SCOPERTA DELL'ITALIA (1940 - 1950) DAL 16 NOVEMBRE 2007 AL 06 GENNAIO 2008 - ROMA, COMPLESSO DEL VITTORIANO

16/nov/2007 11.10.00 Novella Mirri Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana

M O S T R A

La scoperta dell'Italia (1940-1950)

Ritratto della Repubblica italiana. Formazione e sviluppo


Roma - Complesso del Vittoriano
Gipsoteca, Ingresso Ara Coeli
venerdì 16 novembre 2007 - domenica 6 gennaio 2008

COMUNICATO STAMPA


Sotto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica Italiana e con il Patrocinio del Ministero per
i Beni e le Attività Culturali, nasce dal 16 novembre 2007 al 6 gennaio 2008 la mostra "La scoperta
dell'Italia (1940-1950)".
L'esposizione inaugura il più ampio progetto RITRATTO DELLA REPUBBLICA ITALIANA.
FORMAZIONE E SVILUPPO e si avvale della prestigiosa curatela del Presidente Carlo Azeglio
Ciampi, del Prof. Rosario Villari e del Prof. Giuseppe Talamo, con il coordinamento generale di Louis
Godart.

Il catalogo della Mostra "La scoperta dell'Italia (1940-1950)", edito da Gangemi, si avvale dei
contributi critici di Rosario Villari, Umberto Gentiloni, Cecilia Dau Novelli, Achille Tartaro, Francesco
Rosi, Luciano Caramel.

L'iniziativa RITRATTO DELLA REPUBBLICA ITALIANA. FORMAZIONE E SVILUPPO attraverso una
serie di mostre realizzate tra il 2007 e il 2010 collegate dallo stesso principio ispiratore, avrà come
filo conduttore il voler mostrare immagini, documenti, testimonianze, fattori di novità che si sono
formati in tutte le espressioni della vita collettiva italiana nel trentennio successivo alla fine della
guerra, dalla letteratura al cinema, dall'arte all'attività politica, dalle diverse forme di associazione
ai conflitti sociali e, non ultimo, nella vita quotidiana.
"La mostra e il progetto mirano a rappresentare sinteticamente, con la scelta di significativi e
spesso importanti documenti, le novità che si sono affermate allora nel nostro paese in tutti i campi
della creatività collettiva e personale, dall'azione politica e di costruzione istituzionale
all'associazionismo civile e religioso, alla produzione artistica, al cinema, ai mezzi di
comunicazione, all'insegnamento scolastico, ai rapporti familiari, alla vita quotidiana." (G. Talamo e
R. Villari).

L'esposizione "La scoperta dell'Italia (1940-1950)" vuole focalizzare l'attenzione sulla nuova realtà
che inizia a pervadere l'Italia intera a partire dagli anni '40. In quegli anni un diverso modo di
sentire attraversa varie attività artistiche, dal cinema alla fotografia, dalla scrittura letteraria a quella
giornalistica, e contribuisce a creare un nuovo senso di identità nazionale e un diverso impegno
individuale e collettivo. Aspetti questi che prenderanno sempre più forza a partire dal dopoguerra.

La mostra
Punto di partenza della mostra, la considerazione che l'esperienza della seconda guerra mondiale
e del dopoguerra hanno provocato una profonda trasformazione, oltre che negli assetti territoriali e
nel sistema dei rapporti internazionali, anche nella coscienza civile, nella cultura, nella mentalità e
nelle attitudini politiche delle popolazioni dell'Europa e del resto del mondo. Anche il popolo italiano
ha realizzato, attraverso quella esperienza, un cambiamento profondo ed ha contribuito alla
trasformazione generale dell'Europa e del mondo contemporaneo.

"Il principale motivo ispiratore di questa mostra … è la convinzione che l'esperienza della seconda
guerra mondiale e della liberazione dal fascismo e dal nazismo ha prodotto anche nel nostro paese,
come in gran parte del mondo, una profonda e diffusa trasformazione della coscienza civile." (G.
Talamo e R. Villari).

La lezione del cinema neorealista e la produzione letteraria, insieme alle grandi inchieste
giornalistiche, contribuiscono a far trasparire un'immagine reale e veritiera del paese. Questi
orientamenti si accompagnano ad un nuovo senso di impegno sociale e morale che mira a
conoscere e a documentare le reali esigenze di una nazione passata attraverso i conflitti laceranti
della guerra e le profonde divisioni sociali. "E' il "neorealismo", il movimento creativo etico che
coglie il senso profondo dei fatti e chiama a farne partecipi gli spettatori coinvolgendoli in un
progetto di risorgimento materiale e morale della società … Il neorealismo è stato il modo di
esprimersi con il cinema di chi desiderava fortemente riconquistare la libertà e la verità dopo venti
anni di dittatura del regime fascista e di una cultura ufficiale che nascondeva la modestia e i
problemi della vita quotidiana mascherandoli sotto la illusoria tranquillità e serenità dei "telefoni
bianchi". Roberto Rossellini, Luchino Visconti, Vittorio De Sica, Cesare Zavattini, Sergio Amidi, Suso
Cecchi D'Amico, giusto per citare i padri del neorealismo, iniziatori di una tendenza nuova, specchio
e annuncio di una nuova società, che si sviluppò e si affermò ben presto come una scuola." (F.
Rosi).

Anche nell'arte non mancano occasioni di dibattito e di scontro come quello che vede contrapposti,
nelle arti figurative, chi propugna un'arte "nuova" pur sempre fedele ai temi figurativi, gli iconici, da
quelli che invece propugnano una visione più sintetica ed astratta dell'arte in quanto tale, gli
aniconici.

"Fa spicco dal '45 in poi l'esperienza del Neorealismo, caratterizzata dal progetto di un'arte
impegnata, e quindi di una letteratura (oltre che di un cinema e di una pittura) militante, in grado di
documentare i fatti recenti - la guerra e la sconfitta, la Resistenza armata al nazifascismo - alla luce
di una poetica consapevole delle responsabilità dell'intellettuale verso la società e la politica; una
poetica espressamente avversa all'edonismo dell'arte pura, di matrice rondista, e soprattutto
sensibile all'urgenza del ritorno alla libertà e alla vita democratica, in vista di una più lunga
aspettativa di emancipazione sociale" (A. Tartaro).

Le opere esposte sono prestigiose ed in molti casi inedite. Nella sezione dedicata alle arti
figurative, fondamentali sono le opere di Giulio Turcato, Mario Sironi, Lucio Fontana, Renato Guttuso
e Giuseppe Capogrossi. Non possiamo non citare la selezione di immagini rare di Alberto Lattuada
e gli originali dell'impaginato del Politecnico, realizzati da Albe Steiner con le annotazioni di
Vittorini. Una particolare attenzione è riservata alla sezione bibliografica nella quale sarà possibile
vedere le prime edizioni di alcuni tra i principali scrittori italiani del Novecento: Vittorini, Montale,
Pavese, Pasolini, Malaparte. Sono inoltre esposte opere, letterarie e pittoriche di Carlo Levi.
Una sezione è dedicata al Piccolo Teatro di Milano la cui attività è documentata da rare foto di
scena, da programmi teatrali e da bozzetti originali.

Il cinema neorealista è documentato in mostra da locandine e manifesti originali di alcuni tra i film
più rappresentativi di questa stazione teatrale, Paisà, Ladri di biciclette, Sciuscià. Del film di
Luchino Visconti La Terra trema sarà esposto il copione di scena originale.
La stagione politica è inoltre ricreata attraverso una selezione di manifesti originali degli anni 1945
e 1950 proveniente dall'Istituto Sturzo e dalla Fondazione Gramsci. Mentre dall'Archivio di Stato
provengono documenti autografi originali di Ferruccio Parri, Ugo La Malfa, Palmiro Togliatti.
Fondamentale è il contributo della Discoteca di Stato che per l'occasione intende masterizzare un
percorso sonoro con le voci storiche del periodo. Inoltre sono presenti una selezione di manifesti
del cinema neorealista degli anni '40-'50 e dei montaggi di filmati storici realizzati dall'Istituto Luce.

Questa "scoperta" del paese costituisce un fenomeno nuovo ed è di fatto la premessa per l'Italia
repubblicana che fin dai suoi primi passi si muove verso una ripresa dei rapporti con le democrazie
del mondo occidentale nel difficile equilibrio creatosi con la politica dei blocchi contrapposti.


Organizzazione Generale: Comunicare Organizzando
Catalogo: Gangemi

La mostra è stata realizzata grazie al sostegno di: Aams
Con la collaborazione di: Ferrovie dello Stato, Ansa - Documentazione fotografica, Istituto Luce
Collaboratore tecnico: In Più Broker S.r.l.

INGRESSO LIBERO
Orario: tutti i giorni dalle ore 9.30 alle ore 19.30 (ultimo ingesso 45 minuti prima)
Per informazioni: tel. 06/69202049
Ufficio stampa:
Novella Mirri, tel. 06/32652596; fax 06/36001003; cell. 335/6077971; ufficiostampa@novellamirri.it

Roma, novembre 2007

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl