Rothko: a qualcuno piace a testa in giù

Il curatore della mostra (in questi giorni alla Tate Gallery di Londra) dedicata a Mark Rothko ha deciso di appendere a testa in giù i quadri del celebre pittore americano morto suicida nel 1970.

11/nov/2008 14.06.39 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Oggi ho per voi una notizia che dimostra quanto l’arte astratta sia soggetta a interpretazioni diverse e molto, molto personali. Proviene dal Regno Unito.

Il curatore della mostra (in questi giorni alla Tate Gallery di Londra) dedicata a Mark Rothko ha deciso di appendere a testa in giù i quadri del celebre pittore americano morto suicida nel 1970. Ha proprio deciso, non avete letto male. Non è stata una svista: “Black on maroon”, coppia di opere con strisce nere su fondo marrone che Rothko donò alla Tate Gallery poco prima di suicidarsi, è stata appesa seguendo il senso verticale, mentre Rothko li aveva pensati in orizzontale. A testimoniare la volontà dell’artista, la sua firma sul retro delle due tele. Ma secondo il responsabile della mostra, il senso verticale fa un effetto migliore (Ah sì? E a chi? Non occorre essere critici d’arte per ricordare che le opere di Rothko seguono quasi tutte l’orizzontalità…). Però il testardo curatore non si piega: Rothko a testa in giù? A me piace di più, sembra essere lo slogan della mostra. Speriamo sia solo una strategia per richiamare pubblico al museo, e che poi, una volta fatto il pienone, le tele siano risistemate come Rothko comanda.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl