comunicato stampa - lettera al padre di kafka

24/nov/2007 10.49.00 Violipiano Arts Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA (in allegato comunicato + foto)

 

 

GIUSEPPE CUCCO PORTA IN TEATRO

LETTERA AL PADRE DI KAFKA

 

 

Vasto, 23 novembre 2007 - Debutterà il 2 dicembre, nella sala Augusto Placanica della Biblioteca comunale di Catanzaro, sua città natale,  l’ultimo lavoro teatrale di Giuseppe Cucco, prodotto dalla Violipiano Arts. Lettera al padre di Franz Kafka, viene riproposto in una nuova veste contemporanea con la riscrittura drammaturgica di Valeria De Francesca, le musiche di Luca Ciarla, una performance di teatro-danza di Romina De Novellis.

 

Lettera al padre è una confessione al genitore. Sul palco un attore, solo, che si rivolge al padre padrone assente. Un disperato dialogo dove non c'è nessuno che possa rispondere. Il progetto della messa in scena vuole essere uno studio intorno al testo biografico dello scrittore. L’obiettivo è quello di tradurre la narrazione della letteratura kafkiana nel linguaggio del teatro. Valeria De Francesca lo riscrive per la scena, analizzandone il rapporto tra padre e figlio da una parte e dall’altra, senza mai stravolgere quella limpida confessione che Franz Kafka scrisse in età adulta. Su questa idea di riscrittura di drammaturgia kafkiana, si incastrano alcune inserzioni derivanti dalla performance “Santa Barbara” di Romina De Novellis.

Santa Barbara è nata a Nicomedia nel 273 d.C. Barbara è una bambina a cui è stata negata la vita. Prima l’isolamento, poi le torture, infine la morte. Cosa sente una bambina privata dell’affetto, del gioco e della libertà di crescere? Come può una bambina comprendere il tradimento di un padre? Può bastare la fede in un Dio? La figura del padre è predominante: l’unico uomo che ha amato e che, nella sua dimensione di Santa, confonde con Dio. Una bambina vittima di un uomo, che si ritrova ad essere protettrice di soli uomini.

In scena, dunque, due storie completamente diverse che sono vissute in epoche molto distanti: due “figli” (il maschio e la femmina, lo scrittore e la santa) che hanno in comune questo profondo, angoscioso e violento rapporto di amore e odio con il “padre”.

Molto diversi sono anche i linguaggi espressivi che gli attori praticano per far vivere i due personaggi: si intrecciano in scena il teatro della letteratura e la parola per Kafka; il gesto e il corpo per Santa Barbara. Una mescolanza di esistenza con la quale interagisce dal vivo l’originale colonna sonora di Luca Ciarla. La messa in scena è volutamente spezzettata, e mescola le due storie con frammenti delle loro vite vissute con paure mai confessate. Come quadri interrotti, le due storie, attraversate da linguaggi separati, sul palcoscenico si contaminano e tentano di prendere forma.

                                                                    

          

 

 

Giuseppe Cucco

 

Nato a Catanzaro, si diploma presso l’Accademia d’Arte Drammatica di Palmi nel 1993. Dopo il debutto in Accademia con lo spettacolo Le nozze dei piccoli borghesi di B. Brecht, lavora ad Amsterdam per il Theather Festival in de Nes nella performance di teatro-danza La città e la rosa diretta dal coreografo Robert Greaves e successivamente per il Praga Europa Festival nello spettacolo Albergo di montagna di V. Havel, con la regia di Franco Però. Nel 1994 viene selezionato da Giorgio Albertazzi per il corso di specializzazione per attori Un clawn in Magna Grecia lavorando, successivamente, nello spettacolo Il silenzio delle Sirene di e con Giorgio Albertazzi.

Nel 1995 si trasferisce a Roma dove riprende gli studi universitari conseguendo la Laurea in Lettere con una tesi sulla storia del teatro inglese. Nel 1996 lavora a Napoli in Mio Capitano, uno spettacolo di e con Francesco Silvestri, prodotto da Magazzini di Fine Millennio. Nello stesso anno comincia a collaborare con la compagnia di Glauco Mauri ne La tempesta di W. Shakespeare. Con un nuovo progetto di Giorgio Albertazzi per Taormina Arte Festival, debutta nel 1997 al teatro antico in La figlia di Iorio di G. D’Annunzio, diretto da Melo Freni e con la partecipazione di Fioretta Mari.

Nel 1998 lavora nel film Rai Il Compagno per la regia di Francesco Maselli e partecipa alla trasmissione televisiva Misteri (Rai Tre) condotta da Lorenza Foschini. Nello stesso anno interpreta il ruolo di Puck nello spettacolo Sogno di una notte di mezza estate con Elisabetta Gardini e Sebastiano Somma, per la regia di Fernando Balestra, prodotto dal Teatro di Sicilia. Successivamente è al Teatro Manzoni di Roma nello spettacolo Pensaci Giacomino di L. Pirandello, diretto da Luigi Tani e prodotto da Atlantide, interpretando il ruolo di Giacomino.

Nel 1999 lavora con il regista Claudio Collovà e Alessandra Luberti, a Noto e a Palermo, negli spettacoli Mater dolorosa-studio per una rivolta tratto da Rosario di Federico De Roberto, Una solitudine troppo rumorosa e L’isola dell’esilio tratta da Drammi Celtici di W.B. Yeats.

L’anno seguente partecipa ad un progetto europeo presso il Tempio Greco di Segesta recitando in due spettacoli diretti dal regista Giovanni Anfuso: Una festa per Aristofane e Dioniso - il mito.  Gli spettacoli vengono replicati anche in Francia, Spagna  Portogallo e Austria. Dal 2001 al 2003 lavora con la Cooperativa Le Nuvole di Napoli in un progetto di teatro per ragazzi, negli spettacoli Victor, storia di un ragazzo selvaggio (finalista al premio Strega Gatto 2000) e Il ragazzo dai capelli verdi, entrambi scritti e diretti da Francesco Silvestri. Negli stessi anni partecipa allo spettacolo, finalista al Premio Scenario 2001, Metà di uno - studio per più riunificazioni della Fionda Teatro di Milano, diretto da Elisabetta Pogliani e Paola Zecca.

Dal 2004 ad oggi lavora come attore e come docente per il Teatro Stabile di Calabria diretto da Geppy Gleijeses.  

 

Ufficio Stampa

Violipiano Arts

Via delle Cisterne, 4

Vasto (CH), Italy

Tel./Fax: +39.0873.368938

Mobile: +39.339.3013611

Email: ufficio_stampa@violipiano.it

Web Site: www.violipiano.it

 

 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl