Il mondo urla: VERGOGNATI RATZINGER

Il Pontefice, attraverso le parole del portavoce vaticano padre Federico Lombardi, ha dichiarato che «i lefebvriani sono in piena comunione con la Santa Sede».

28/gen/2009 16.21.32 paolo caruso Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Ratzinger ha avuto clemenza, e nessun ripensamento dopo che uno di loro ha affermato tesi negazioniste sull'Olocausto («le camere a gas non sono mai esistite»). Il Pontefice, attraverso le parole del portavoce vaticano padre Federico Lombardi, ha dichiarato che «i lefebvriani sono in piena comunione con la Santa Sede». Ma la revoca della scomunica, ha aggiunto, non vuol dire sposare le tesi negazioniste di Williamson. «Con questo atto - è scritto nel decreto papale - si desidera consolidare le reciproche relazioni di fiducia e intensificare e dare stabilità ai rapporti della Fraternità San Pio X con questa Sede Apostolica».

Benedetto XVI ha descritto la sua decisione come fosse un «dono di pace», «segno per promuovere l'unità nella carità della Chiesa universale e arrivare a togliere lo scandalo della divisione». Così, con queste parole, la Chiesa ricuce con i lefevriani.
NON VOGLIO UN PAPA CHE DIMENTICA L'OLOCAUSTO, NON MI RAPPRESENTA UN PAPA DEL GENERE. VERGOGNATI RATZINGER, VERGOGNATI, PRIMA DI TUTTO PER AVER DIMENTICATO L'OLOCAUSTO
CHI DIMENTICA QUELLO DIMENTICA QUALSIASI REATO CONTRO I DIRITTI UMANI
CHE RAZZA DI PAPA
NON VOGLIO UN PAPA COSI'

Cosmo de La Fuente

www.familiafutura.blogspot.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl