L’arte del vino nella terra del sole: i vini di Sicilia.

12/lug/2010 14.36.58 MediaAgency Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La Sicilia è una terra ricca di cultura e tradizioni.

Punto d’incontro tra civiltà molto diverse tra loro, l’isola ha conosciuto da vicino culture molto differenti: greca, romana, bizantina, sveva, angioina e borbonica, per citare solo le principali.

La cultura siciliana è, pertanto, il prodotto di un mix molto vario, che la ha arricchita in molti settori: dall’arte alla letteratura, dall’architettura alla gastronomia.

In questo percorso di sviluppo culturale c’è però una costante storica: la passione per il buon vino.

La Sicilia è sempre stata una terra di grandi vini, ma solo recentemente questa qualità è stata comunicata e riconosciuta in maniera adeguata.

Ciò è successo innanzitutto in Italia, dove la Sicilia contende alla Puglia il primato di prima produttrice di vino italiana, essendo protagonista nelle grandi kermesse nazionali con le sue bottiglie.

Anche a livello internazionale, però, i vini di Sicilia sono ormai molto apprezzati: Nero d’Avola, Cerasuolo di Vittoria, Zibibbo e Moscato sono dei must a livello internazionale, bevuti a Shangai così come a New York.

Il successo di questi vini è in gran parte imputabile alle tipicità geografiche dell’isola: un clima mite tutto l’anno, la qualità del suolo e l’esperienza dei viticoltori siciliani sono alla base della qualità di questi prodotti.

La qualità dei vini di Sicilia si traduce anche in versatilità: il gusto corposo e solare dei rossi è ideale per carni e formaggi; la decisa delicatezza dei bianchi si accompagna al pesce e ai dolci.

Un gusto che nasce dal sole, finalmente sulle tavole di tutto il mondo.

 

 

Vini Sicilia – Nanfro

CDB//Agencyiotiposiziono.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl