
Nella ricerca storica sulla vita del CARAVAGGIO vi sono alcuni vuoti in parte riempibili con deduzioni e ipotesi. Uno di questi vuoti, forse il più grande, riguarda gli ultimi mesi del suo soggiorno napoletano, l’imbarco per Porto Ercole e la sua morte.
Una mia ipotesi è che CARAVAGGIO fosse segregato a Napoli per essere protetto dai sicari che già lo avevano aggredito e lo volevano morto, ma anche per essere usato come ostaggio per eventuali baratti e altre speculazioni.
Il nostro CARAVAGGIO segregato a Napoli e poi morente a Porto Ercole è un uomo ferito e stanco, consapevole di essere ormai ingombrante come persona e come artista, consapevole di essere “parte infetta” da eliminare.
Nello spettacolo ho perlopiù utilizzato brani da “Rappresentazione di anima e corpo” di Emilio De Cavalieri (la cui formula del “recitar cantando” ha avuto a mio avviso diverse influenze sulla pittura del CARAVAGGIO) e madrigali di Lassus e Arcadelt conosciuti e cantati a Roma i cui spartiti compaiono dipinti nei ritratti dei vari musici e suonatori.
...I FURORI come la fretta di vivere e di dipingere, come gli eroici furori di Giordano Bruno, come i grandi cambiamenti che con il nuovo mondo attraversavano la vita sociale, politica e religiosa di quell’epoca.
... I FURORI come la consapevolezza della propria rivoluzionarietà e diversità artistica, consapevolezza del proprio tempo e del proprio destino.
...I FURORI come l’assioma che abbiamo utilizzato come nostro punto di partenza per far vivere il nostro CARAVAGGIO: il “carattere” bergamasco ancor più che lombardo che accompagna tutta la vita personale ed artistica del pittore”. (Enzo G. Cecchi)

La rassegna SENZA SIPARIO gode del patrocinio dell’Assessorato alla Cultura di Formia, dell’Assessorato alla Cultura della Regione Lazio, dell’assessorato alla Cultura della Provincia di Latina, della XVII Comunità Montana dei Monti Aurunci e della Banca Popolare di Fondi. La rassegna sostiene il progetto Sierra Leone di EMERGENCY ed è organizzata inoltre con la collaborazione dei Teatri d’Arte Mediterranei.
Il costo dell’abbonamento alla rassegna Senza Sipario è di 60 euro, mentre il biglietto al singolo spettacolo è di 10 euro.
Per informazioni e prenotazioni: Collettivo Teatrale B. Brecht Via delle Terme Romane (Torre di Mola) - FORMIA; 3384938571 - 3388471372.

A cura dell’ufficio stampa del Collettivo Bertolt Brecht

Per comunicazioni scrivere a tbbufficiostampa@libero.it


ASSOCIAZIONE CULTURALE COLLETTIVO TEATRALE BERTOLT BRECHT - tbbformia@libero.it
via delle Terme Romane snc 04023 FORMIA (LT) - Tel. 0771 269054 -338 4938571 - fax 0771 269054 - P. IVA 01303860595







UFFICIO STAMPA COLLETTIVO BERTOLT BRECHT - FORMIA
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl