Per un Italia dei Valori…un mondo di porconi!

16/gen/2009 21.04.12 paolo caruso Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Ancora caldi della sceneggiata di Michele Santoro di giovedì 16 gennaio che, cercando di far mente locale per digerire tanta cafoneria permessa e irradiata dalla Rai, che vediamo costretti a tuffarci in altra melma, quella del figlio di Di Pietro e del –oramai- partito, ‘Italia dei favori’. Come se non bastasse mi giungono brutte notizie dal fronte venezuelano. Il pazzo scatenato di Chavez, più conosciuto come il despota sudamericano, si sta adoperando a far guerra cittadina nel paese, bruciando e distruggendo, non solo le attività e i negozi di tutti coloro di origine ebrea, ma schiacciando tutti i diritti dell’uomo. Troppo legato ai terroristi mondiali per poter ragionare con imparzialità. Qualsiasi persona normale sa che la guerra è qualcosa di tremendo, ma, come giustamente ha detto Lucia Annunziata, ci sono le ragioni di una parte e le ragioni dell’altra parte. Come facciamo a dimenticare l’olocausto o tutti gli atti di terrorismo dei nostri giorni perpretata da quella parte di palestinesi adoperati a questo? Errori israeliani, errori gravi anche da parte dei palestinesi, su questo non ci piove. Ma Chavez, cari amici, Chavez che cavolo ne capisce lui di democrazia e di popolo? Si fa portavoce del socialismo sudamericano e si comporta da teppista nel proprio paese. Come d’abitudine il governo venezuelano lancia il sasso e nasconde la mano. Il mandante è lui, le mani che distruggono sono quelle della povera gente, rimasta in poca, che lui stipendia bene per evitare che lo tradisca. In Venezuela si respira aria di morte, la gente muore di fame, e lui cosa fa? D’accordo col capo di stato iraniano si arma fino ai denti. Qualcuno gli chieda come mai ha tanta amicizia anche con i gruppi terroristici colombiani. Il popolo venezuelano è allo stremo e occorre che questo capo di stato, così rozzo, ignorante, despota e maleducato venga definitivamente allontanato dalla guida del paese.
Caro Bertinotti, che ormai riposi nell’ultimo cassetto di quella parte del cervello umano che cancella i tristi ricordi, cosa ne pensi di Chavez che tanto hai applaudito? Anche tu hai scordato l’olocausto?
Vorrei dire anche a Michele Santoro di pensare che anche qualche minorenne potrebbe aver assistito alla sua trasmissione e che il suo è stato uno spettacolo disgustoso che ha gettato ancora più confusione nella mente dei ragazzi. Ma chi sei tu per pretendere che nessuno ti metta in discussione?
E Di Pietro, ideatore delle ‘mani pulite’ in cosa ha sbagliato se suo figlio (dove c’è tanto fumo qualche fuocherello ha da esserci) non ha seguito le sue parole e, forse, potrebbe anche essere stato aiutato proprio dal suo papà. Alla faccia del conflitto di interessi!
Insomma se l’ambasciatore del Venezuela continua a scocciare con le sue interessate difese a Chavez, cosa dovrebbe dire l’ambasciatore israeliano cacciato e insultato da Chavez? Ma volete collegare il cervello o dobbiamo continuare a credere le tante inutili, false, interessate prese di posizione di tutta sta gente che parla..parla e non sa quel che dice.
Meno male che, ancora una volta, c’è Berlusconi. Lasciatemelo proprio dire! Un mondo di tanti porconi.
Cosmo de La Fuente

(http://www.google.it/search?hl=it&q=cosmo+de+la+fuente+chavez&meta=&aq=f&oq=cosmo+de+la+fuente+chave

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl