Al Foro Boario di Modena Mazzoni e Begarelli per "EMOZIONI IN TERRACOTTA", dal 21 marzo al 7 giugno 2009

Al Foro Boario di Modena Mazzoni e Begarelli per "EMOZIONI IN TERRACOTTA", dal 21 marzo al 7 giugno 2009 EMOZIONI IN TERRACOTTA Guido Mazzoni e Antonio Begarelli.

20/mar/2009 12.49.18 Novella Mirri Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.







EMOZIONI IN TERRACOTTA

Guido Mazzoni e Antonio Begarelli. Sculture del Rinascimento emiliano



21 marzo - 7 giugno 2009



Modena, Foro Boario

Via Bono da Nonantola, 2



Una mostra importante e lungamente pensata e attesa, la prima dedicata ai plasticatori modenesi Guido

Mazzoni (1450 ca.-1518) e Antonio Begarelli (1499 ca.-1565), tra i massimi interpreti della scultura in

terracotta del pieno Rinascimento padano, portatori di un linguaggio che incarna in modo originale i due

aspetti peculiari della cultura figurativa rinascimentale, quello pi realistico e intensamente emotivo

nell'arte di Mazzoni e quello pi classico e misurato nelle opere di Begarelli.



Mazzoni, attivo soprattutto nell'ultimo quarto del Quattrocento, sceglie per i suoi Compianti un'arte

fortemente realistica, quasi a voler perpetuare credibilmente le forme effimere della religiosit popolare,

come espresse anche nelle rappresentazioni sacre e in quelle teatrali. Di qui le coloriture delle sue

figure, ad imitazione del vero. Begarelli, artista cinquecentesco, le dipingeva invece di bianco, per

assimilarle al marmo, materiale pi nobile della terracotta; ma anche per qualificarle come statue e non

come persone, al fine di renderle universali.



Promossa dal Comune di Modena - Museo Civico d'Arte, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena

e dalla Soprintendenza per i Beni storici artistici ed etnoantropologici di Modena e Reggio Emilia, con la

partecipazione del Gruppo Hera, la mostra, curata da Giorgio Bonsanti (Professore ordinario di Storia e

tecnica del restauro all'Universit di Firenze e Coordinatore scientifico del Centro Europeo di Ricerche sul

Restauro) e Francesca Piccinini (Direttrice del Museo Civico d'Arte di Modena), celebra la grandezza

assoluta di questi due artisti colti e raffinati, la cui fama si estese fin dal Cinquecento al di l del ristretto

ambito locale, superando anche i confini della penisola italiana.



La materia delle loro figure la terracotta, cos tipica nella tradizione emiliana per l'indisponibilit di

marmi o pietre adatte, e al contrario la facile reperibilit dell'argilla. Di questa tecnica, Mazzoni e

Begarelli sono forse i due massimi esponenti nella tradizione artistica italiana. Insufficientemente

conosciuti anche fra gli "addetti ai lavori", mentre in vita avevano incontrato ampio consenso, i due

attendevano un'esposizione che li riproponesse al pubblico e li gratificasse dell'ammirazione che

meritano. Si tratta indubbiamente di due fra i massimi scultori dell'intera storia dell'arte, anche se si

espressero unicamente nella scultura di formatura ("per via di porre") e non per intaglio ("per via di trre",

di togliere, come nel marmo o la pietra).





La rassegna illustra l'attivit di Guido Mazzoni e Antonio Begarelli, che si distende lungo quasi un

secolo, all'incirca tra il 1470 e il 1560, e incarna quelli che si potrebbero definire i due volti del

Rinascimento, quello realistico e declamatorio e l'altro pi classico e idealizzante, e il contesto che li ha

visti operare, ribadendo l'importanza della loro produzione nell'ambito della scultura padana e in un pi

ampio panorama artistico, in parallelo alle pi note vicende pittoriche e scultoree segnate da protagonisti

quali Ercole de' Roberti, Giovanni Bellini, Nicol dell'Arca, Alfonso Lombardi, Correggio e Raffaello.



Con "Emozioni in terracotta. Guido Mazzoni e Antonio Begarelli. Sculture del Rinascimento emiliano" si

intende approfondire in tutti i suoi aspetti l'intensa attivit dei due scultori modenesi. La mostra al Foro

Boario raccoglie una sessantina di opere, in prevalenza scultoree, cui si affiancano alcuni dipinti e opere

grafiche, accuratamente selezionati, al fine di ricostruire sinteticamente il contesto all'interno del quale si

situa l'attivit dei due plasticatori. La mostra sar arricchita da un itinerario in citt e sul territorio, che

prevede la visita della Galleria Estense e del Museo Civico, dove si conservano opere che non si

ritenuto prudente spostare dalla loro collocazione abituale, e delle chiese del centro storico cittadino in

cui ancora si custodiscono gruppi scultorei di Mazzoni e Begarelli (Sant'Agostino, San Giovanni, San

Francesco, il Duomo, San Domenico e San Pietro), oltre a suggerire un itinerario ideale che arriva a

Ferrara e a Parma.



Un itinerario reso ancora pi suggestivo da una nuova illuminazione delle opere, resa possibile anche

grazie al supporto tecnico di Hera, che avvalendosi di particolari tecnologie di avanguardia, ne esalta le

qualit plastiche, espressive e liturgiche grazie alla possibile scelta tra diverse opzioni. Da sottolineare

anche l'attenzione del progetto alla compatibilit ambientale ed al risparmio energetico, aspetti sui quali

Hera investe da tempo.



Questa esposizione stata origine di una serie di scoperte, alcune d'interesse veramente straordinario,

e presenta una notevole quantit di opere inedite o poco conosciute. Tra queste figurano, tra l'altro, i

frammenti del Monumento Beliardi del Begarelli, rinvenuti nel 2007 in occasione delle operazione di

restauro della Chiesa di San Francesco.





"Guido Mazzoni e Antonio Begarelli furono protagonisti indiscussi della scultura del Rinascimento - nota

la curatrice della mostra Francesca Piccinini -, accostati in passato in virt delle comuni origini,

dell'utilizzo pressoch esclusivo della terracotta, ritenuta una tecnica tipicamente modenese e di un

presunto, ma infondato rapporto di discepolato, dedotto dalla comune appartenenza a quella stagione

rinascimentale che in tutta la penisola si manifestata come il momento forse pi alto e originale della

storia dell'arte italiana, declinandosi tuttavia in molteplici e feconde variabili geografiche e temporali,

queste ultime particolarmente significative nel caso nostro. Mazzoni e Begarelli distano infatti tra loro

cronologicamente una cinquantina di anni appena, essendo nato presumibilmente il primo intorno al 1450

e il secondo al 1500, ma esprimono attraverso la loro produzione artistica modi di pensare, idee e

convinzioni appartenenti a due stagioni profondamente diverse".





In occasione della mostra sar pubblicato un catalogo edito da Franco Cosimo Panini Editore.







SCHEDA INFORMATIVA

Titolo: EMOZIONI IN TERRACOTTA

Guido Mazzoni e Antonio Begarelli.

Sculture del Rinascimento emiliano



Sede mostra: Foro Boario

Via Bono da Nonantola, 2

Modena

Curatori: Giorgio Bonsanti e Francesca Piccinini

Allestimento: Fausto Ferri



Progetto illuminotecnica

gruppi scultorei: Alberto Pasetti



Catalogo: Franco Cosimo Panini

Preview stampa: venerd 20 marzo 2009, ore 11.30

Durata mostra: 21 marzo - 7 giugno 2009



Orario mostra: da marted a domenica, dalle ore 10.00 alle ore 19.00

luned chiuso



Ingresso: intero: 8 euro; ridotto: 6 euro (gruppi, categorie convenzionate, ragazzi 14-18 anni);

ridotto euro 3 (scuole); gratuito over 65 anni e under 14 anni

Informazioni: 320/4727903 ; www.mazzonibegarelli.it; info@mazzonibegarelli.it



Segreteria Organizzativa: Museo Civico d'Arte

Viale Vittorio Veneto 5. 41100 Modena

tel. 059/ 2033122

Ufficio Stampa mostra: Novella Mirri e Maria Bonmassar

Tel. 06-32652596; ufficiostampa@novellamirri.it



Ufficio stampa Fondazione Cassa di Risparmio di Modena:

Cecilia Lazzeretti

Tel. +39 059 239888 e-mail: ufficiostampa@fondazione-crmo.it

In collaborazione con Roberto Alessandrini:

Comune di Modena

roberto.alessandrini@comune.modena.it

marzo 2009





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl