"L'ultimo Scialoja: 1982-1998"

07/mag/2004 16.46.04 Novella Mirri Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.




L'ULTIMO SCIALOJA
1982 - 1998

Roma - Galleria EDIEUROPA - QUI arte contemporanea
Viale Bruno Buozzi, 64
Domenica 9 maggio 2004 - Venerdi 9 luglio 2004


COMUNICATO STAMPA


"Tornare al gesto, al gesto unico, al grande gesto automatico che annulli la negazione, che annulli l'altro da sè - la prigione....Tornare a una pittura che
valga come finale scancellazione dell'inerte", scriveva Scialoja sul "Giornale" nel 1979, mentre la sua opera si popolava di fremiti e irregolarità, nella
duplice esigenza di rigore e libertà.
Sono passati due anni dalla retrospettiva di Palazzo dei Diamanti a Ferrara, a cura di Fabrizio D'Amico, ma a Roma, città natale di Toti Scialoja,
l'ultima mostra risale al 1991 quando la Galleria Nazionale d'Arte Moderna organizzò una importante antologica che comprendeva opere dal 1940 al
1991.
La Galleria Edieuropa, sempre molto attenta al lavoro del Maestro (si ricordano le personali del 1969, 1978, 1986 e 1992), dal 9 maggio al 9 luglio
2004, ospita la mostra "L'ultimo Scialoja - 1982-1998", una scelta di opere ultime, dalle carte intelate ad alcune grandi tele, complessivamente circa
quaranta opere che vanno dal 1982 al 1998.
Una pittura nuova, fortemente incentrata sulla voglia di ritrovare la libertà smarrita, attraverso il ritorno alla luce piena, splendida e assoluta, alla
materia, non più guardata con sospetto, e quindi restituita ad una vita sua piena. Il nuovo Scialoja non ha bisogno di asserire univoche certezze, ma ha
urgenza di dar figura alla molteplice e fuggente forma della vita.

La mostra
Le opere esposte, circa quaranta, si riferiscono alla produzione dal 1982 al 1998, periodo in cui si riscontra "una conversione decisiva della pittura di
Scialoja, conversione legata ad un viaggio fatto a Madrid nel 1982 e all'incontro con il Goya della "Quinta del Sordo". Nasce una pittura senza
remore, finalmente libera dai dubbi paralizzanti che l'avevano toccata dalla metà degli anni Sessanta", scrive nel testo in catalogo Fabrizio D'Amico.
L'artista torna ad impadronirsi degli "atti elementari della pittura": la luce e la materia; la nozione di luce sarà, dopo una lunga permanenza in Sicilia,
a Gibellina, nel 1985, elemento decisivo di distanza rispetto alla sua pittura più antica; la luce farà parte non rinunciabile della nuova immagine di
Scialoja, "luce come bagliore, come lampo attuale, come rivelazione drammatica". Sono anni di pittura intensa, frequente, felice.





"Questo tempo di Scialoja" prosegue D'Amico "ha una forte coesione interna, ma anche una sua energia centrifuga, che s'è data forse a contraltare
della sorvegliatezza estrema del precedente decennio. Il nuovo Scialoja sente di poter possedere unite quelle vocazioni di pittura che si dettero in lui,
una volta, disgiunte".
Una luce nuova, appare nell'ultima produzione, capace di pienezza, splendore e assolutezza nuovi, cui si affianca un colore che è talora squillante,
clamoroso, talvolta, scemato d'orgoglio, sopisce incantato in accordi lenti e dolcissimi di tono. Torna la materia, canapa grezza in grumi e concrezioni,
corrusca e luminosa, guardata con sospetto nel tempo passato, ora libera da remore e paure, torna in questa sua colma stagione con nuova confidenza,
cogliendo e rappresentando l'ampio spettro di possibilità espressive.

La vita
Toti Scialoja (Roma 1914-1998) è stato per oltre mezzo secolo personalità di primissimo piano della vita artistica e culturale romana e italiana,
contribuendo, come pochi altri, a sprovincializzarla, donandole una dimensione realmente internazionale. Importante esponente dell'astrattismo
europeo, grande poeta ("colui che con precisione mescola invisibilmente le carte del sogno e quelle della vita" scriveva Giovanni Raboni), critico
d'arte, scenografo, autore di teatro, illustratore, scrittore, docente all'Accademia di Belle Arti di Roma, giovanissimo, nel 1939, espone alla
Quadriennale d'Arte di Roma; è fondatore, insieme a Ciarrocchi, Sadun e Stradone, del gruppo dei "quattro artisti fuoristrada"; padre della
particolare tecnica dello "stampaggio" con la quale dà figura alle "impronte", una delle forme maggiori dell'arte astratta europea dei tardi anni
Cinquanta e Sessanta. Un primo riscontro complessivo sulla sua opera arrivò nel 1977 al Palazzo della Pilotta di Parma, dove oltre duecento opere ne
avevano documentato l'opera dagli esordi agli anni più recenti; ma la prima antologica che può stringere assieme il lavoro delle due grandi stagioni del
"gesto" di Scialoja, è quella curata da Giuseppe Appella e Gabriella Drudi al Museo Civico di Gibellina nel 1985, alla quale fanno seguito, fra le
principali, le vaste antologiche della Galleria Civica di Modena del 1987 (Fabrizio D'Amico) e di Villa Reale a Monza nel 1988 (Paolo Biscottini), fino
alla grande retrospettiva della Galleria Nazionale di Roma (Giovanna De Feo e Barbara Drudi), del 1991, anno in cui presso Leonardo-De Luca esce
anche la monografia Toti Scialoja (Fabrizio D'Amico, Barbara Drudi).
Decisivo il viaggio a Madrid nel 1982 e l'incontro con il Goya della "Quinta del Sordo" . Fu lì, sosteneva il Maestro, che ritrovò la necessità, e la
liceità, di una pittura data senza remore e spavento, finalmente libera dai dubbi paralizzanti che l'avevano toccata dalla metà degli anni Sessanta. Fu lì
che quel che aveva nominato "l'assoluto ritmico" (il rendere visibile sulla superficie, attraverso la inemotiva, concettualizzata esperienza delle quantità
cromatiche disposte paratatticamente sulla tela, lo scorrere del tempo della nostra esperienza) si svelò come un demone non più totalizzante. In realtà,
la voglia di ritrovare la libertà smarrita (allontanata da sé quasi a forza, per tema di gratuità) era da tempo latente: nel '79, in una densa serie di
acquarelli, castamente ristretti ai toni dell'azzurro e del grigio, le esili ascisse del tempo, allungate come trepidi fantasmi sulla pagina pittorica,
avevano trovato, sulla carta, fremiti e irregolarità a lungo interdette, ed ora quasi a stento trattenute. Quell'anno stesso, e ancora il successivo, una
teoria notevole di collages, composti di ritagli di carte sui quali la pittura s'è depositata in affanno e che solo in un secondo momento il taglio delle
forbici ha costretto nella severa regola della geometria, indicano la compresenza d'una duplice esigenza di rigore e di libertà.
La vicenda espositiva dell'ultima sua stagione inizia alla Biennale veneziana del 1984 ove, introdotto da Lorenza Trucchi, presenta sei grandi dipinti
del 1983; quindi prosegue in molte personali e collettive, in Italia e all'estero, particolarmente attente proprio a questo suo ultimo lavoro.

Testo in catalogo di Fabrizio D'Amico.

Presentazione alla stampa: venerdì 7 maggio 2004 ore 12.00 Galleria EDIEUROPAInaugurazione: domenica 9 maggio 2004 dalle ore 11,00 alle 14,00
Galleria EDIEUROPA

Orario: dalle 16 alle 20 - mattina e sabato solo per appuntamento - chiuso domenica e festivi
Ingresso gratuito
Ufficio Stampa: Novella Mirri, tel. 06/6788874; fax 06/6791943; e-mail: ufficiostampa@novellamirri.191.it .
Per informazioni: Galleria Edieuropa - QUI arte contemporanea - tel. 06/3220555/6-fax 06/3220556
Roma, aprile 2004


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl