Comunicato stampa: Gramsci ritrovato (6)

16/ott/2008 11.56.01 Istituto Superiore Regionale Etnografico Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Alle Redazioni

con preghiera di pubblicazione

 

 

GRAMSCI RITROVATO

tra Cirese e Cultural Studies

 

seminario di studio

 

Nuoro, Auditorium del Museo Etnografico

24 – 25 ottobre 2008

 

 

 

 

L’anno scorso il 70.mo anniversario della morte di Antonio Gramsci è stato ricordato in Sardegna con una serie di importanti eventi e convegni di rilevante importanza (Convegno della International Gramsci Society a Cagliari e Ghilarza, seminari e iniziative di vario genere a Sassari, Nuoro, Ales, Orgosolo, Austis e Gavoi.)

 

A Nuoro in occasione di ETNU (Festival Nazionale dell’Etnografia), realizzato dall’Istituto Superiore Etnografico della Sardegna in collaborazione con la SIMBDEA, si è tenuto un significativo incontro–seminario, titolato “Gramsci ritrovato”, con la partecipazione di antropologi sardi italiani ed europei che hanno iniziato la riflessione sulla figura e l’opera di Antonio Gramsci, analizzati fra influenze e sviluppi nell’antropologia italiana e fortuna del pensatore sardo internazionalmente soprattutto nel raffronto con i Cultural Studies.

 

Il libro di Giorgio Baratta Antonio Gramsci in contrappunto (Carocci, Roma, 2007), prendendo spunto da quell’incontro, in un suo capitolo, ha focalizzato l’analisi sul folclore in Antonio Gramsci alla luce della disamina operata da Alberto Mario Cirese (in un saggio del 1975, contenuto nel volume Intellettuali, folclore e istinto di classe), mettendone in evidenza l’attualità delle riflessioni di Alberto Mario Cirese a trentadue anni di distanza. Tanto che l’anziano maestro è stato invogliato a riconfrontarsi sul tema in un incontro a Roma, all’inizio del 2008, e a produrre un importante inedito A testo laico, in cui si interroga sulle ragioni che hanno determinato la contemporanea sorte di silenzio in patria e di fortuna internazionale del pensatore sardo.

 

L’Istituto Superiore Etnografico della Sardegna, anche su sollecitazione di Giorgio Baratta, presidente di Terra Gramsci, e di alcuni antropologi di scuola ciresiana, ha pensato di organizzare un seminario (Gramsci ritrovato, tra Cirese e Cultural Studies) nel pomeriggio di venerdì 24 ottobre - con una introduzione di Pietro Clemente, la relazione di Alberto Mario Cirese e gli interventi di Giulio Angioni e Salvatore Manuzzu - e nella mattina di sabato 25 ottobre – con una relazione di Giorgio Baratta e l’intervento di Birgit Wagner, studiosa della Sardegna e di Gramsci.

 

Nei due giorni sarà presente Alberto Mario Cirese, assente dalla Sardegna ormai da decenni, che rientrerà per l’occasione in quella che fu la sua terra di studio e di formazione di una parte non trascurabile di coloro che a vario titolo esercitano studi e professioni legate alle discipline demo-etno-antropologiche.

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl