Asta al Castello di Giove, il successo viene dal web

03/giu/2004 16.39.20 Markon.net Spa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Si è conclusa nella serata di mercoledì 2 giugno l’ultima delle dieci
tornate d’asta che hanno visto andare all’incanto i preziosi arredi del
Castello di Giove (Terni), messi in vendita in vista della trasformazione
della fortezza in un relais de charme a cinque stelle.
Molto positiva la risposta del pubblico: oltre ottomila persone hanno
visitato l’esposizione allestita su due piani del castello ed aperta a
partire dal 22 maggio ed hanno partecipato all’asta bandita nel Salone di
Giove. A sorprendere, però, è stata la grande partecipazione del pubblico
della Rete: sono stati tremila gli utenti unici che nel corso dell’ultimo
mese hanno visitato il sito www.antonina1890.it, consultando più di
centomila pagine ed utilizzando due gigabyte di banda. Alle offerte
pervenute via internet è stato aggiudicato il 20% del totale dei lotti
battuti, contro il 15% andato alle offerte telefoniche ed il 65% attribuito
alle più tradizionali offerte per alzata di mano.
Particolare successo hanno riscosso gli oggetti propri della vita quotidiana
del castello mentre maggiori difficoltà hanno incontrato i lotti di grande
valore economico, a conferma dello scetticismo del nostro Paese a
considerare gli investimenti in arte come un bene-rifugio.

Forte disappunto è stato causato in sala dalla notizia del ritiro del pezzo
più importante della collezione privata del produttore cinematografico
americano proprietario del castello Charles Band, i quattro dipinti olio su
tela di Pieter Mulier detto Il Cavalier Tempesta, in asta a partire da
quattrocentomila euro. Il ritiro si è reso necessario a seguito della
notifica, da parte della Soprintendenza Regionale dell’Umbria, del
provvedimento di vincolo delle opere per il loro interesse artistico. Le
offerte ricevute da alcuni compratori stranieri sono state quindi bloccate,
in attesa di conoscere la decisione del Ministero dei Beni Artistici e
Culturali che ha a sua disposizione due mesi di tempo per decidere se
avvalersi del diritto di prelazione concessogli dalla legge.

Da oggi a Giove prende il via il dopo asta dei lotti rimasti invenduti,
pubblicati anche sul sito www.antonina1890.it: sino a domenica 6 giugno,
ogni giorno dalle 10.00 alle 20.00 gli oggetti non aggiudicati saranno
disponibili per l’acquisto immediato grazie ad una trattativa privata tra l’
affidante ed i potenziali acquirenti.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl