Cs Roma: Incontro per parlare di pubblico della Cultura

Cs Roma: Incontro per parlare di pubblico della Cultura Il pubblico della cultura tra bisogni, consumi e tendenze Giovedì 12 marzo 2009, ore 18.00 Centro Culturale Bibli Via dei Fienaroli 28 Roma Incontro in occasione della presentazione del libro edito da Franco Angeli per la collana Pubblico, professioni e luoghi della cultura L'ARTE DELLO SPETTATORE a cura di Francesco De Biase Interverranno con il curatore e l'amministratore unico della Franco Angeli Ilaria Angeli Francesco Antinucci, direttore di ricerca Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione CNR, Lucio Argano, responsabile coordinamento della Fondazione Cinema Per Roma, Emilio Cabasino, segretario generale di Eccom - Centro Europeo per l' Organizzazione e il Management Culturale Paolo Leon, professore di Economia Pubblica Università Roma Tre e consulente economico CLES, (Centro di Ricerche e Studi sui problemi del lavoro, dell'economia e dello sviluppo) Marco Fratoddi, direttore del mensile La Nuova Ecologia Adriana Polveroni, giornalista e critico d'arte Michele Trimarchi, professore di Analisi Economica del Diritto presso la Facoltà di Giurisprudenza di Catanzaro e presidente del Teatro Stabile d' Abruzzo Negli ultimi mesi, nel quadro della più generale crisi economica che sta investendo il nostro paese, si sta registrando un notevole calo dei consumi culturali che riguarda non solo gli eventi artistici, ma anche i settori dell' intrattenimento, dei beni culturali e del turismo.

08/mar/2009 12.04.16 Paola D'Angelo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Il pubblico della cultura tra bisogni, consumi e tendenze
Giovedì 12 marzo 2009, ore 18.00
Centro Culturale Bibli
Via dei Fienaroli 28
Roma

Incontro
in occasione della presentazione
del libro edito da Franco Angeli per la collana Pubblico, professioni e
luoghi della cultura

L’ARTE DELLO SPETTATORE
a cura di Francesco De Biase

Interverranno con il curatore e l’amministratore unico della Franco Angeli
Ilaria Angeli
Francesco Antinucci, direttore di ricerca Istituto di Scienze e Tecnologie
della Cognizione CNR,
Lucio Argano, responsabile coordinamento della Fondazione Cinema Per Roma,
Emilio Cabasino, segretario generale di Eccom - Centro Europeo per l’
Organizzazione e il Management Culturale
Paolo Leon, professore di Economia Pubblica Università Roma Tre e consulente
economico CLES, (Centro di Ricerche e Studi sui problemi del lavoro,
dell'economia e dello sviluppo)
Marco Fratoddi, direttore del mensile La Nuova Ecologia
Adriana Polveroni, giornalista e critico d’arte
Michele Trimarchi, professore di Analisi Economica del Diritto presso la
Facoltà di Giurisprudenza di Catanzaro e presidente del Teatro Stabile d’
Abruzzo

Negli ultimi mesi, nel quadro della più generale crisi economica che sta
investendo il nostro paese, si sta registrando un notevole calo dei consumi
culturali che riguarda non solo gli eventi artistici, ma anche i settori dell’
intrattenimento, dei beni culturali e del turismo.
I dati SIAE relativi al primo semestre del 2008 parlano di flessioni per il
teatro di prosa del 14,34%, dell’ 8,42% per il cinema, addirittura del 17,16%
per mostre ed esposizioni. In generale la spesa del pubblico per i consumi
culturali ha subito una contrazione del 4,8%.
Già da alcuni anni gli esperti del settore si interrogano non solo sulla
quantità ma anche sulla qualità dei prodotti, sulle modalità di fruizione delle
iniziative e sul ruolo della cultura al fine di migliorare l’accesso, l’
estensione e la qualità dell’offerta culturale.

Come interpretare correttamente questi dati? Come soddisfare le esigenze del
pubblico senza perdere qualità e propositività? Come affrontare la riduzione
del finanziamento pubblico? Quali strumenti e strategie mettere in atto?
Francesco De Biase, dirigente del Settore Arti Visive della Città di Torino
oltre che esperto di gestione eventi e formatore, ha chiesto a numerosi
protagonisti della vita culturale italiana una riflessione sul delicato tema
della produzione e fruizione culturale.
Nel volume, per il quale hanno scritto, tra gli altri, Derrick de Kerckhove,
Carlo Fuortes, Walter Santagata, Gabriele Vacis, Pier Luigi Sacco, Vittorio Bo,
Umberto Galimberti, Michele Serra e Antonio Taormina si parte da un esame del
contesto attuale e degli elementi che hanno causato le modifiche del consumo
culturale quali le tecnologie, gli spazi, i media.
Analizzati i consumi e le nuove modalità di fruizione si propongono degli
strumenti per aumentare e qualificare la partecipazione e l’accesso culturale
portando ad esempio alcune esperienze modello. Seguono alcune case history di
artisti, organizzatori, critici, registi, politici la cui ambizione è lavorare
per e con il pubblico. A chiusura del testo alcune esperienze di quel che
succede in Europa e in due città italiane, Roma e Torino, particolarmente all’
avanguardia per ciò che riguarda la ricerca e la sperimentazione in questo
ambito.

Il libro è un primo e utile passo per riflettere sul problema della mancata
sintonizzazione tra l’offerta e la richiesta culturale, sulla staticità dei
consumi e sul non facile accesso di tutti i cittadini alla cultura. “L’arte
dello spettatore” si propone come strumento prezioso per chi si occupa e vive
di cultura: partendo dall’analisi dei fattori che governano i processi di
consumo culturale attraverso l’esperienza di economisti, esperti di marketing,
artisti, massmediologi, psicologi e organizzatori individua azioni concertate
tra più soggetti in ambito finanziario, urbanistico, artistico, occupazionale e
del tempo libero al fine di migliorare stabilmente l’accessibilità, l’
estensione e la qualità dell’offerta culturale e, soprattutto, di sollecitare e
rispondere alle richieste e ai bisogni di un pubblico senza il quale la cultura
non ha ragione d’esistere.

I diritti d’autore del volume saranno devoluti per il restauro di un bene
culturale in Italia. Per info www.professionicultura.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl