Ladro con Divina Commedia: “Grazie a Benigni è sempre con me”

10/ott/2008 12.55.10 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Fatti non fummo a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza“: chissà se Fabrizio Tumminello, 41 anni, arrestato a Palermo mentre faceva da palo a un collega durante un furto, si è rivolto in questo modo ai poliziotti che lo hanno pizzicato? Galeotta (mai termine fu più azzeccato) la lectura dantis televisiva di Roberto Benigni, et voilà: colpo di fulmine del nostro eroe (si fa per dire) per l’Alighieri. “Non lo lascio mai, mi tiene compagnia“, ha confessato Tumminello agli agenti. E mai vuol dire proprio mai.

Mentre il suo compare tentava di rubare una mini car, infatti, Tumminello vigilava a bordo di uno scooter. Indovinate cosa c’era nel sottosella? Ma la copia della Divina Commedia, of course (e qualche cacciavite: bisogna pur mantenere una minima parvenza di professionalità, che diamine). Forse, per ammazzare il tempo il ladro-dantista si è lasciato tentare dalle lusinghe del genio fiorentino. Si sa, una terzina tira l’altra, il palo si distrae e alcuni studenti (evidentemente non altrettanto assorti nello studio) segnalano al 113 il tentativo di furto. Ai poliziotti che gli si sono parati davanti, Tumminello ha chiesto di non sequestrargli la copia della Divina Commedia. Che sia stato interrotto nel bel mezzo di una terzina particolarmente gradita?

Milioni di spettatori hanno assistito, dal vivo e attraverso la televisione, alle letture dantesche di Roberto Benigni. Non senza qualche polemica, il mattatore toscano ha portato Dante al grande pubblico (e questo è senz’altro un merito), con la consueta miscela di levità e profondità (e questa, secondo alcuni dantisti intransigenti, è una pecca).

A noi però sorge un piccolissimo dubbio, e cioè che al signor Fabrizio Tumminello al momento del colpaccio non fosse ancora giunta notizia della punizione inflitta ai ladri nell’ottavo cerchio dell’Inferno dantesco: le mani legate da serpenti, la trasformazione in rettili eccetera eccetera. Certo, qualche dettaglio mentre si fa il palo può anche sfuggire. Dante, si sa, richiede una certa concentrazione, ma la cultura fa sempre bene. Della serie, impara l’arte e mettila (molto) da parte.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl