A Parigi i modelli delle scuole d’arte nudi per protesta

Sono giovani e meno giovani, bassi, alti, magri, abbondanti, hanno perfino la cellulite.

17/dic/2008 12.11.09 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Sciopero dei modelli delle scuole d'arte

Le modelle e i modelli delle scuole d’arte di Parigi non assomigliano ai patinati e scultorei personaggi che incontriamo sfogliando le riviste di moda. Sono giovani e meno giovani, bassi, alti, magri, abbondanti, hanno perfino la cellulite. I modelli delle scuole d’arte sono l’ispirazione degli studenti e posano immobili per ore vestiti solo della loro imperturbabilità. Hanno stipendi che lasciano parecchio a desiderare e che fino a ieri arrotondavano grazie al “cartoccio”, un foglio da disegno piegato a forma di cono posato davanti a sé.
Peccato che la legge abbia soppresso la mancia in tutti gli edifici pubblici. Niente più obolo, quindi, e modelli e modelle hanno deciso di protestare posando (ovviamente nudi!) davanti all’assessorato alla Cultura e sfidando la gelida temperatura di Parigi. Corpi esposti ancora una volta per ispirare, sì, ma questa volta il buonsenso. Per ottenere il riconoscimento di un mestiere tanto faticoso e malpagato quanto prezioso. Che cosa sarebbe stato di Manet senza la sua Berthe Morisot? O di Picasso senza Olga Khokhlova o le sue tante modelle? La riuscita di un’opera non è forse anche merito dei modelli che prestano il corpo, uno sguardo, un dettaglio? Riuscite forse a immaginare un degno sostituto del corpo umano per gli schizzi degli artisti?
Le top model sono superpagate perché attorno a loro gira una montagna di soldi, mentre ai modelli imperfetti e agguerriti delle scuole d’arte non vanno che spiccioli. Leonardo e il suo uomo vitruviano si rivolterebbero nella tomba.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl