TA MATETE - ANTONIO DE FELIPE

TA MATETE - ANTONIO DE FELIPE

07/giu/2004 19.23.15 Ufficio Stampa Artè Communication Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

LIVING EXHIBITION

ANTONIO DE FELIPE

Roma, TA MATETE, Via della Pilotta 16

Giovedì 23 giugno dalle ore 19.00

(Preview per la stampa dalle ore 11.30)

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

 

Dopo Strategie del corpo e André Villers, al TA MATETE è la volta della living exhibition Antonio de Felipe, che vede protagonista, per la prima volta in Italia, il giovane artista neo Pop, nato a Valencia nel 1965 e divenuto celebre per la sua reinvenzione ironica e fastosa dell'iconografia cinematografica.

Curata per TA MATETE da Flaminio Gualdoni, la mostra presenta trenta opere realizzate tra il 2001  e il 2004, in gran parte acrilici su tela, in cui si ritrovano alcuni dei suoi cicli più conosciuti, come quello che ha per soggetto il volto di Marilyn - reinterpretato ora alla maniera di Picasso, ora di Miró, ora di Matisse, ora di Warhol - e quello di Guerre Stellari.

In de Felipe vi è un costante riferimento alla storia dell’arte, rivisitata, però, attraverso una sorta di “candore e ottimismo”; a questo si unisce l’iconografia desunta dal mondo della pubblicità, rispetto a cui l’autore mostra una notevole dimestichezza, grazie all’esperienza lavorativa maturata fin da ragazzo presso un’agenzia pubblicitaria.
Nasce così la famosa serie dei Logotipos (1992), in cui l’artista sembra tentare un ritorno dell’immagine pubblicitaria alla sua funzione originaria.

Nei cicli successivi compaiono volti noti di personaggi del cinema
(le grandi muse sono Audrey Hepburn e Marilyn Monroe), in un continuo dialogo tra logotipi e simboli, ma anche tra canoni estetici appartenenti a diversi momenti artistici. I molti spunti che il cinema offre divengono pretesto per l’autore per raccontare storie della realtà quotidiana.
Grande appassionato della cultura del grande schermo, de Felipe nel 1997 ha collaborato con Pedro Almodóvar per il film Carne tremula, ma già dall’inizio della sua attività guarda a personaggi di Walt Disney, quali Mickey Mouse o Bugs Bunny, ma anche King Kong. Questi appartengono al suo immaginario, ma anche a quello di ognuno di noi. Le icone che compaiono nei suoi quadri, quindi, risultano molto riconoscibili ed evocative.
Compito dello spettatore è investigare tra numerosi rimandi, associazioni e giochi di parole, districandosi in quello che Javier Rubio Nomblot definisce ‘bosco di simboli’; un’opera non di facile lettura, dunque, come a volte è stata considerata: si tratta piuttosto di un’arte che possiede diversi livelli di comprensione, che appare semplice, ma che in realtà deriva da un processo creativo complicato e che passa attraverso molti stati d’animo.

Partendo da immagini fortemente imperniate sull’attualità e sulla comunicazione, l’artista spagnolo ama decontestualizzarle e le rende concrete utilizzando un modo di dipingere tradizionale, ignorando volutamente le tecniche più innovative, compreso il computer. La pittura è la tecnica prediletta dall’autore (“da quando ho vent’anni - dichiara - ciò che più ho fatto nella vita è stato disegnare”); utilizza in particolare l’acrilico e dominano i colori forti: il nero, il rosso, il giallo.

 

Quando realizza un’opera, de Felipe lo fa per una soddisfazione personale, senza porsi il problema se sia commerciale oppure no, partendo dal concetto secondo cui è quasi impossibile creare qualcosa che piaccia a tutti. Ciò che prevale in lui - convinto che “gli artisti oggi sono sempre più isolati” e che “il futuro sarà di individualità” - è il suo “egoismo di artista” e l’esigenza di essere sempre fedele a se stesso, lontano dalle mode passeggere.


La Pop Art  spagnola
Considerata da sempre un fenomeno prevalentemente anglo-americano, la Pop Art ha avuto nei paesi europei, esclusa la Gran Bretagna, esiti molto diversi. In Spagna il principale centro di sviluppo del Pop è Valencia. Qui Juan Genovès fondava negli anni Sessanta, insieme a Rafael Solbes e Manuel Valdès, il gruppo Equipo Cronica, teso ad una visione critica della “cronica de la realidad”, che trovava espressione nel reportage sociale, fatto di rivolte e guerre civili. Sempre a Valencia, in una Spagna notevolmente cambiata rispetto agli anni Sessanta, nasce l’opera di Antonio de Felipe che, recuperando l’atteggiamento festoso e acritico dei pionieri dell’Indipendent Group londinese (1952 ca.), si caratterizza per un’ironia nei confronti della tradizione Pop.

Durante il periodo espositivo della mostra Antonio de Felipe , visitabile fino al 30 settembre, la Living Gallery offrirà ai visitatori anche una serie di eventi che caratterizzeranno tutti i giovedì del TA MATETE, proponendo concerti, performance teatrali e pittoriche, videoinstallazioni e presentazioni di libri a tema.
Nei week-end, invece, non mancheranno i tornei del GIOCO TA MATETE

Per informazioni:
Living Gallery TA MATETE - Via della Pilotta, 16 (angolo via Quattro Novembre) - 00187 ROMA

Orario: da martedì a domenica dalle 11.00 alle 21.00; chiuso il lunedì; ingresso libero
Fino al 30 settembre 2004

E’ preferibile prenotare al nº 06/6791107

Ufficio Stampa:

ART'E' Communication - Gruppo ART'E'

Via Farini, 30/ E - 40124 BOLOGNA
Tel. 051/6488975
Fax. 051/6488922

e-mail: m.nardi@artespa.it

 

 

 

Bologna, giugno 2004

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl