CS Jesi premio Mediterraneo iL PREMIO DELLA POLITICA VA AL PRESIDENTE SPACCA

I fratelli Nicola e Pietro Silveri e la loro Rusticanella di Jesi, ci hanno pensato un po' sopra prima di decidere se fosse il caso di sospendere l'iniziativa facendola slittare di un anno.

06/giu/2009 16.23.55 Whipart Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
Presentazione del Premio MEDITERRANEO

 

iL PREMIO DELLA POLITICA VA AL PRESIDENTE sPACCA

 

 

LA NONA EDIZIONE DEL PREMIO MEDITERRANEO SI TERRà:

venerdì 19: 19.30 - 1.00       sabato 20: 18.30 - 1.00       domenica 21: 17 – 24

PRESSO IL RISTORANTE RUSTICANELLA DI JESI (AN)

http://www.rusticanella.it/Pages/fiera.aspx

 

La quarta edizione del Premio Mediterraneo cade nell’anno della crisi economica mondiale. I fratelli Nicola e Pietro Silveri e la loro Rusticanella di Jesi, ci hanno pensato un po’ sopra prima di decidere se fosse il caso di sospendere l’iniziativa facendola slittare di un anno. Ma poi è prevalso il principio che, di fronte alla crisi, bisognava non fermarsi. Perché è un po’ come quando un organismo viene scosso dalla febbre (che è un segno di crisi): che si fa, ci si abbandona e si dà termine allo svolgimento delle funzioni vitali? Sarebbe una scelta arrendevole, di morte. Anzi. Ed è proprio in questa congiunzione “anzi” che è racchiuso lo scatto di volontà e di determinazione dei fratelli Silveri. I quali si sono detti: “In ogni caso, avanti tutta!”. Nel momento in cui si interrogavano se sospendere o meno la manifestazione, la crisi era nel pieno della sua virulenza. Oggi, alla soglia della quarta edizione del Premio e alla nona dell’Antologia Enogastronomica (di cui il Mediterraneo è una costola nobile), mentre se ne stanno concludendo i preparativi, arrivano i primi timidi segnali di risposta che l’economia vera incomincia a dare a quella virtuale, vera responsabile del disastro planetario. L’organismo mostra di reagire e la febbre può essere sconfitta. Noi diamo il nostro piccolo contributo, per quel che possiamo, rispondendo, come sempre facciamo, al pessimismo della ragione con l’ottimismo della volontà. Secondo consuetudine, il Premio intende offrire riconoscimenti a quanti, nel settore ampio dell’enogastronomia, in qualsivoglia veste, abbiano dato esempi di intelligenza, di innovazione ( sia pur nel rispetto dei fondamenti della tradizione), di serietà: dall’ambito della produzione, a quello della comunicazione, della tecnica esecutiva e così via. Per rimanere fedeli al connotato dell’internazionalità (anzi, della mediterraneità, lo ripetiamo ancora una volta, non intesa in senso geografico ma in quello più ampio ed articolato dell’ottica geo-culturale), quest’anno uno dei premiati è uno chef italiano che si è distinto quale pioniere della conoscenza della gastronomia italiana in Russia. Marco Iachetta è stato, infatti, uno dei primi a credere che i modelli italiani del mangiar bene e del bere meglio avrebbero potuto riscuotere successo nel grande paese eurasiatico. La costanza – sua e di altri preveggenti come lui – è stata premiata. Oggi, infatti, nelle due più importanti città della Federazione Russa, Mosca e San Pietroburgo, la ristorazione italiana è molto sviluppata e, soprattutto, straordinariamente apprezzata. Attraverso essa i nostri ottimi cuochi veicolano il modello esistenziale nazionale (considerato che l’enogastronomia è un eccezionale mezzo di trasferimento dei connotati culturali da un popolo all’altro). Pensiamo per un attimo a quanto sconfinato sia il territorio della Federazione Russa, dall’Europa all’Asia, per capire quanto ancora si possa fare per incrementare vieppiù la conoscenza del nostro modo di approcciare la vita attraverso le modalità del mangiare e del bere. Per cui ci permettiamo di dare un consiglio, di offrire uno sprone nonché un augurio ai nostri giovani e preparati chef: avanti, ragazzi, perché l’est può continuare ad essere, per voi, un’ottima prospettiva di lavoro. Aggiungiamo però, sommessamente ma decisamente, una raccomandazione: purché siate sempre lo specchio fedele dell’autentica tradizione culinaria del vostro paese di origine, senza infingimenti né sotterfugi, nel rispetto pieno di quella dimensione di civiltà che l’enogastronomia italiana ha sempre rappresentato e tuttora rappresenta sia nella storia sia nella contemporaneità.

 

                                                                                                          Armando Ginesi  critico d’arte

 

 

 

VINCITORI 4° EDIZIONE

 

Categoria: politica

GIAN MARIO SPACCA. “Per avere, nel ruolo di amministratore e di politico, indirizzato la sua azione di es pansione delle peculiarità regionali marchigiane in diverse aree del mondo, con particolare attenzione alle iniziative create per lo svolgimento e lo sviluppo delle qualità enogastronomiche eccellenti  del territorio”.

 

 

 

Categoria: giornalismo ed editoria 

ELSA MAZZOLINI “ Per avere diffuso, attraverso l’attività giornalistica, editoriale e di organizzazione di eventi, seriamente professati, la cultura della qualità enogastronomica quale valore da perseguire  per non smarrire le connotazioni fondanti della nostra civile tradizione e delle radici profonde della mediterraneità”.

 

 

 

Categoria: ristorazione

MARCO IACHETTA “ Per avere agito da ambasciatore della cucina italiana in territorio russo giungendo, tra i primi, da contribuire efficacemente al successo della nostra ristorazione a Mosca, ottenendo apprezzamenti e riconoscimenti anche dai vertici istituzionali della Federazione Russa e per continuare, ora, la stessa promozione in territorio ucraino, precisamente a Kiev”.

 

 

 

Categoria: impresa

PASTIFICIO ANTONIO MARELLA “Per avere mantenuto l’antica tecnica artigianale di esecuzione delle paste ed averne, al tempo stesso, perfezionato le metodiche onde ottenere un prodotto con assenza quasi totale di impurità” 

 

 

 

 

 

GIURIA

 

Raffaele Bucciarelli presidente del consiglio regione Marche

Giuseppe Natale Frega preside facoltà di agricoltura università di Ancona

Armando Ginesi critico d’arte

 

 

 

 

 

 

 

 

SI ALLEGA FOTO EDIZIONE 2008 - INAUGURAZIONE CON RAFFAELE BUCCIARELLI PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE MARCHE, i CV dei premiati
 
LA CONFERENZA STAMPA SI TERRà IL 15 GIUGNO ALLE 11,30 PRESSO LA SEDE DEL CNSIGLIO REGIONALE DI ANCONA


----------------------

Ai sensi del D.Lgs. 196/2003, sulla tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, il trattamento delle informazioni che La riguardano, sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e tutelando la Sua riservatezza e i Suoi diritti.
In particolare, i dati idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, possono essere oggetto di trattamento solo con il consenso scritto dell'interessato e previa autorizzazione del Garante per la protezione dei dati personali (articolo 26).
Ai sensi dell'articolo 13 del predetto decreto, Le forniamo quindi le seguenti informazioni.
1. I dati sensibili da Lei forniti verranno trattati, nei limiti dell'Autorizzazione generale del Garante, per le seguenti finalità: invio di comunicazioni che possono essere di suo interesse senza cadenza fissa;
2. Il trattamento sarà effettuato con le seguenti modalità: invio di mail manuale o informatizzato;
3. Il conferimento dei dati al di fuori della mail già in nostro possesso è assolutamente facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
4. I dati non saranno comunicati ad altri soggetti né saranno oggetto di diffusione
5. Il titolare del trattamento è: whipart.it;
6. Il responsabile del trattamento è whipart.it;
7. Il rappresentante del titolare nel territorio dello Stato è whipart;
8. In ogni momento potrà esercitare i Suoi diritti nei confronti del titolare del trattamento, ai sensi dell'articolo 7 del D.lgs.196/2003 inviando una mail con oggetto CANCELLA a promozioneventi@whipart.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl